soSpesa al sofFITto
Arte che penzola dal soffitto. O che serve vermut bianco e sigarette rollate. O ribalta le posizioni tra sacro e mondano. E sempre riesce a insinuare il dubbio...

LA MIA FINESTRA
E’ di nuovo la fotografia ad essere protagonista nelle nuove opere di Daniela Perego. Una tecnica, quella fotografica, che viene talmente manipolata dall’artista facendole raggiungere dei risultati che, da un lato, insinuano il dubbio della matrice fotografica e, dall’altro, rivelano il percorso cerebrale che sta alla base della loro creazione. Il titolo della mostra fa riferimento a ciò che l’artista ‘vede dalla sua finestra’, o meglio, a ciò che lei ‘vorrebbe vedere’. Così nelle 48 opere, realizzate tutte con tecnica mista su carta di piccole dimensioni (cm. 46x30,5), si apre un mondo onirico, immaginifico, personale. La fotografia è dunque per l’artista un mezzo creativo e non documentario.
Associazione Mara Coccia, Via del Vantaggio 4, Roma, Int. 3, orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19,30, il sabato dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19,30, fino al 22 aprile

VERMUT HALL
Flavio Favelli ha trasformato lo spazio della galleria romana in un luogo a metà tra una casa e un locale pubblico. L’artista, già noto per le sue installazioni ambientali, ha recuperato e manipolato per l’occasione una serie di lampadari, mobili e pavimenti. Come scrive Raffaele Gavarro, curatore della mostra, vi sono "due lampadari attaccati al muro ad illuminare un tavolo di quattro metri e mezzo con incastonati dei vecchi piattini da caffè agli angoli, un piccolo cancello che immette in una sorta di patio pavimentato con vecchi marmi cimiteriali e una donna che dietro un banco serve vermut bianco e sigarette rollate a mano agli avventori di questo surreale, stralunato e imprevedibile luogo". 
Volume!,Via San Francesco di Sales 86/88, Roma, tel. 06.6892431, 339.7512352, orari: dal martedi’ al Sabato  18 – 20, dal 4 aprile al 6 maggio

ENERGIA E MASSA
Due grandi sculture di Antony Gormley sono ospitate nella galleria napoletana. Esse rappresentano rispettivamente la massa e l’energia. Suspension è un lavoro del 2005 sospeso al soffitto e formato da diversi blocchi d’acciaio dal peso complessivo di  370 chilogrammi. Feeling Material XIII rappresenta invece un’ansa continua di acciaio lunga un chilometro e mezzo. Il progetto della mostra assume come modello la legge della conservazione dell’energia, secondo cui “l’energia totale di un sistema chiuso rimane costante, ma l’energia stessa può cambiare forma”, per avviare un’indagine sulla scultura dell’oggetto e del luogo.
Galleria mimmoscognamiglio arte contemporanea, via Mariano d´Ayala 6, Napoli, orari: lun-ven 10.30-13.30/15.30-19, fino al 15 Aprile

QUAGGIÚ
Quaggiù è il titolo della mostra di Andrea Anastasio, il quale, dopo essersi formato come designer, si dedica dal 2004 alla ricerca artistica. In quest’occasione ha creato una scultura luminosa che si  ispira alle antiche edicole religiose, mentre il titolo si riferisce al mondo delle cose, il quaggiù, appunto. L’aspetto contraddittorio aumenta quando ci si accorge che la scultura è  appesa a pochi centimetri dal suolo, ribaltando la gerarchia spaziale e il luogo comune che prevede il sacro in alto e il mondano in basso. Questa mostra è la prima di un ciclo ideato e curato da Marcello Smarrelli che impegnerà la galleria per più di due anni, con una serie di progetti creati da artisti e designer, tra i quali Enzo Cucchi, Massimo Grimaldi ed Ettore Sottsass. Gli autori coinvolti sono stati invitati a ideare il loro lavoro secondo una precisa indicazione del curatore, e cioè produrre un nuovo oggetto d’uso di cui inventare la funzione o la necessità che questo andrà a soddisfare.
Galleria Roberto Giustini, Via dell’Orso 72, Roma, tel/fax (+39) 06 68135013, cell. (+39) 349 2152214 , e-mail:
galleriarobertogiustini@gmail.com , orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 20, sabato dalle ore 10 alle 13, fino al 20 aprile

SOUND & VISION
Una mostra dedicata agli attraversamenti che esistono tra arti visive e musica dal 1967 ad oggi. Ben 4 decenni di ‘crossover’ vengono ripercorsi nel museo umbro attraverso 9 sezioni tematiche:
1967
L’artista e la sua musa
Punk! Prima e Dopo
New Wave e East Village, gli anni ’80 a New York
Art Rock ovvero i Sonic Youth
La foto di moda. Quando il glam entra nel r’n’r’
La nuova estetica del videoclip
Crossover – anni ’90 e terzo millennio
Spazio Italia
La mostra, a cura di Luca Beatrice, è concepita proiettando oltre duecento copertine d’artista che funzioneranno da sfondo scenografico per le opere originali, formate da dipinti, fotografie, installazioni e video.
Palazzo della Penna, Via Podiani 11 , Perugia, Orario:    10.00 – 13.00 / 15.00 – 19.00, info: Tel. +39 075 5716233 (biglietteria)  +39 075 5772416,
www.comune.perugia.it  - info.cultura@comune.perugia.it  , dal 29 aprile al 25 giugno


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node