arte tra poLitica e aNima
per fare luce tra intense zone d'oMbra...

fUorideNtro: Ki è libero?
Questo è il titolo che Stefano Scheda utilizza di recente per evidenziare il nuovo orientamento della sua ricerca. Come scrive il curatore, Peter Weiermaier"questa opposizione spaziale caratterizza non solo una composizione banale fisica ma anche una condizione psichica e dell’anima, rilevante in tutte le dimensioni dell’esistenza". L’artista utilizza grandi specchi con persone e paesaggi per realizzare performance e installazioni. In questa mostra alcune immagini di case sigillate da specchi riflettono l’esterno e allo stesso tempo parlano dell’interno. In altri lavori, dove sono rappresentati uccelli e gabbie, si nota anche il risvolto socio-politico della sua ricerca. Qui le domande che affiorano sono: "chi è libero? Chi è prigioniero? Chi è nudo? Chi è vestito?".
Galleria Ugo Ferranti, Via Dé Soldati 25/a , Roma. Orari 11-13/ 18-20, sabato e festivi chiuso, Tel-fax, 0668802146, 0668210337 , email: ferranti@flashnet.it , fino al 15 marzo

tra oCCidente e oRiente
Una raffinata selezione di stampe proveniente da importanti raccolte italiane per raccontare il “paesaggio orientale”, a cura di Alida Moltedo. Opere di artisti della prima metà del Novecento per i quali l’Oriente rappresentava una meta ambita, tra i quali ricordiamo Anselmo Bucci, Luigi Bartolini, Bruno Bramanti, Umberto Franci, Giuseppe Biasi. Orizzonti lontani e vicini tra cui riconosciamo le terre dell’Algeria e della Palestina, della Libia e della Tunisia. Altre stampe invece rappresentano le impressioni orientali ritrovate in un territorio locale, come alcuni paesaggi rurali della Sardegna, della Toscana e della Calabria.
Calcografia, via della Stamperia 6, Roma, Orario 10.00 - 19.00 – chiuso: lunedì, ingresso gratuito, Informazioni: +39 06 69980242, www.grafica.arti.beniculturali.it/home.htm, fino al 18 febbraio

sYstem erRor: musica, video, Fumetti, sTampe, T-shirt…
Più di 40artisti internazionali alle prese con video, musica, fumetti, stampe, sculture, t-shirts, installazioni, per indicare al pubblico come l’attuale momento storico sia attraversato da un senso di guerra ‘espansa’ e senza fine. La mostra, curata da Lorenzo Fusi e dall’artista Naeem Mohaiemen, vuole indagare questa idea del conflitto attraverso la seduzione di bandiere, inni patriottici e nazionalismi vari. Saranno in mostra anche quelle “opere d’arte” presenti durante manifestazioni di protesta, concerti, navigazioni su YouTube e Flickr. In tal modo la mostra rappresenta una importante tappa sulle arti visive politicamente impegnate, sia che esse derivino da un contesto museale o di strada. E’ stata data particolare attenzione ai lavori che utilizzano nuovi media, come animazioni in Flash (Young-Hae Chang), parodie hollywoodiane (Chris Naka, Jackie Salloum, Christopher Moukarbel), satira televisiva (Yara El-Sherbini), guerre via t-shirt (Usman Haque), fumetti (Joe Sacco, Dawolu Jabari Anderson), videogiochi (Jon Haddock), ricostruzione di biblioteche (Tom Nicholson), remix (DJ Spooky), performance di strada (Richard DeDomenici), pirateria radiofonica (Negativland), musical (Damir Niksic).
Tra gli altri artisti in mostra ricordiamo: Brian Alfred, Artists Against T-shirts, Kevin Carter, Juan Manuel Echavarrìa, Meir Gal, Alfredo Jaar, Emily Jacir, Agnieszka Kalinowska, Carlos Motta, Negativland, Chaleerat Ngamchalee, Stefano Palumbo, Wilfredo Prieto, Joe Sacco, Francesco Simeti, The Speculative Archive, Do-Ho Suh, Alejandro Vidal, James Webb, Lebbeus Woods.
Palazzo delle Papesse, Centro Arte Contemporanea, via di Città 126, Siena, orari: 11 – 19, chiuso il lunedì,  info: T +39 0577 220721 - F +39 0577 42039, E-mail: stampa.papesse@comune.siena.ithttp://www.papesse.org, dal 3 febbraio al 6 maggio

Console a pRato dopo la liason con Lo Cascio
Nicola Console torna a Prato con una mostra personale dopo il successo di critica e di pubblico ottenuto dal monologo teatrale “Nella Tana”, con testi di Luigi Lo Cascio e scene dello stesso artista. Le sue sculture, disegni e filmati animati sono il risultato di un frenetico e intenso lavoro di ricerca che l’autore palermitano porta avanti attraverso taccuini di studio e carte sparse. Le sue immagini, a metà strada tra figurazione e astrazione, sembrano affiorare da una fuliggine, da una zona d’ombra interiore.
Spaziorazmataz, piazza mercatale 107 - Prato - tel 0574.448619 fax 0574.448619 – orari: mar-dom 18:00-24:00 - www.spaziorazmataz.it, fino al 18 febbraio


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node