l'oPera è il Pacco
Un pacco postale che è di per sé un'opera d'arte? Possibile. Ma anche un sito può diventare un'oPERa di valore se raccoglie le colonne sonore del moviMento operaio. Oppure se sceglie di diFFondere solo buone notiZie

Mi piacerebbe sapere quanti di voi, con la primavera che lascia prematuramente il campo all'estate, coi pantajazz che lasciano perentoriamente spazio ai perizoma, con le t-shirt che abdicano in favore di smaglianti balconcini che troppa aria non lasciano a generosi decolleté, si stiano attenendo al verbo della Grande Meringa Teutonica in materia di castità e proibizionismo tra le lenzuola... Semplice curiosità e volanti considerazioni su anacronismo, burka occidentali, oppio dei popoli e quanto rende cool il dogma, e papa boys un sacco di ragazzetti in pieno anticiclone ormonale...
Ma parliamo di web!

Il deposito

il deposito
(http://www.ildeposito.org)

Dove c'è lotta – o dove ce n'è stata e semmai ce ne sarà ancora – ci sono canti che la accompagnano. I canti di protesta hanno sempre sospinto e incoraggiato le lotte delle classi oppresse e del movimento operaio. “Colonne sonore” che rappresentano un patrimonio politico e culturale di valore fondamentale, da preservare e fare rivivere: sono memorie musicate, un modo unico e attualmente cosciente di trasmettere e raccontare visioni e volontà, condizioni umane e rivolte. E Il Deposito è una teca, un archivio, un forziere: ha l'obiettivo di creare una risorsa per la conservazione e, soprattutto, la diffusione di questa cultura. Testi, accordi, file audio, canzonieri, articoli, approfondimenti: parecchio ricco e ragionato il sito, interessante e spesso introvabile il materiale che ospita.
“I toni, le musiche, i linguaggi utilizzati possono essere diversi, ma uguale è la carica politica, la passione e la rabbia da cui scaturiscono, rabbia dovuta alla condizione di asservimento in cui gli uomini sono costretti.”

Buone notizie. E basta!
(http://www.buonenotizie.it)
Il concetto che sta dietro a questo portale d'informazione (online da circa 6anni) è piuttosto semplice: passare esclusivamente fatti “positivi”, dando eco soltanto alle buone notizie, appunto, quelle a cui non viene data mai abbastanza importanza dalle testate classiche. In barba ai tanto millantati criteri di notiziabilità pompati dalla stampa ufficiale, la redazione del sito fa un corposo lavoro di filtro giornalistico, scartando quanto solitamente fa audience e approfondendo a 360° quanto invece ruota intorno a cultura, ambiente, società, economia... Più informazione utile, meno ammorbamento mediatico. Un ottimo punto di partenza.

Spediscimi l'arte

mailmeart
(http://www.mailmeart.com)

Ragguardevole l'iniziativa di questo signore, quella di creare – attraverso un call for submissions via web - una collaborazione artistica pluripartecipata e “worldwide” basata sull'uso fascinosamente anacronistico di pacchi postali. Spiego: gli artisti sono chiamati a partecipare inviando per posta (tradizionale – la cara vecchia snail mail) “envelopes or packages” che siano di per sé opere d'arte e non che le contengano. L'opera è il pacco o viceversa. Anche l'indirizzo del destinatario deve far parte dell'opera, con buona pace dei portalettere che si troveranno a maneggiare pezzi unici e chissà quanto intelligibili... Il tutto si concluderà con una mostra-mercato in quel di Londra, grossi premi e cotillons. Pas Mal al solo costo di un francobollo...

Nenti visti, nenti sacciu...

omerta
(http://www.barafranca.com)

Ha come URL il nome di un paesino dell'entroterra del mio triangolo galleggiante, come titolo un inequivocabile Omertà. Si tratta di un RPG (gioco di ruolo) testuale online, una cosa all'antica, dall'intuibile ambientazione mafioseggiante italo-americana. La carriera del protagonista è studiata come un'escalation criminale, da picciotto a padrino, onestamente fondata su una meritocrazia a base di Uzi e buone azioni. Se l'arrischiata onestà di Second Life non dovesse essere sufficiente alle velleità oltremondane del vostro doppio digitale...

Urbanismi con tutti i crismi

urban75
(http://www.urban75.org)

O urbanesimi se preferite. Urban75 è una community e non solo, un bullettin board ma non troppo. Tra le mille facezie che potrete trovarvi, oltre a una completissima guida alle droghe, diari di viaggio, comics autodafé, una delle cose più interessanti da spulciare sono i tour virtuali scattati qua e là nei posti più fascinosi della vecchia Europa, tra mercatini rionali e posti turistici più consumer. Con base in un quartieraccio londinese, questo sito è una gran bella finestra su un mondo genuinamente urbano.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Immagini collegate
il deposito mailmeart omerta urban75
  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node