Parma - 19 giugno - IL CONSERVATORIO A. BOITO DI PARMA presenta SACRED CONCERTS - ROBERTO BONATI PORTA SUL PALCO OLTRE CINQUANTA ELEMENTI PER RACCONTARCI UN DUKE ELLINGTON POCO CONOSCIUTO

IL CONSERVATORIO A. BOITO DI PARMA
presenta

SACRED CONCERTS
ROBERTO BONATI PORTA SUL PALCO OLTRE CINQUANTA ELEMENTI
PER RACCONTARCI UN DUKE ELLINGTON POCO CONOSCIUTO
Parma, CONSERVATORIO A. BOITO – 19 giugno, ore 21.00

“Se un essere umano è preoccupato geme e piange quando prega. Se un essere umano capisce che quello di cui gode in  questa vita gli succede solo per grazia di Dio, giubila, canta e qualche volta danza.
Ogni uomo prega nel suo proprio linguaggio.”
Duke Ellington

Il 19 giugno prossimo alle ore 21 presso il CONSERVATORIO A. BOITO di Parma grande serata dedicata a DUKE ELLINGTON: oltre cinquanta persone sul palco ad affrontare il suggestivo e magico repertorio sacro di uno dei più grandi autori della storia del jazz. Protagonisti, sotto la direzione del M° ROBERTO BONATI, l’Orchestra Jazz del Conservatorio A. Boito di Parma, il Coro del Conservatorio “A. Boito” di Parma, il Coro dei Civici Corsi di Jazz di Milano. Direttore dei cori, Giorgio Ubaldi.
Il programma comprende i momenti più significativi di tre concerti sacri scritti da Ellington fra il 1965 e il 1974. Vero e proprio punto culmine del suo percorso artistico.

L’evento è impreziosito dalla partecipazione di Alberto Mandarini come tromba solista e, come prevede la partitura di Ellington raramente rispettata, dalla partecipazione nel brano David Danced di un ballerino di tip tap: Andrea Centi.

Questa nuova e preziosa produzione del Conservatorio “A. Boito” è parte integrante dell’attività didattica degli studenti del Corso di Laurea in Discipline musicali a indirizzo Jazz. Infatti, l’orchestra è composta da studenti ed ex studenti del Corso di Jazz e da docenti, tra i quali Alberto Mandarini (tromba solista). Gli organici sono diretti dal M° Giorgio Ubaldi (titolare della cattedra di esercitazione corale) e dal M° Roberto Bonati, titolare della cattedra di composizione ed improvvisazione jazz. Il progetto dei Sacred Concerts rappresenta un ulteriore e significativo contributo alla ricerca e alla sperimentazione nell’ambito dei linguaggi musicali della contemporaneità proposte dal Conservatorio di Parma, una delle poche realtà accademiche italiane ad aver organizzato al suo interno negli ultimi due anni un vero e proprio Dipartimento di musica Jazz. In quest’ottica si inserisce il coinvolgimento nei Concerti Sacri di un’istituzione quale i Civici Corsi di Jazz di Milano, struttura didattica di rilievo internazionale, di cui sono attivi animatori Franco Cerri, Enrico Intra e Maurizio Franco.

Molti dei più grandi compositori hanno sentito la necessità, negli ultimi anni della loro vita, di descrivere la solitudine e la vulnerabilità dell’uomo attraverso la musica sacra.
Duke Ellington, a partire dal 1965, quando eseguì i Sacred Concert nella Grace Cathedral di San Francisco, si dedicò alla composizione di ben tre concerti sacri che furono da lui diretti in tutto il mondo fino al 1974, anno della sua scomparsa.
Oltre alle sedi più tradizionali, quali chiese e sinagoghe, i tre concerti sacri furono eseguiti anche in università, in occasione di congressi e perfino in hotel, sale da ballo e nightclub.
Queste composizioni rappresentano un punto culminante nel suo iter artistico: comprendono tutte le sue idee, tecniche e pratiche stilistiche acquisite e presentano anche nuovi elementi quali l’uso del coro, il free e modal jazz degli anni ‘60/’70 e influenze del gospel e del rock.
Ellington, cresciuto con un background religioso, si considerò un messaggero contro l’ateismo. 
Le sue convinzioni si riflettono nei testi, nei titoli e nei brani recitati, dei quali è anche autore, dei Sacred Concerts.
La sua musica, composta negli anni della lotta degli afroamericani per la loro emancipazione, ha anche una forte valenza sociale: affermò ciò che doveva essere detto in modo penetrante, ma non stridente. Significativamente la suite “It’s freedom”, che conclude l’opera con un forte messaggio di speranza, ha una durata di oltre 13 minuti.

Orchestra Jazz del Conservatorio A. Boito di Parma
Emiliano Vernizzi           sax contralto solista
Elisabetta Maggi         sax contralto
Marco Ferri               sax tenore, clarinetto solista
Elena Vita             sax tenore
Mauro Esposito           sax baritono solista
Giuseppe Virone             prima tromba
Alberto Mandarini         tromba solista
Enrico Pasini                tromba
Antonio Ronchini          tromba
Simone Pederzoli            primo trombone solista
Fabio Amadasi                trombone
Valentino Spaggiari          trombone
Alessandro Sgobbio       pianoforte solista
Cesare Petricca            contrabbasso
Gregorio Ferrarese            batteria
Cantanti
Soprano: Myung Yeoun Zoo
Mezzosoprano: Debora Ballatori
Baritoni: Ignazio Nurra e Oscar Ferrara

Ufficio Stampa: Studio alfa
tel. e fax 06. 8183579, e- mail:
ufficiostampa@alfaprom.com
responsabile ufficio stampa e P.R. Lorenza Somogyi Bianchi, cell, 333. 4915100
addetto stampa Olivia Volterri, cell. 338 5690870


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node