Mica stiamo a pettinare bambole...
Qui si fanNo cose serie: come segnalare una battaglia contro bende sugli occhi e bavagli sulla bocca. Impegnarsi a comBattere la speculazione sul lavoro artistico. Aiutare a scoprire i tranelli della pubblicità. Combattere ki produce pericolosi giocattoli senza scrupoli...

Chiudere il becco? Solo per ricominciare...
Bene (si fa per dire), iniziamo l'anno in controtendenza, con una bella Cattiva Notizia (ma di quelle con la tristezza maiuscola): Indymedia Italia (http://www.indymedia.it) chiude i battenti. Il baluardo dell'informazione indipendente, del giornalismo di strada (quello vero, insomma) interrompe la sua missione perché il “conflitto” non è riuscito a limitarsi al giustissimo Contro-Informazione VS Mala-Informazione, ma è tragicamente imploso, rendendo quella che era una battaglia contro bende sugli occhi e bavagli sulla bocca, uno scontro tra sfumature e postille fatto di polemiche e demagogia: si è perso di vista, alla fine, quello che era l'obiettivo comune. E allora si è deciso di chiudere, si, ma per ripartire da zero, lo impone il senso critico. C'è bisogno di silenzio per tornare a essere un punto di riferimento obiettivo e fuori da un coro fatto di ipocrisia, starlet e foto patinate. Adesso siamo tutti chiamati a poggiare almeno un mattone, si riparte dal foro: http://lists.indymedia.org/mailman/listinfo/italy-process

Undici: NON speculare!
no spec 180

“Noi non possiamo pagarti, ma ti faremo tanta di quella pubblicità che anche da Marte ti commissioneranno lavori!” Quante volte, chi di noi svolge professioni artistiche, si è sentito ripetere frasi di questo tipo, o del genere “Dai, tanto per te è un piacere, ci metti due minuti, vuoi pure essere pagato?” Mille sono i modi e le scuse che la gente si inventa per speculare sulle professioni creative ed i loro adepti. NO-SPEC! (http://www.no-spec.com) nasce e lavora affinché questa usanza, balzana e purtroppo diffusissima, divenga presto soltanto un ricordo: perché lo “spec-work” svaluta il potenziale del lavoro artistico e alla lunga crea un disservizio anche x il cliente. Per supportare la missione e le campagne del sito, un unico requisito: dare il giusto valore alla propria professione, svariati mezzi: piazzare loghi NO-SPEC! sul proprio sito, firmare petizioni, diffonderne il materiale promozionale, entrare in contatto con designers, educatori, società ed organizzazioni. Perchè l'arte non sia più una scusante per farci la figura (e l'esistenza) dei polli...

Smettiamo di accettare caraMelle dagli sconosciuti

      spot anatomy smirnoff

SpotANATOMY (http://www.spotanatomy.info) si presenta così: “Pubblicità, marketing, eventi: tutti martelli pneumatici che ci perforano il cervello. Okay, qui ci vuole Spotanatomy, il rimedio giusto contro la melassa comunicativa. Ironia in dosi massicce, indiscrezioni pepate, vetriolo per i recidivi, anticipazioni gustose”. Fondamentalmente un blog di analisi, affinché anche i non addetti ai lavori possano affrontare con coscienza la Babele delle pubblicità che continuamente affollano il nostro campo visivo e che ci spingono, volenti o nolenti, a comprare di tutto, spesso senza lasciarci il tempo di domandarci se ne abbiamo davvero bisogno... Attraverso l'osservazione e la comprensione di ciò che sta dietro alla creazione di uno spot o a un semplice claim, probabilmente saremo in grado di scindere bene e male e realizzare che probabilmente non avremo mai sulle nostre tavole piatti di tortelloni più buoni solo perché è nostro cugino ad impastarli mentre pensa alla nonna e a come li faceva lei una volta... sopratutto visto che quei tortelloni sono in genere di silicone e sotto il piatto, bucato ad hoc, è montato un faretto da 400 watt! Magie dell'ADV...

Ve l'avevo detto che non stavo bene...
Se anche quest'anno siete in cerca di un bel calendario da piazzarvi sul capezzale o nell'abitacolo del Tir e non vi va di rinunciare alle suadenze della bruna o della bionda di turno - anche se magari qualcosa in più non vi dispiacerebbe – e, sopratutto, non siete superstiziosi, andate un po' a vedere cosa ha preparato per voi Cofanifunebri.com (http://www.cofanifunebri.com). Che magari trovate un alibi per toccarvi...

Giocattoli: punti di vista
toy design

E chiudiamo le trasmissioni con una mini-panoramica sul mondo dei giocattoli online. C'è Ki li fa e li ritiene, a ragione, un'arte: Atomplastic (http://www.atomplastic.com); c'è ki si considera tale: Crew11 (http://www.crew11.net); c'è ki, grazie a dio, tiene sotto controllo chi li produce senza troppi scrupoli per la sicurezza dei bambini: W.A.T.C.H. World Against Toys Causing Harm, Inc. (http://www.toysafety.org/worstToyList_index.html). Mica stiamo a pettinare bambole...


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node