Roma - 8-27gennaio - MOLLY SWEENEY diretto da Andrea De Rosa, con Umberto Orsini, Valentina Sperlì e Leonardo Capuano @ TEATRO VALLE

Roma, TEATRO VALLE
dall’8 al 27 gennaio 2008

Emilia Romagna Teatro Fondazione
Teatro Metastasio Stabile della Toscana in collaborazione con Asti Teatro 29

UMBERTO ORSINI
VALENTINA SPERLÌ
LEONARDO CAPUANO

MOLLY SWEENEY
di Brian Friel
traduzioni Monica Capuani e Marta Gilmore

registrazione voce del padre di Molly Andrea Renzi voce di Molly bambina Elena De Rosa
Oft in the Stilly Night è cantata da Enza Di Blasio Halling dal Peer Gynt di Grieg e The lament for Limerick sono eseguite al violino da David Romano

scene Laura Benzi
costumi Ursula Patzak
luci Pasquale Mari
suono Hubert Westkemper
aiuto regia Flaminia Caroli
direttore di scena Fracangelo Secchi
elettricisti Gianni Raggi, Giordano Baratta
fonica Marco Olivieri, Alberto Garziano
direttore tecnico Mauro Brecciaroli
amministrazione Francesca Cucchi
foto di scena    Bepi Caroli
regia Andrea De Rosa

Ha separato palcoscenico e platea con una vetrata ed isolato gli spettatori, aldilà di questa, ad ascoltare in cuffia un’imperdibile Elettra olofonica, vibrante nel suo suono pieno, diventato visione, drammaturgia ed emozione. Ora il regista Andrea De Rosa, ispirandosi alla cronaca, conduce gli spettatori in una nuova dimensione sensoriale, in un’altra straniante avventura percettiva, che apre uno squarcio profondo sui problemi etici e filosofici che la cura dei pazienti può avere sugli stessi. In scena ad interpretare l’emblematica vicenda di MOLLY SWEENEY sarà un trio d’interpreti d’eccezione, Umberto Orsini, Valentina Sperlì e Leonardo Capuano.
La storia di Molly Sweeney è stata rielaborata drammaturgicamente dall’autore irlandese Brian Friel, a partire da un fatto realmente accaduto e raccontato dal neurologo Oliver Sacks nel saggio Vedere e non vedere: Molly è una donna di quarant’anni, cieca ma completamente autonoma, che lavora come fisioterapista. Il tatto è la sua strada per entrare in contatto col mondo e per riconoscerlo. La donna, convinta a sottoporsi ad una delicata operazione chirurgica, riacquista in parte la vista, ma l’esito positivo dell’intervento provoca in lei un grande un trauma. Molly si trova infatti a dover ri-conoscere il mondo, a doversi reinventare un orientamento, a re-imparare a vedere, con l’inconscia intuizione d’avviarsi ad un tragico fallimento.
E se, come già era accaduto per Elettra, il regista e gli attori rimettono in discussione gli schemi normali della percezione, tanto più cambiano i parametri metaforici della visione della vita e delle sue emozioni. Una drammaturgia dello spaesamento – per dirla con le parole di Umberto Orsini – che ancora una volta rimescola le carte del fare teatro interpretando il medico e quindi la precisione scientifica di colui che deve operare il miracolo, non curante di una diversa sensibilità. Difficile ed affascinante è il ruolo di Valentina Sperlì – prima cieca, avvolta lei si nell’oscurità ma depositaria di una sapienza sensoriale,  squarciata improvvisamente da un’altra dimensione di vedente, fuori dall’handicap ma calata in una nuova ed “innaturale” realtà. A supportare la donna, il marito – Leonardo Capuano – calato a sua volta in un altro tipo di cecità che gli fa rifiutare lo svantaggio fisico a favore di una mediocrità priva di illusioni. Tre interpretazioni complementari e di grande impatto emotivo per guidare il pubblico dentro e fuori la messa in scena, affidandosi molto alla forza medianica dei cinque sensi, che diventano parte integrante dello spettacolo. A completare ancora il quadro, una strumentazione tecnica - microfoni e luminescenze, led e torce, foriere di atmosfere e riflessioni. E torna dunque l’interrogativo di partenza col quale William Molyneux si confrontò coll’amico John Locke: «Immaginiamo un uomo nato cieco e ormai adulto, a cui sia stato insegnato a distinguere un cubo da una sfera mediante il tatto e al quale venga ora data la vista; sarebbe egli in grado, prima di toccarli, di distinguerli e dire quale sia la sfera e quale il cubo, servendosi solo della vista?».

ETI - Ufficio Stampa
Silvia Taranta, Bianca Vellella
Tel. 06/44013239.258


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node