NOVITA' EDITORIALE | LA FIABA DI BERNADETTE CHE NON HA VISTO LA MADONNA di Andrea G. Pinketts (Ed. Il Filo)
Milano - 31 gennaio - Presentazione @ Sud Dinner Bar

La casa editrice Il Filo ha fortemente desiderato quest'opera di Pinketts, il cui lavoro ha innovato in modo geniale e inconfondibile la scrittura italiana, aprendo nuovi sentieri, prima di lui, inconcepibili. Pubblichiamo La fiaba di Bernadette che non ha visto la Madonna con la convinzione che costituisca una delle interpretazioni più audaci, estreme, coinvolgenti e vibranti mai tentate del genere fiabesco. Un'invenzione letteraria pura che attraverso il genere trascende il genere stesso.

LA FIABA DI BERNADETTE CHE
NON HA VISTO LA MADONNA

di
Andrea G. Pinketts

presentazione
giovedì 31 gennaio ore 21
al Sud Dinner Bar - via Solferino, 33 - Milano.
Intervengono: l'autore e Gianfranco Funari

Comunicato - Andrea G. Pinketts abbandona, per più di cento pagine, il noir e ci regala una fiaba (non una favola) dalle tinte acriliche. Una fiaba scritta à la manière di Pinketts, che comincia con “E vissero tutti felici e contenti” e termina con “C'era una volta”.
Bruciata sul rogo dalla “Santa Disquisizione” di Edera Violacea, Bernadette, strega conturbante e dissoluta, esce da un quadro, sua prigione da seicento anni. Quindi riappare a Cubano Milanino, periferia di tutte le periferie.
Bernadette, del tutto offuscata e dimentica del proprio passato, arriva allo Smooth Bar, dove incontra Benedetto Dalla Doccia. I due avvertono subito che qualcosa di oscuro li lega, e se ne danno conferma scambiandosi un bacio rovente. Lui la porta con sé a casa di Jaracanda, squillo d'alto bordo della quale è ospite. Bernadette e Benedetto trascorreranno insieme una notte castissima.
La comparsa di Bernadette è un evento che non passa inosservato. Mentre tra lei e Benedetto, re e regina di cuori, scoppia l'amore, un fante di picche trama nel buio: la mafia russa. Ne è a capo Mida Von Pecunia Y Dinero che, non sopportando alcun calore (tanto meno quello umano), vive in una ghiacciaia con a fianco una bambina di nome Baby. Socio di minoranza di Mida è Ivan Dragovich, che è stanco non solo di recitare la parte del boss cadetto, ma anche di doversi adattare alla morsa di gelo cui Mida lo costringe.
Mida ha disperato bisogno di una strega per guarire la sua Baby affetta da una sorta di ringiovanimento patologico che presto la ridurrà a un semplice feto. Sono già molti i ciarlatani che ha interpellato senza esito e che ora fa torturare e uccidere da un sadico sicario detto l'incappucciato. Ivan Dragovich allora propone a Mida un patto: se gli porterà una vera strega, diventerà socio alla pari e potrà indossare abiti più caldi.
I due mafiosi si mettono al lavoro e scatenano orde di chiassosi troll, orchi e gorilla per catturare Bernadette. Ogni tentativo però fallisce grazie alla strenua resistenza opposta da Benedetto. A questo punto la fiaba d'amore diventa un film d'azione, carico di colpi bassi e nefandezze.
La fiaba, che sta volgendo al suo “C'era una volta”, vede Bernadette, Benedetto, Ivan e Mida gli uni di fronte agli altri. Bernadette guarisce in un lampo Baby dal male che l'affligge. Baby, tornata una venticinquenne da urlo, molla all'istante Mida.
La strega ormai ricorda tutto, ricorda di aver già amato Benedetto nella sua vita precedente, e riconosce nell'incappucciato il “Disquisitore” che l'aveva mandata al rogo. Tutti e tre sono usciti dallo stesso quadro, al quale ora Bernadette vuol fare ritorno, insieme a Benedetto ovviamente. Benedetto, però, le serve un due picche, rifiuta, ed esprime il desiderio di farsi una doccia. E qui finisce la fiaba: c'era una volta la felicità di essere insieme.

Andrea G. Pinketts, nato a Milano nei secoli bui, oltre che scrittore fra i più noti e originali, è stato anche giornalista investigativo: clamorose le sue inchieste in prima persona sulla “Setta dei Bambini di Satana” e le infiltrazioni camorristiche nel litorale romagnolo. Fra le sue opere ricordiamo: Lazzaro, vieni fuori (Feltrinelli), Il vizio dell’agnello (Feltrinelli), Fuggevole turchese (Mondadori), Nonostante Clizia (Mondadori). Nel 2006 è stato insignito dell’alta onorificenza di Cavaliere al Merito Culturale della Repubblica Francese.
Così ha commentato l’autore: “Nemo propheta in Pinketts”.

il sito di Andrea G. Pinketts www.pinketts.it
la casa editrice www.ilfiloonline.it

per info ufficio stampa:
IL MENABÒ - Agenzia di servizi editoriali di Rosanna Romano - via della Stazione di Ottavia 90, 00135 Roma
rosanna romano -
ufficiostampa@ilmenabo.it


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node