Roma - 19dicembre-15gennaio - TAPPETI DI GUERRA a cura di Enrico Mascelloni @ GALLERIA DELLORO

TAPPETI DI GUERRA
A cura di Enrico Mascelloni
19 dicembre 2007 - 15 gennaio 2008
INAUGURAZIONE MERCOLEDì 19 DICEMBRE ore 18.30

GALLERIA DELLORO - ROMA

Il 19 dicembre sarà in mostra una delle più complete collezioni del mondo dei cosidetti "Tappeti di Guerra".
Realizzati in Afghanistan da maestranze locali, poi nell'esilio di Peshawar e Quetta, questi tappeti appellati familiarmente 'Kalashnikov' vanno annoverati tra le più forti invenzioni visuali della fine della seconda metà del secolo scorso. La sostituzione di cornici decorative, mihirab e boteh con fucili automatici ed elicotteri da combattimento, costituisce un vero e proprio circuito nel corpo di una tradizione pluricentenaria. Alcuni tappeti di guerra precedono persino la sequenza quasi trentennale delle guerre afghane.
La tipologia più frequente vede perfettamente incastrate, un tipico horror vacui decorativo, le armi di più largo utilizzo al tempo dell'occupazione sovietica. Nei primi esemplari la particolarità dei nuovi oggetti rappresentati era talmente mimetizzata nella classica forma simmetrica del tappeto tradizionale, da presumere un certo lasso di tempo prima di poterne focalizzare la novità figurale. In tal senso poteva venire intesa come una forma di trompe l'oleil, o comunque di campo astratto. L'iconoclastia radicale dei Taleban li tollererà a fatica, ma influenzeranno visibilmente la fiorente produzione di gadget combattenti distribuiti dai Taleban e dai loro simpatizzanti pakistani lungo la Frontiera di Nord-Ovest alla fine degli anni '90.
Ai tappeti di guerra veri e propri vanno connesse altre tipologie moderniste come i tappeti con il mondo, i tappeti con ritratto e i tappeti con città.
Numerose mostre, allestite a partire dal 1991, hanno contribuito a farli conoscere in Occidente, affrettando il passaggio dei migliori esemplari dai bazar centro asiatici ad alcune delle più prestigiose collezioni pubbliche e private d'arte contemporanea. Il circuito dell'arte contemporanea è stato ben più tempestivo di qualunque altro nel recepirne la portata culturale e storica. Sarenco è stato il primo artista ad averli utilizzati in un insieme installativo. Successivamente vi si sono cimentati, ma con minore impatto, altri artisti europei e americani.

GALLERIA DELLORO
VIA DEL CONSOLATO 10 - ROMA
www.galleriadelloro.it


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node