Roma - 26 febbraio - 22 marzo - "I SONETTI DI SHAKESPEARE" al Teatro Vascello

“Un uomo che parla con un linguaggio misterioso
Due amici che indagano sulla sua identità
Un racconto sulla forza della poesia
Un’inchiesta sui segreti del desiderio
Una storia dove uomini di oggi affrontano un giallo di 390 anni fa"

TEATROVASCELLO, SALA 2 – 26 FEBBRAIO-22 MARZO
 
“i sonetti di Shakespeare”
scritto e diretto e interpretato da Duccio Camerini
traduzione di Giovanni Lombardo Radice
musiche e canzoni Germano Mazzocchetti

un progetto teatroinascolto de LA CASA DEI RACCONT1
in collaborazione con 58° festival Shakespeariano di VeronaAgot Produzioni

Nel 390° anniversario della morte di colui che ancora oggi in ogni parte del mondo viene ritenuto il più grande creatore di storie per il teatro, uno spettacolo che investiga i “Sonetti”, il suo libro più affascinante e segreto, per portare quelle pagine erotiche, filosofiche, precise come il filo di una lama, sul palcoscenico.
Harold Bloom li definisce da anni una “terrena commedia”. Già prima di lui, Jan Kott aveva visto il canzoniere shakespeariano come una sorta di materia teatrale, un dramma “nascosto”, con le sue azioni, i suoi eroi, un’incalzante progressione narrativa e uno spietato antagonista, il Tempo.
Da sempre tra i grandi classici, questi sonetti struggenti, ingenui, solari, a volte disperati, hanno l’immediatezza e la forza di qualcosa scritto appena ieri.
L’unico dramma di Shakespeare mai andato in scena, saremmo tentati di dire; ma in realtà l’intreccio tratto dai “Sonetti” trova nel nostro spettacolo riscontro in una storia di anime contemporanee, e viceversa; il triangolo amoroso, la scissione in due del protagonista, la passione, l’ossessione per il tempo, la poesia, la morte, si riverberano in un racconto, in un’indagine di sentimenti che procede parallela a quella sui troppi enigmi che da secoli spuntano dai “Sonetti” del Bardo.
Un incontro tra la poesia e il teatro di narrazione, da sempre punto di forza della compagnia “La Casa dei Racconti”, dove i “Sonetti” sono incastonati a formare un contrappunto al racconto stesso che li contiene.
Uno spettacolo sui desideri che nessuno riesce mai completamente ad appagare, sull’amore e le sue “istruzioni”, su cosa ci rende davvero mortali, sull’arte e l’apparenza delle cose, su tutti noi, fragile umanità sparsa nel grande palcoscenico del mondo.

Teatro Vascello sala 2
Via Giacinto Carini, 78 – Roma
Info: 065881021
www.teatrovascello.it
Orari: ore 21,30 – domenica ore 17.30lunedì riposo
Prezzi: posto unico euro 10.00


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node