lucidità e pregiudiZio
Dallo stile pittorico lucido e diretto di Bellucco, ai cerotti e al silicone di Giangrande. Dalla riflessione sul pregiudizio di Canevari, ai neuroni e alle sinapsi di Di Fabio

ROMA ABBRACCIA ESSITAM
Essitam (ipotesi occidentale) è un titolo programmatico che rivela il cognome di uno dei + importanti artisti del secolo scorso. In questa sua prima personale romana Alessandro Bellucco si confronta con il pittore de La Danse e de La Joie de vivre, ottenendo una interpretazione originale ed evocativa di due opere che appartengono ormai al patrimonio e all’immaginario collettivo.
In queste due grandi tele Bellucco dipinge in modo lucido, diretto e sarcastico, senza tralasciare una vena poetica e lirica. Dei 2 celebri dipinti l’artista italiano estrapola le figure principali ribaltandole iconograficamente nelle loro posizioni ed eliminando quasi del tutto ogni riferimento spazio-temporale, tornando così a concentrarsi e a analizzare il soggetto preferito della sua produzione artistica: il corpo umano.
Art Container, via dei Cappellari 21, Roma - Tel. 06 87450491 , www.artcontainer.com, orario: dal martedì al sabato: dalle 15:00 alle 19:30 (o per appuntamento) , fino al 29 settembre

I continenti di Canevari da NEW YORK a ROMA
Paolo Canevari (Roma 1963), vive e lavora a New York e Roma ed è 1 dei 6 artisti italiani invitati alla 52° Biennale di Venezia. In questa personale romana, dal titolo “continenti”, Paolo Canevari presenta una serie di disegni a grafite su carta di grande formato appositamente realizzati per la mostra e un video del 2005 presentato qui per la prima volta in Italia: i due lavori si riferiscono allo stesso soggetto, 5 animali, 5 continenti. A tal proposito l’artista afferma: "il mio lavoro descrive i cinque continenti come cinque animali: America/Cane, Australia/Coniglio, Asia/Topo, Europa/Gatto, Africa/Maiale, tutti animali domestici che si possono trovare in ogni parte del mondo. Appaiono in scena ciascuno legato a un grande pneumatico su cui è scritto il nome del continente corrispondente. La posizione degli pneumatici e degli animali rimanda ai cinque anelli del logo delle Olimpiadi (appunto il simbolo dei cinque continenti). Nelle diverse parti del mondo ciascun animale ha legato a sé un particolare significato simbolico. Il mio lavoro vuole essere una riflessione sul pregiudizio con cui ogni società guarda “l’altro” e come questo evidenzi la propria  ignoranza e le relative paure".
Studio Stefania Miscetti, via delle Mantellate 14, Roma, tel/fax: 06 6880 5880, e-mail: mistef@iol.it , orari: da lunedì a venerdì dalle 16 alle 20, fino al 27 ottobre                                     

FOGGIA E’ SKIN
La personale di Michele Giangrande si compone di 20cinque opere e una installazione site specific. Nato a Bari nel 1979, l’artista ha intrapreso una originale ricerca plastica, caratterizzata dal ricoprire oggetti quotidiani con un rivestimento realizzato nei più diversi materiali, come cerotti ed elastici, silicone ed erba sintetica o addirittura piume d’uccello. In tal modo, giocattoli, strumenti musicali, armi e altri oggetti selezionati da Giangrande acquistano una nuova epidermide, una sorta di seconda pelle che cambia non solo l’aspetto esteriore ma anche simbolico. Come nella grande installazione appositamente realizzata per l’occasione, in cui l’artista realizza due grandi Torri di Babele con l’ausilio di centinaia di coni di cialda. Si tratta di un monumento effimero alla superbia umana, che è, allo stesso tempo, memoria dell’episodio biblico e allusione esplicita alla tragedia dell’11 settembre.
Paolo Erbetta Arte Contemporanea, Via  IV Novembre  2,  Foggia, tel.    + 39 0881 723493, http://www.galleriapaoloerbetta.itinfo@galleriapaoloerbetta.it ,  Orari: Lunedì – Sabato 11,00 - 13,00 / 17,00 - 20,30. Merc. e Giov. su appuntamento
dal 23 giugno fino al 10 ottobre

SINESTESIA a NAPOLI
Alberto Di Fabio, classe 1966, si concentra da tempo sull’analisi delle forme naturali; attraverso la scomposizione, i suoi lavori rielaborano forme organiche, legate all’origine della vita, quali cellule, DNA, neuroni. Di recente l’artista si sofferma a considerare soprattutto la struttura della mente, dei neuroni e delle loro sinapsi, esplorando le parti più misteriose del nostro cervello. Così in questa mostra personale esplora la sinestesia, il fenomeno per cui la percezione di determinati stimoli è accompagnata da particolari immagini (spesso ricorrenti), proprie di un’altra modalità sensoriale.
Umberto Di Marino Arte Contemporanea, Via Alabardieri 1, Napoli, Orario: lunedì ore 16:00 / 20:00, martedì – sabato ore 10:30 / 13:30 e 16:00 / 20:00, Luglio: lunedì – venerdì ore 16:30 / 20:30, Agosto: chiusura estiva fino al 2 settembre, infO: Tel. +39 081 0609318  Fax +39 081 2142623; www.galleriaumbertodimarino.com,  fino al 30 settembre


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node