Roma, Teatro Greco- dal 2 al 7 febbraio- MACARIO, IL SOGNO DI UNA MASCHERA
L’omaggio del figlio Mauro al comico torinese che inventò la “Rivista”

 

 MACARIO
 IL SOGNO DI UNA MASCHERA

 

L’omaggio del figlio Mauro al comico torinese

che inventò la “Rivista”

 

di Mauro Macario

 

dal 2 al 7 febbraio 2010 - ore 21,00

Teatro Greco - Via Leoncavallo, 10 - Roma

 

(Roma - 22/01/10) Un viaggio attraverso sogno e magia per ricordare il comico torinese dalla faccia come un cartone animato. Macario – Il sogno di una maschera” di Mauro Macario torna nella Capitale - dopo il debutto estivo nel Festival “Spazi e Memoria" -  martedì 2 febbraio alle ore 21,00 presso il Teatro Greco di Via Leoncavallo, 10. 

Nella pièce il figlio dell’artista - autore, direttore e interprete/narratore - racconta la vera storia di Ermino Macario e della Rivista femminile in Italia, quella che esaltava "l'epopea dorata e sfarzosa del music hall" con le sue desiderate donnine, le famose canzoni (da Creola a Camminando sotto la pioggia, da Sentimental a Il Nilo blu…), i brillanti duetti.

Macario era una maschera. “Guarda quella faccia dipinta in modo assurdo”, scrive il figlio Mauro nel suo libro Macario mio padre. Il viso del genitore gli ricorda vagamente un cartone animato, un personaggio di Walt Disney che gli capita di vedere al cinema parrocchiale il sabato pomeriggio. “Sarà il Cappellaio matto? Con quei pomelli rossi sugli zigomi e il ricciolo tondo sulla fronte che sembra disegnato con il carboncino, invece è vero”.

Il figlio Mauro racconta e assembla i tasselli del puzzle costituito da video d’epoca, brani musicali e danza per rendere omaggio alla memoria dell’amatissimo padre scomparso nel 1980.

Accanto a Macario la Compagnia dei Passatisti, ovvero Gianluigi Cavaliere, carismatico cantante e "spalla" del capocomico (Cavaliere è voce ed autore del gruppo musicale Chantango, che già in passato ha collaborato con Mauro Macario, con cui condivide l'amore per la canzone francese e Léo Ferré).

Con Cavaliere duetta, Cinzia Fontana nel ruolo della “soubrettina tuttopepe", mentre e Sara D'Agostino è il clown, personaggio che su Erminio Macario suscitava un fascino da sogno.

“La figura del clown” - spiega Mauro – “era, per lui, emblematica. Convivevano nel pagliaccio il linguaggio del cinema muto e quella vena crepuscolare, poetica, romantica che tanto sentiva”.
Gli arrangiamenti musicali sono di
Fabio Rossato, le luci a cura di Fabio Scappini, mentre Davide Fontana e Rolando Pavin curano suoni e immagini, fondamentali e poetici elementi della memoria con cui - a tratti con narrazione documentarista, onirica, evocativa - dialoga l'affabulatore Mauro Macario.

Poeta, saggista, già regista per il cinema e la televisione, in questo caso anche attore, nella parte del Testimone del tempo che fu, il figlio del comico racconta quel romantico tempo della rivista e dei camerini con le lucine attorno allo specchio, di una comicità lunare e mai volgare.


 


 
 




AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node