Roma - 26 maggio - Rashomon Club Closing Party

Sabato 26 maggio 2007, ore 23.00
Loaded!! & Breakeuphoria

presentano:
Rashomon Club Closing Party

Grande evento di chiusura per uno dei locali che hanno segnato la stagione invernale del clubbing romano - il Rashomon Club - uno dei best kept secret di Roma! Il divertimento come fulcro principale nella programmazione, un'offerta musicale di qualita' e una splendida attitudine a succhiare ogni sabato il lato piu' gioioso di techno,electro e dintorni, ne hanno sancito la fama di locale rivelazione della passata stagione!
L'organizzazione e' affidata ai team Loaded!! & Breakeuphoria, che per festeggiare un anno fantastico, condito da memorabili nottate passate in compagnia dei resident djs e dei numerosi dj internazionali che si sono alternati alla consolle, vi invitano ad un evento unico che vedra' il Rashomon espandersi ed aprire una seconda sala all'interno della Saponeria!
Ospite d'eccezione sara' Luke Vibert che insieme ad Aphex Twin, Squarepusher, Trent Reznor e pochi altri, fa parte di quella schiera di “Computer’s Addicted” che, verso la metà degli anni novanta rivoluzionava il modo di fare musica elettronica,percorrendo, con un’apertura a 360°, le vie della sperimentazione più profonda, passando tanto per l’ambient, quanto per la drum’n’bass. E d’idee fantastiche ne ha tirate fuori Luke Francois Vibert, pubblicando per oltre dieci anni su tutte le etichette discografiche più importanti della scena elettronica ( Ninja Tune, Mo’ Wax, Rephlex ) e sotto gli pseudonimi di Wagon Christ e Plug, prima di giungere al debutto per Warp (2003) con “Yoseph” un album massiccio, dalle sonorità acide e cerebrali che segnerà l’inizio di un nuovo viaggio sonoro. La collaborazione con Matthew Herbert, Tortoise ed altri illustri musicisti del panorama mondiale, e dopo il successo dello stesso Yoseph, Luke Vibert torna di recente con un nuovo album per la Planet Mu. Atmosfere jazzy ed ancora vintage in “Lover’s Acid” (2005). Note colorite di funky digitale, distorsioni ammorbidite e presenza di sequenze breaks meno affannate: s’attenua l’impatto in termini di stile, guadagnando nell’ascolto, che adesso si fa più avvolgente ed affabile, pur mantenendosi negli ambiti sempre sperimentali tipici della Planet Mu.

start: 23.00
end: 05.00
10€/10 € con consumazione in lista

Info e liste:
3473405710 |
letsgetloaded@libero.it | www.myspace.com/letsgetloaded
3382716589 | breakeuphoria@yahoo.it | myspace.com/breakeuphoria

Rashomon Club
via degli Argonauti, 16
Ostiense - Roma

ROOM 1:

LUKE VIBERT
Insieme ad Aphex Twin, Squarepusher, Trent Reznor e pochi altri, Luke Vibert fa parte di quella schiera di “Computer’s Addicted” che, verso la metà degli anni novanta rivoluzionava il modo di fare musica elettronica, rimanendo (forse) un attimo defilato, rispetto ai nomi di cui sopra, percorrendo però, con un’apertura a 360°, le vie della sperimentazione più ossessiva, passando tanto per l’ambient, quanto per la drum’n’bass. Un giovane Mozart, insomma, che sta seduto a casa rimuginando continuamente idee fantastiche. Così fu definito da BJ Cole, leggendario chitarrista e compagno di recenti avventure. E d’idee fantastiche ne ha tirate fuori Luke Francois Vibert pubblicando per oltre dieci anni su tutte le etichette discografiche più importanti della scena elettronica (Ninja Tune, Mo’ Wax, Rephlex solo per citarne alcune) e sotto gli pseudonimi di Wagon Christ e Plug, prima di giungere al debutto per Warp (2003) con “Yoseph” un album massiccio, dalle sonorità acide e cerebrali che segnerà l’inizio di un nuovo viaggio sonoro. Un viaggio che riporta Vibert da un lato alle origini sia per l’utilizzo del proprio nome, sia per la riscoperta e la manipolazione di suoni provenienti soprattutto da sintetizzatori vintage analogici e dall’altro, consacrandone la maturità artistica attraverso un percorso meno sperimentale, ma molto più fruibile ed armonioso. Attraverso la collaborazione con Matthew Herbert, Tortoise ed altri illustri musicisti del panorama mondiale e dopo il successo dello stesso Yoseph, Luke Vibert torna di recente con un nuovo album per la Planet Mu. Atmosfere jazzy ed ancora vintage in “Lover’s Acid” (2005). Note colorite di funky digitale, distorsioni ammorbidite e presenza di sequenze breaks meno affannate: s’attenua l’impatto in termini di stile, guadagnando nell’ascolto, che adesso si fa più avvolgente ed affabile, pur mantenendosi negli ambiti sempre sperimentali tipici della Planet Mu

vibert lukevibert

VALERIO!
Poco piu' che adolescente,inizia ad interessarsi alla scena elettronica italiana e internazionale,incuriosito da artisti come Layo e Bushwacka!,Chemical Brothers e Daft Punk. La sua capacita' di sperimentare gli fa muovere i primi passi nella scena romana divenendo dj resident degli ex Magazzini nel 2002 e in molti altri locali della capitale. Il suo gusto elektro, sempre aperto a tutte le innovazioni, gli permette di prendere parte a due progetti musicali distinti ma complementari: Two on Strike (in cui risalta il gusto elitario per una dance-hall da intenditori) e Mani Pulite ( originale alchemia che sfrutta un groove piu' deciso ed esplosivo) che lo porta a suonare nell'ottobre 2005 al noto Nitsa Club di Barcellona, riscuotendo notevole successo, Il nostro "ragazzaccio" propone un sound dalle diversita' ricercate, unendo il calore della dance puramente inglese con il groove matematico della nuova scena tedesca, passando per ritmi Chicago old-school '90s e melodie italodisco anni 80, creando sempre un'atmosfera unica e diversa in ogni suo dj set!

ANDREA ESU
Nasce a Parigi nel 1976.
L'enorme passione per la musica nata in tenerissima eta' lo portera' a selezionare i primi dischi nel 1998 di fronte al pubblico del popvenue, serata di riferimento per le sonorita' alternative-indie-rock a Roma e poco piu' tardi a condurre le sue prime trasmissioni radiofoniche, insieme all'amico di sempre Fabio Luzietti, su Radio Citta' Futura
Incuriosito gia' dalla meta' degli anni novanta dalle ritmiche trip hop e dub della scena di Bristol da una parte e dal "big beat house" , approda presto, attraverso una costante ricerca musicale, a beat piu' minimali ed elettronici nel 2000 grazie anche alla continua sinergia con il fratello Fabrizio (aka Fabrice) con il quale inizia a suonare in vari club romani.
Nel novembre del 2002 parte la sua avventura con L-Ektrica, serata che nel giro di due anni diventa un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti della dance alternativa e delle nuove sonorita' electro, house & tech, proponendo costantemente artisti di livello internazionale, e che vede come icona George, personaggio dall' aspetto comune e dal look stravagante che ricorda i Kraftwerk.
Per L-Ektrica Andrea cura la programmazione artistica oltre che esserne il dj resident.
Dal 2002 ha approfondito la sua esperienza di dj suonando accanto a grandi nomi del calibro di Felix Da Housecat e Alex Paterson ma anche ad artisti "cult" della nuova scena electro come Martini Bros, Ewan Pearson, Ivan Smagghe, M.A.N.D.Y., Chloe', Jennifer Cardini, Drama Society, Glimmer Twins e molti altri.
In pochi anni ha saputo ritagliarsi un palcoscenico di tutto rispetto, guadagnandosi serate nei locali più rappresentativi di Roma e diventando uno dei piu' apprezzati dj emergenti della sempre movimentata e fertile scena underground capitolina.
I suoi dj set, fortemente improntati sul concetto di "groove", attraversano epoche e stili diversi mantenendo un suono fresco e melodico che sa essere anche tagliente ed "infuocato" al momento giusto.

ROOM 2:

LORY D
Nato a Roma nel 1969, Lory D inizia a suonare nel 1987, quando, a casa si divertiva a sckretchare sull’hip-hop. A partire dal 1988, inizia a coltivare la sua passione per le sonorità elettroniche a partire dall’house, dall’acid, fino alla techno, subendo le influenze di quelli che, ormai,possono essere considerati i”classici” delle scuole di Chicago e di Detroit. Ormai,considerato storico dj di Roma, Lory D inizia a suonare negli Acid Party insieme a Mauro Dandini, suona anche nei primi raves italiani di fine anni ’80. Da qui inizia la sua la sua attivissima storia di dj che lo porta a suonare in tutti i templi dell’electro e della techno,italiani,ma non solo, il suo sound arriva anche nei locali Olandesi,a New York, in Svizzera, in Francia. Incide per l’Electronic out Broading Caste e per la Adrena Chrome , la stessa etichetta di The Moover. Ma è con “Antisystem” disco inciso con la BMG, venduto e apprezzato in tutto il mondo che attira su di sé l’interesse. Nel 1990, fonda con la collaborazione di Andrea Benedetti, la SNS “SOUNDS NEVER SEEN” la prima etichetta techno sperimentale italiana, che lo ha portato ad essere definitivamente considerato una della pietre miliari della scena elettronica mondiale. Tra le sue varie produzioni da ricordare le colonne sonore dei film “Scarlet è viva” di Asia Argento e di “AlmostBlue” dove le immagini di Alex Infascelli, scorrono impastate al suono, alla musica dei massimo volume e di Lory D in un gioco di stridore, morbidezza e spigolosità. I suoi dj set sono una continua esplorazione di tecniche e ricerca nell’universo electro e techno, ricerca di formule sconosciute che sappiano ancora suscitare emozioni.

loryd3

MAX DURANTE
Scratch, tecnica ed eclettismo, queste le 3 parole chiave per descrivere lo stile di Max Durante. Inizia professionalmente la carriera di dj nel 1987 a Roma. Apprezzato per la sua tecnica e per la capacità di mescolare groove e sperimentazione, è uno dei più grandi esponenti di musica elettronica di qualità "Made in Italy" ed artista altamente amato e rispettato sia in Italia che all' estero. Ha collaborato con alcuni tra i migliori artisti dell'attuale scena electro come DJ Hell e Tuxedomoon, Anthony Rother, Keith Tucker, Prefuse 73, Alexander Robotnick e molti altri. Nell’ Ottobre del 1999 crea la sua etichetta discografica Prodamkey Records. Nel 2000 ha prodotto un disco (Netzwerk Europa) con Anthony Rother con il quale si è esibito in vari live europei effettuando scratch e cutting. Nel 2002 ha co-prodotto insieme a Dj Hell il nuovo LP della leggendaria band americana new wave Tuxedomoon. La traccia "Lether Bliss" è stata inserita nella "Gigolo Compilation Vol. 6" e nella compilation ufficiale del Sonar Festival 2003. Nel 2003 ha realizzato un Megamix in formato bootleg sempre per la International Deejay Gigolo e, nei primi giorni del 2004, è uscito un singolo per l'etichetta electropop svizzera 7B intitolato "Scratch on pop" e un EP sull'etichetta inglese Electrix insieme a Keith Tucker "FUZION , from Detroit to Rome" inserita recentemente nel cd mixato dai Tiefschwarz "Mish Mash".

LEO ANIBALDI
Leo Anibaldi nasce a Roma il 12/07/1972 scopre la sua passione per la musica elettronica nel 1988 ,con l'arrivo dei primi computer come il commodore vic 20 e 64 inizia a creare i primi loops .Soltanto un anno dopo inizia a suonare in tutti i club di periferia come dj mc quando ancora non vi era alcuna traccia di beat elettronico.Grande collezionista di synth analogici imposta la sua vita quotidiana nella creazione di nuovi beat groove,con l'uso di campionatori riesce a trovare il suo sound perfezionando al meglio il suo stile ..Nel 1990 inizia a suonare dal vivo con camponatori and synth nel vecchio Acropolis di Roma dove incontrera molti artisti influenti come :Marco Trani ,Andrea Gemolotto,Cesare Cerulli che lo introdurra' al suo produttore Tony Verde.E' da qui che inizia L'ACV records dove Leo realizzera' piu' di venti dischi tra cui attac random, riders of the phuture, noise generation ,Muta, Cannibald,Aeon,noise generation,nothing has changed.Nel 1991 Leo incontra Lory d dove sotto a un garage della via cassia inizieranno (IL SUONO Di ROMA ),questo gruppo era formato da Leo Anibaldi,Lory d,Andrea Benedetti,Eugenio Vatta.Leo e Lory iniziano una vera e propia lotta per imporre la propia musica al pubblico,suonando nei piccoli club capitolini creano un movimento di persone alternative con musica alternativa o vero solo srtumentale una vera stranezza per quei tempi .Piano Piano la scena si allarga sempre di piu' e iniziano i primi Rave Party dove Leo e Lory saranno i protagonisti assoluti. Nel 1995 suonando in giro per l'europa Leo capisce di essere stato truffato dal suo stesso produttore cosi decide di abbandonare L'ACV e trasferirsi alla REPHLEX etichetta del suo amico APHEX TWIN dove realizzera Void .Attualmente Leo sta' lavorando alla fondazione della CANNIBALD records etichetta di pura energia sonora che seguira il suo stile fat and clean sempre. LA CANNIBALD records stampera' la prima registrazione il 1 settembre 2006 e sara' il nuovo album di LEO ANIBALDI,con sonorita puramente ANNIiBALDIANE

Media Relations
Beatriz Gonzalez
betis@fastwebnet.it
Tel. 347 1761621


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node