Roma - 16febbraio-16marzo - mostra di Simone Giovagnorio: “Time-Lapse”

Simone Giovagnorio
“Time-Lapse”

Vernissage: venerdì 16 febbraio 2007 ore 21,00
16 febbraio - 16 marzo 2007
a cura di Stefano Elena

comunicato stampa

Da un progetto iniziale ideato da Susanna Horvatovicova per l'Istituto Culturale Ceco di Roma, PrimoPiano HomephotoGallery è lieta di presentare “Time-Lapse”, di Simone Giovagnorio.

Come scrive Stefano Elena, curatore della mostra, nel suo testo “Posturban”:

"Time-Lapse è quando l’uomo non c’è più, quando sembra di sentirsi soli, di essere soli. Di vedere il dopo-uomo come fossimo affacciati ad una finestra virtuale che guarda sulla città sostituita. Aspettando il passare del tempo che (s)corre veloce come un processo accelerato, curioso e ingordo, che vuole vedere soltanto la fine. Sapere cosa (non) c’è in quel dopo da raggiungere in modalità FAST FORWARD.

Time-Lapse è un metodo, un procedimento, un mezzo. Un dispositivo avviato, sì, dalla testimonianza – da quella fotografia che non tocca e non si tocca (scatti reali che l’artista colleziona durante i suoi viaggi), ma tenuto acceso dall’intervento delicato e attento, scrupoloso e un po’ malato, che mischia quelle testimonianze fra loro, ibridandole senza remore sino a generare futuribili plastici bidimensionali.

Descrizioni silenti di città visibili. Sgombre, abbandonate, congelate. Evacuate o attraversate da qualche apolide effimero che sembra essersene già andato via.

Città contaminate.

Città di concentramento come quelle di Ballard. Brandelli architettonici misti incastrati in random. Still life di metropoli piene di vuoto, con demografia a riposo come se il dosatore d’uomini avesse smesso, improvviso, di distribuire esistenze. Collassi, sottrazioni. Polis inesplose in formato widescreen. Agglomerati tardo-spontanei privi dell’agente inquietante, inquinante, omicida che si chiama uomo e la cui assenza dalla scena non sembra guastare l’immagine. Nessuna apocalisse, ma una non vita artificiale creata da un urbanista simbiotico le cui città-prototipo permettono un consumo istantaneo che comprime il tempo solito di fruizione del vedere, della veduta, e lo blocca. Per sempre."

Otto stampe lambda a colori di grande formato e un video a raccontare tutto questo.


timelapse1

timelapse2


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node