centaure e aTTrici
donne con le gonne? Una volta... ora meglio dire donne con le ruote (meglio se solo 2). E donne che si prendono tutte le loro rivincite. Uomini state aTTenti!

TuTTe in sella…
Le due ruote non sono un’esclusiva maschile… Tante donne, sempre più numerose, indossano il casco e salgono in sella a una moto, alla ricerca della sensazione di libertà che solo strada e vento sanno dare. L’adrenalina sale e il rombo del motore copre ogni altro rumore, tutt’intorno un paesaggio mutevole,  chilometro dopo chilometro tutto cambia: i colori, gli odori e i compagni di strada. Una continua ed emozionante scoperta. Un’incontro con l’ambiente circostante, a tu per tu, con la sola mediazione del mezzo che ogni istante di più si umanizza e diventa proiezione di te stessa. Per “centaure” esperte, per principianti e per chi, semplicemente, cerca un primo approccio con una motocicletta. Per tutte voi Motocicliste, in collaborazione con la scuola Runxfun, organizza un corso di guida in pista nell’autodromo di Magione (PG). Una giornata in cui si alterneranno brifieng in aula, guide in pista e lezioni teoriche.
Costo 270 euro.
Per info e iscrizioni: www.motocicliste.net  e-mail segreteria@motocicliste.net

UN PREMIO x RICORDARE ILARIA
Uccisa a Mogadiscio il 20 marzo del 1994, Ilaria Alpi è diventata l’emblema del giornalismo “passione e missione”. E’morta sul campo, è stata uccisa mentre svolgeva con dedizione il suo lavoro, conscia dei rischi e dei pericoli a cui andava incontro. Tanti i misteri da svelare sulla sua morte, forse verità che non verranno mai fuori; ma è importante che non si dimentichi. Non si perda lo spirito e l’amore che hanno animato Ilaria e il cineoperatore che l’accampagnava quel tragico giorno, Miran Hrovatin, morto nello stesso agguato. In un settore, quello del giornalismo, sempre più animato dalla sete di potere, dalla voglia di apparire, dalla perdita dei valori e dei principi etici, Ilaria diventa un esempio, il simbolo di un mestiere che è, prima di tutto, ricerca della verità.
A Riccione nel 2005 si è costituita l’Associazione Ilaria Alpi/Comunità Aperta che quest’anno bandisce la XIII° edizione del premio intitolato all’inviata Rai. Giustizia, verità, non violenza e diritti umani: questi i temi dei servizi giornalistici d’inchiesta che potranno partecipare. 4 le sezioni riservate ai giornalisti delle emittenti italiane e 5 i riconoscimenti a livello europeo (Premio Miran Hrovatin – Premio giovane – Premio Europa – Premio Produzione – Premio della Critica). Saranno amessi al concorso i servizi realizzati dal gennaio 2006 e pervenuti alla segreteria organizzativa entro le ore 12 del 14 aprile. La premiazione si svolgerà a Riccione dal 7 al 9 giugno. Potrete scaricare il bando dal sito www.ilariaalpi.it

La parola e il gesto: un concorso teatrale in rosa
Conquista spessore e dignità l’arte al femminile, qualunque sia la sua forma espressiva e i suoi prodotti. Non fa eccezione il teatro, spazio in cui si sveste la propria personalità per indossare e rappresentare quella altrui. Luogo in cui si mettono a nudo le proprie debolezze e la timidezza prende corpo in una esplosione di sentimenti contrastanti e coinvolgenti. Il rapporto con il pubblico e con il personaggio interpretato è di volta in volta diverso per dar vita a un’esperienza in cui i vissuti e le emozioni si incontrano e si fondono. L’attore non è più se stesso: è un tutt’uno con la sua nuova “identità” e con chi assiste a questa trasfigurazione continua. “Il teatro è comunicazione, coinvolgimento, sconvolgimento, continuo scambio di tenzioni ed  emozioni, un’alchimia sottile ed avvolgente, soprattutto quando il teatro è donna”. E’ questo lo spirito che anima il concorso teatrale femminile “ La Parola e il Gesto”, organizzato dall’Associazione I Portici e dal Comune di Imola. Per  partecipare alla competizione le attrici ( 20-32 anni) devono presentare 3differenti brani e rappresentarli di fronte a una giuria e al pubblico che potrà esprimere il proprio giudizio. Scade il 21 aprile la domanda di partecipazione, scaricabile dal sito www.associazioneiportici.it 

per prenderci una riVincita: un libro da leggere!
E’ capitato a tutte di essere innamorate dell’uomo sbagliato o, peggio ancora, di essere mollate per un’altra donna, la stronza della situazione. Quella che fa la preziosa, si nega e si fa desiderare. Falli soffrire è un libro divertente, ironico e ricco di consiglio utili. Potrà servirvi per mettere a punto la “vostra vendetta”.
Falli Soffrire. Gli uomini preferiscono le stronze.
Casa ed. Piemme, 2006 Autrice: Shelly Argov Prezzo: € 14,90


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node