Web life, vita iperattiva
Ludo-rientri da tecno-postazioni rendono tollerabile la fine delle vacanze estive? Forse. Nel frattempo ci salvano filosofia, musica e favolette...
Façade: dramma interattivo in atto unico
Passeggiando distrattamente sulla home di Ludology – Videogame Theory (www.ludology.org), un portale-risorsa per ricercatori di videogiochi (nel senso strettamente scientifico del termine), mi trovo davanti una news che poco ha di ludico e molto, invece, di lieta novella:“Andrew Stern and Michael Mateas sono lieti di annunciare l’arrivo del loro bambino. Pesa 800 Mega e ha un immaginifico nome francese. Congratulazioni! Façade è qui perché tutti noi possiamo provarlo! Dopo anni di produzione, alla fine possiamo avervi accesso... e gratis (gratis come una birra gratis).Michael and Andrew sono ragazzi alquanto speciali: mettono il loro danaro dove hanno la bocca (no, non voglio dire che usano le loro bocche come portamonete)”. L’annuncio è delirante e per questo mi incuriosisce. Bastano un paio di click per cavar fuori un esercito di ragni dal buco. Un esaustivo sito ufficiale (www.interactivestory.net) schiarisce le idee per fomentare la voglia di provare. Ecco di che si tratta (mi limito a tradurre): Façade è un esperimento artistico/scientifico di narrativa elettronica basato sull’intelligenza artificiale – un tentativo di andare oltre la narrativa tradizionale ramificata o hyper-linkata, per creare un dramma interattivo completo in atto unico. (…) Comportamenti emozionali da parte di personaggi interattivi da un lato, (…) soggetto drammatico credibile dall’altro. All’interno di questa architettura abbiamo costruito un mondo virtuale in 3D (…) nel quale il giocatore può vivere la storia da una prospettiva individuale”. Mettendo insieme tecniche artistiche innovative e tecnologie concernenti l’intelligenza artificiale, nel corso di una collaborazione durata ben 5 anni, Andrew e Michael hanno partorito un simulatore oltremodo realistico di interazione umana (chiamiamola pure vita), basato sullo scardinamento delle classiche multi-choice videoludiche tradizionali. Si tratta di intelligenza artificiale quasi inquietante: riesci ad avere risposte coerenti anche a deliri poetici. Niente feedback preconfezionati, né plot fatalista. Pura realtà, in freedownload su http://proceduralarts.net:6969/torrents/FacadeInstaller.exe.torrent. Dimenticavo: la storia prende piede dalle scaramucce, irrisolvibili, di una coppia felice…

4 filosofici alleati: per nutrirsi la mente
Quattro amici, un tempo reali compagni d’avventura, adesso ai 4 angoli del globo. Quattro amici come tanti, che amano discorrere all’infinito circa i soliti, stralunati, possenti e decisivi capisaldi dell’esistenza, ma che hanno deciso di farlo su web e con tutti i crismi. Philosophic Allies (www.philosophicallies.com) il nome del progetto, tutti coinvolti in codici e bit i creatori, stilosissima e delicata la forma, eclettici i contenuti. Si scambiano idee, pensieri, storie: una sorta di blog a 4, aperto a commenti, ma chiuso nella struttura, fa pensare al classico messaggio in bottiglia. Almeno da guardare per rifarsi gli occhi e spolverare un po’ la materia grigia…

Gelidamente caldi
Dalla Finlandia, insospettabilmente muniti di bell’ésprit de finesse, si fanno apprezzare per il sound e l’impatto immaginifico difficile da dimenticare, i Lodger (www.lodger.tv),uomini ordinari che fanno musica ordinaria, come recita il titolo di un loro pezzo. È presto detto come il vissuto di una band di soft-rockerz entri a pieno titolo tra i “recensibili” della nostra rubrica. Il loro web, dallo stile ai contenuti, è del tutto avanguardista. Le sezioni, zeppe del materiale prodotto dai musicisti, sono raggiungibili solo a costo di estenuanti tirate a una slot-machine concettuale (guardare per credere), ma lo sforzo è sapientemente ripagato. Un’atmosfera bigia e stilizzata fa da contorno ad armonie godibilissime, dalla visuale un po’ cinica, e a una sfilza di videoclip, realizzati in animazione, dall’impatto abbacinante e dal retrogusto dolceamaro. Un personaggino monoculare dalla testa a palla (ricorda volutamente gli omini dei segnali stradali) si rende protagonista di situazioni reali (la fidanzata che lo molla o l’alienante tran-tran casa-lavoro-finchè-la-moglie-non-si-fa-beccare-a-letto-con-un-altro) dipinte con ironica e compiaciuta crudezza. Poesia e disillusione compilate in flash. Difficile non farsi emozionare.

Web-bimbi non vogliono crescere
E, onestamente, quando mi imbatto in simili world-wide-zuccheriere, neanche io ho più tutta questa voglia di diventare grande… Filastrocche.it (www.filastrocche.it) è tutto quello che web-infanti e net-genitori possono solo aver sognato di sognare. Dalle fiabe alle filastrocche, passando per ninne nanne e scioglilingua, questo vero e proprio portale per l’infanzia raccoglie centinaia di testi d’intrattenimento vecchia maniera. Sulla stessa scia, forse però più rivolti a mamme e papà troppo prosaici e poco fantasiosi, anche Pinu (www.pinu.it), Bambini.it (www.bambini.it) e il Laboratorio Fiabe di Bimboflap (www.bimboflap.it/risorse/servizi/laborat_fiabe.html), che forniscono pragmatiche soluzioni al problematico “come ti addormento il bimbo iperattivo”…


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node