Ki fa da sè, fa X tutti!
Le iniziative di sporadici appassionati di vecchie tradizioni diventano a portata di tutti grazie al web che le diffonde nel mondo: dalle vecchie istantanee ingiallite agli oggetti di artigianato fatto a mano, dal cinema tradizionale fatto senza tecnologia ai video casalinghi... FaRe e CondivideRe

I paranoici delle Polaroid

pola

Lo vediamo: l'istantaneità dello scatto fotografico digitale, oltreché madre di innumerevoli selfinvented novelli La Chapelle è, contestualmente, cruenta assassina del gusto analogico, familiare e, perché no, un po' “rough” di pellicola e carta fotografica.

Il fascino dei fantastici ingiallimenti naturali e pastosi delle istantanee, quelle vere, rischierebbe di perdersi irreversibilmente se non ci fosse chi, come quei geni di Polanoid (http://www.polanoid.net), si preoccupa di mantenere viva questa estetica non-patinata, attraverso la creazione e il mantenimento di una community aperta di nostalgici e amatori (nonché attuali praticanti) della Polaroid.
“POLANOID è stato inventato perché la magia degli scatti Polaroid (...) e lo charme e il tocco delle macchine Polaroid ci colpiscono come un martello da fabbro - leggiamo sul sito – affamati di immagini vere, analogiche e profumate in un mondo digitale, abbiamo deciso di nuotare controcorrente e di reinizializzare i nostri obiettivi e dar vita alla più grande, migliore e più istantanea community fotografica online mai esistita”.

Le oltre 35.000 Polaroid finora giunte da ogni angolo del Pianeta fanno bella mostra di sé, al naturale o manipolate attraverso l'uso di spatole e pennelli (a proposito, scaricate assolutamente l'e-book sul makeup delle suddette emulsioni fotografiche!) su un layout scarno ed essenziale che contribuisce ad esaltare (oltre me) le nuances di questi scatti un po' démodé. Cheese!

 

Il negozio della ragazza pixel
Signore e signori, sono lieto di presentarvi questa sera la signorina Shana Victor, donna da sposare e business-maker di tutto rispetto (il che ne aumenta il coefficiente di maritabilità!).
Semplice la sua idea sul web: coniugare la sua passione per lo shopping con il gusto per l'artigianato. Nato dalla scintilla di una precedente esperienza internettara di arts&crafts - PixelPresents (http://www.pixelgirlpresents.com) - della scaltra Shana, PixelGirlShop (http://www.pixelgirlshop.com) è un negozietto online di moda, gioielli, accessori e gadget, tutti rigorosamente fatti a mano da una cricca di artiste scelte e in tiratura limitatissima. Oggetti meravigliosi (se non vi va di acquistare, andate a dare almeno un'occhiata a cotanto splendore!), particolarmente notevoli i peluche, con l'anima delle cose partorite da dita umane e non robotiche. Ce n'è per tutti i palati, con ADDIRITTURA una sezione dedicata ai maschietti...

 

L'angoletto del cosa salvo oggi in Italia
E per questo speaker corner appena inventato, vi omaggio delle web porte di chi ancora sforza la materia grigia in quest'Italietta di tronisti, veline e reality show (brrr): pollice su per Ascanio Celestini, baluardo del teatro sociale e d'inchiesta (http://www.ascaniocelestini.it), Caparezza, ipertricotico pugliese, analitico e “protestante” rapper dall'orecchio fine e dalla lingua sciolta (http://www.caparezza.com), i Cappello a Cilindro (http://www.cappelloacilindro.it), nutrita formazione musicale romana dal talento incontenibile e dalla genialità romantica che ricorda il compianto Rino Gaetano.

 

Baciami, Lorena!
L
'intento degli oltre 90 cineasti (i Licaoni) impegnati nella titanica creazione di Kiss Me Lorena (http://www.kissmelorena.it), film indipendente e a low(issimo) budget, è quello di affermare una concezione cinematografica controcorrente rispetto ai meccanismi produttivi del cinema tradizionale. Un cinema fatto fondamentalmente di libera distribuzione – Kiss Me Lorena è liberamente scaricabile dal sito internet ufficiale, una puntata a settimana – passione e impiego di strumenti tecnologici dalla facile reperibilità e dai costi popolari. Un umorismo che ricorda quello anglosassone dei Monty Python, un'importantissima esperienza di progettualità, sinergie, condivisione e scambio di visioni e formazione cinematografiche.

 

Catodica tu!

 

Quale sarebbe la tv migliore se non quella fatta da ciascuno di noi, studiata e confezionata a propria immagine e somiglianza, incline ai propri gusti e interessi, liberata dalle manette del mercato ed emancipata dal triste giogo dell'Auditel. Ecco, appunto, quella.
Qualcuno finalmente ha pensato di gettare le fondamenta di ciò che ha le potenzialità di diventare l'utopia sopra descritta. You Tube (http://www.youtube.com) è un calderone di girati e montati provenienti un po' da tutto il mondo conosciuto, ogni singolo utente è libero di mettere online i propri video e condividerli, di crearsi il proprio canale (un po' sul modello di Myspace.com e Last.fm) con le proprie playlist, produzioni e via dicendo, la propria sub-community o aderire a quelle di altrui concezione.

La ciliegina sulla torta (e chi è solito smanettare di questa roba ne apprezzerà massimamente la prelibatezza) sta nella ulteriore possibilità di visualizzare i video ospitati sul portalone, sul proprio sito o blog tramite la semplice trascrizione di un link, skippando così la necessità di chi, fino ad oggi, ha voluto condividere e mostrare materiale filmato di possedere chissà che spazi e bande private e veloci a pagamento. Ergo, Democracy rules!


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node