Venezia - 8giugno-21novembre - mostra: OMAGGIO A VEDOVA, DIALOGO CON BASELITZ @Giardini della Biennale

OMAGGIO A VEDOVA
DIALOGO CON  BASELITZ

Uno sguardo internazionale dalla collezione Video ART/TAPES/22 dell’ASAC
(Archivio Storico delle Arti Contemporanee) della Biennale di Venezia:
Marina Abramovic, Vito Acconci, Joseph  Beuys, Pierpaolo Calzolari, Rebecca Horn, Ketty La Rocca, Arnulf Rainer

Venerdì 8 giugno ore 18.00
Padiglione Venezia
Giardini della Biennale, Venezia

Interverranno
Massimo Cacciari, Sindaco di Venezia
Davide Zoggia, Presidente Provincia di Venezia
Giancarlo Galan, Presidente Regione del Veneto

Il Padiglione Venezia della Biennale è oggi al centro di un progetto culturale promosso dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Venezia e dal Comune di Venezia
con l’intento di restituire questo spazio espositivo alla cultura veneta in un’ottica internazionale. La dimensione concettuale che è alla base della Biennale – sede storica
di incontro tra idee, persone, linguaggi che si confrontano oltre i confini geografici della regione – rappresenta in tal senso il terreno più consono per proporre una sfida interessante: mettere in relazione artisti veneti e artisti internazionali con la specificità di questa città: forma urbana unica nel suo genere, in equilibrio dai tempi della Serenissima tra la dimensione tutta locale della sua vita quotidiana, popolare e insieme raffinata, e l’affacciarsi ai mercati internazionali d’oltre Adriatico, in armonia sapiente tra tradizione dell’artigianato, civiltà eccellente delle arti e modernità tecnologica.

A esemplificare la forza centrifuga e, nel contempo, catalizzatrice che è sottesa al progetto culturale targato “Padiglione Venezia”, sono stati chiamati tre curatori: Luca Massimo Barbero, Chiara Bertola e Angela Vettese, rispettivamente designati da Provincia, Regione del Veneto e Comune di Venezia, individuati in ragione dei loro ruoli presso tre delle istituzioni per l’arte contemporanea più attive a Venezia: la Peggy Guggenheim Collection, la Fondazione Querini Stampalia e la Fondazione Bevilacqua
La Masa.

La riapertura del Padiglione Venezia è stata considerata, dunque, in un’ottica che non sia solo di ripristino di uno spazio storico ma anche di un’idea di prospettiva e di opportunità per i linguaggi dell’arte contemporanea futura. Una riapertura alle ricerche giovani che potranno avere in questo spazio un punto di riferimento e visibilità non solo per le arti visive ma per ogni settore della Biennale.

Nume tutelare per l’avvio di questo progetto è Emilio Vedova. Scomparso da meno di un anno, è stato anzitutto l’artista che ha impregnato di sé in modo indelebile l’Accademia di Belle Arti di Venezia influenzando generazioni intere di studenti; nello stesso tempo, costantemente invitato ad esporre alla Biennale, ha potuto far da tramite tra l’humus veneziano e il contesto mondiale della rassegna. Vedova, con la sua straordinaria energia sia fisica sia mentale, seppe essere il centro di un sistema di relazioni che aiutò a mantenere Venezia al centro del dibattito internazionale.

A emblema di questo continuativo rapporto con la Biennale, grazie alla fondamentale collaborazione della Fondazione “Emilio e Anna Bianca Vedova” si è scelta unicamente l’imponente opera Senza Titolo (Als ob) simbolo della maturità espressiva del suo linguaggio e contemporaneamente Leone d’oro alla carriera (1997) per la mostra che sarà allestita al Padiglione Venezia dal 10 giugno al 21 novembre. 

Il principio ispiratore che informa il progetto culturale sotteso al “Padiglione Venezia” è quello del dialogo inteso come uno scambio vivificante di pensieri, come un incontro di persone che condividono – anche se distanti nel tempo e nello spazio fisico – le medesime poetiche espressive, gli stessi orientamenti di ricerca creativa, lo stesso coraggio di mettersi al centro di relazioni concettuali internazionali.

In questa prospettiva, si presenta lo straordinario omaggio creato da Georg Baselitz,  presenta sei  grandi opere inedite pensate dall’artista tedesco appositamente per questo Dialogo con il Maestro. Tali opere si collocheranno quasi come un abbraccio ideale attorno al grande disco di Vedova, come a voler esplicitare anche fisicamente quella solidarietà intellettuale che legò i due artisti nel tempo tra Berlino e Venezia  e che Baselitz ha voluto ricordare per questa esposizione. Baselitz, apre così - con questi suoi simbolici “teleri” di tre metri per due e mezzo , eseguiti nella quasi totalità del bianconero- un dialogo intimo  con Vedova ma  al tempo stesso è emblema di un ambito internazionale che non mancherà di coinvolgere il pubblico e di segnare l’atmosfera del Padiglione segnalandolo come Nuovo Luogo per le arti contemporanee.

In questo intreccio di relazioni, che rimandano al fermento culturale di dimensione internazionale proprio della Biennale, si colloca la presentazione di alcuni video – gentilmente messi a disposizione dall’ASAC – che restituiranno interviste e perfomance di artisti che hanno preso parte all’ambiente  culturale della Biennale degli anni ’70: Marina Abramovic, Vito Acconci, Joseph Beuys, Pierpaolo Calzolari, Rebecca Horn, Ketty La Rocca, Arnulf Rainer, solo per citarne alcuni. Un  momento di grande originalità in questa sezione, sarà rappresentato  da due momenti sempre video dedicati a Vedova di cui un suo raro inedito “girato”  in Super8 di oltre sessanta
minuti, affascinante Diario di Viaggio americano dove le immagini sono pensate in ritmo come attraverso griglie di segni e colori straordinari .

L’omaggio che viene presentato al Padiglione Venezia assume da una parte il carattere di memoria, in concomitanza con altri momenti celebrativi previsti in città e in attesa delle retrospettive che si terranno a Roma (ottobre 2007) e a Berlino (2008), e, nello stesso tempo, di riflessione sull’arte presente nel contesto internazionale della Biennale delle Arti Visive.

Scheda tecnica
Titolo mostra: Omaggio a Vedova, Dialogo con Baselitz
Sede: Padiglione Venezia, Giardini della Biennale, Venezia
Periodo: 10 giugno – 21 novembre 2007
Curatori: Luca Massimo Barbero, Chiara Bertola, Angela Vettese
Promotori: Regione del Veneto, Provincia di Venezia, Comune di Venezia
Inaugurazione: Venerdì 8 giugno ore 18.00
Orario di apertura: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì (escluso lunedì 11 giugno)

Informazioni al pubblico       
La Biennale - Ufficio Promozione Pubblico
Tel. +39 041 5218.828
Fax +39 041 5218.825
infogruppi@labiennale.org
www.labiennale.org

Ufficio stampa  
Studio Pesci di Federico Palazzoli
Via Giuseppe Petroni 18/3 – 40126 Bologna
Tel. +39 051 269267
Fax +39 051 2960748
info@studiopesci.it
www.studiopesci.it



AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node