Roma - 11 maggio - CINQUANTA E CINQUANTA
uno spazio democratico segnato da una rappresentanza paritaria tra donne e uomini...





Cinquanta e cinquanta: ritroviamoci giovedi 11 maggio alle ore 18
Roma  presso la Casa internazionale delle donne
via della Lungara

Cinquanta e cinquanta: questo il nome della mobilitazione che abbiamo praticato durante la campagna elettorale per indicare l’unico shock del quale questo paese ha bisogno: uno spazio democratico segnato da una rappresentanza paritaria tra donne e uomini.
 
L’esito delle elezioni, con l’aggiunta della non lieta novità storica del diniego dei risultati da parte della coalizione di destra, ci induce a insistere. Perché le donne quanto gli uomini possano interpretare pubblicamente le ansie e indicare i desideri e le speranze della popolazione. Perché fermezza, equilibrio e cambiamento abbiano anche i nostri volti.
Intendiamo ripartire dalle tante riflessioni fatte tra donne negli ultimi anni a proposito della democrazia, della disuguaglianza tuttora in aumento, della tensione internazionale,  delle  cause politiche, economiche e culturali, e degli effetti.
Vogliamo impegnarci  sulla libertà e in particolare sulla laicità. Perchè riteniamo particolarmente grave che a una sorta di ostruzione delle fonti della libertà di pensare, individuale e collettiva,  corrisponda l’acquiescenza alle direttive delle chiese più potenti (in Italia dunque la Chiesa cattolica) sempre meno impegnate a dialogare con il loro Dio e sempre più autoritarie nel prescrivere norme di comportamento, identità nazionali, tradizioni, dando alimento a populismo, demagogia,intolleranza.
 
 Esiste davvero, pensiamo, una necessità di coesione civile e di senso di responsabilità in questo paese, ma ci chiediamo come si crede che entrambe possano fiorire senza una riconsiderazione e un riassetto delle relazioni politiche tra donne e uomini.
“Cinquanta e cinquanta” è ancora il nome di un impegno possibile, quello di praticare una sorta di rivoluzione pacifica ed economicamente sobria per dare nascita a una logica  politica capace di rianimare questo paese e ridisegnarne il paesaggio, così da renderlo più abitabile in ogni senso.
 
Ci incontriamo per diffonderlo, questo impegno, in forme e modi che lo rappresentino e lo incarnino al meglio.
 
 
 
 


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year
MOMA: cercasi nuovo look - Umberto Cesari lancia il concorso MyOwnMAsterpiece
Il ruolo delle società civili asiatiche nella ricostruzione e nella pacificazione

 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node