Bologna - 14-16 dicembre - Ulderico Pesce e Andrea Satta in FIATo sul collo, i 21 giorni di lotta degli operai della Fiat di Melfi @ Arena del Sole

Operai della FIAT in protesta con Ulderico Pesce
Il racconto appassionato di uno dei fatti di cronaca più emblematici degli ultimi anni 

Venerdì 14 dicembre, alle ore 21.30 nella Sala InterAction dell’Arena del Sole, il Centro Mediterraneo delle Arti presenta Ulderico Pesce e Andrea Satta in FIATo sul collo, i 21 giorni di lotta degli operai della Fiat di Melfi. Indagini sonore dei Têtes de Bois.

REPLICHE SABATO 15 ORE 21.30 E DOMENICA 16 DICEMBRE ORE 16.30

Vincitore del Premio Marisa Fabbri all’edizione del Premio Riccione per il Teatro 2005, l’attore, autore e regista Ulderico Pesce porta in scena il suo racconto drammatico e appassionato che rievoca una delle pagine di cronaca italiana più delicate degli ultimi anni. Un drammatico saggio di teatro narrazione che vede in scena lo stesso Pesce e Andrea Satta. Le musiche sono dei Têtes de Bois, la band romana – di cui Satta è il cantante – che ha affrontato con forza, passione e ironia i temi del lavoro, e la cui musica trae spunto da parole e suoni catturati nei luoghi di transito, della quotidianità.

FIATo sul collo narra la storia di Antonio e Angela. Entrambi vivono ad Acerenza, provincia di Potenza, e quando nel 1994 la Fiat-Sata di Melfi seleziona gli operai da assumere attraverso contratti di formazione-lavoro, comincia il loro “sogno americano”: entrare in Fiat e avere uno stipendio fisso. La realizzazione del sogno, che festeggiano con torta e candeline, li porta al matrimonio, all’acquisto, attraverso mutui bancari, di una piccola casa e di una Fiat Punto. E l’illusione della raggiunta tranquillità economica è tale che subito mettono al mondo due bambine. La vita quotidiana in fabbrica però, a poco a poco, trasforma il loro sogno in incubo, con ritmi impossibili da sostenere – la “doppia battuta”, ovvero il ripetersi per due settimane consecutive del turno di notte – e salari striminziti che provocavano focolai di protesta con conseguenti licenziamenti e provvedimenti disciplinari.

Antonio e Angela usciranno dall’incubo partecipando con “nuova coscienza” alla lotta iniziata il 19 aprile del 2004 con la creazione di presidi davanti alla fabbrica, una lotta sostenuta dalla sola Fiom-Cgil, in cui le operaie e gli operai di Melfi, di fronte ai soprusi della direzione aziendale, rispondono “assediando la fabbrica”. La lotta, che li vede costretti a resistere alle cariche della polizia con determinazione e orgoglio, dura 21 giorni e finisce con l’accettazione da parte della Fiat Sata delle richieste degli operai, tra cui l’equiparazione del salario agli altri stabilimenti Fiat e l’eliminazione della “doppia battuta”.

«È difficile – spiega l’autore – che qualcuno oggi si occupi degli operai metalmeccanici, di quelli che fabbricano le macchine. La TV e i giornali in genere non si occupano della loro vita, della loro condizione di lavoro che spesso nella storia anche recente d’Italia ha significato “schiavitù istituzionalizzata”. Con questo spettacolo ho voluto occuparmi di queste cose».

Motivazione del Premio Marisa Fabbri – Dal cuore della Basilicata, il racconto irridente e appassionato, in forma di monologo e nel solco del teatro di narrazione, di una vita costruita sulla speranza di un lavoro che mina ogni legame e sicurezza. Voci, pensieri e sentimenti intrecciati in una scrittura che parte da una base leggera e ironica per affondare nella crudezza cronachistica degli scioperi alla Fiat di Melfi e nella disperazione delle prospettive future. Il testo si infiamma per via e sarebbe piaciuto a Marisa Fabbri per il suo impegno e il gusto con cui si inventa parole e personaggi, tanto da supporre che le sarebbe piaciuto interpretarlo con abiti maschili.

Informazioni, prenotazioni e vendita: Arena del Sole, Via Indipendenza 44, Bologna
Tel. 051.2910.910, fax 051.2910.915 • vendita on-line biglietti
www.arenadelsole.it
ORARI BIGLIETTERIA lunedì ore 15.30-19; martedì - sabato ore 11-19 (esclusi festivi)
Teleprenotazioni con carta di credito: tel. 051.648.63.87 (feriali ore 15.30 - 18.30


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node