Pronti x SuperAmanda?
E’ la sorella italiana dell’inquietante orecchio elettronico americano Echelon ke intercetta tutti i fax, sms, e-mail e telefonate. Se ne parla a Napoli in un evento sull’universo dell’hacking. Mentre a Torino qualcuno svela lo scempio dietro le Olimpiadi invernali previste x il 2006

Hack it!

Napule è na carta sporca, e nisciuno se ne ‘mporta”, canta il poeta, ma questa volta si sbaglia il poeta, e di grosso. Partenope sarà infatti il melanconico scenario dell’ottava edizione di uno degli appuntamenti più amati dalle comunità e dalle controculture digitali italiane: l’Hackmeeting. La scelta dell’ambientazione non è per nulla affidata al caso: il C.S.O.A. Terra Terra, che ospita la manifestazione tra il 10 e il 12 giugno, è situato infatti in un quartiere periferico di Napoli (Soccavo), abbandonato dalle istituzioni e tenuto lontano dalle “ufficialità”. Uno di quei posti che fa paura alla società bene, perché, come la verità, travalica le pareti siliconate del mainstream e “afferma una realtà diversa da quella dell'informazione preconfezionata fatta di mezze verità, menzogne e facili stereotipi”. Ma vediamo un po’ di che si tratta: chiaramente l’iniziativa, come s’intuisce, ha a che vedere col mondo dell’hacking, ma sempre con l’intendimento (come avevamo già visto tempo fa a proposito di un evento analogo) di “attitudine” alla curiosità, alla sete di sapere e alla condivisione di conoscenze tecniche e non. Al centro del dibattito, oltre chiaramente al software libero e al rifiuto della logica dei brevetti, topic fondanti nella struttura di questi meeting, sarà in particolare il delicato tema della privacy lungo la rete fissa e mobile. La realtà attuale vede l’inquietante prospettiva dell’attivazione di SuperAmanda, sorella italiana del famigerato orecchio elettronico statunitense Echelon, un “dispositivo d’ascolto” in grado di intercettare e stipare tutto il traffico di telefonate, fax, SMS ed e-mail effettuato sul territorio nazionale. Nulla di buono dunque, nonostante ci venga dipinto come “necessario” a causa del particolare momento storico che stiamo vivendo. E nulla di nuovo sotto il sole, visto che, come al solito, sotto sotto, ciò che guida è il profitto. Di questo e quant’altro si discuterà nel corso delle 72 ore dell’HM05. A completare e alleggerire l’atmosfera un LAN Space (uno spazio provvisto di rete locale), all’interno del quale gli intervenuti potranno mettere in rete i propri notebook per giocare, lavorare e scambiarsi di tutto. Ancora, sono previsti seminari, dibattiti aperti e spettacoli. Riscaldare le dita, su!

Hackmeeting 2005 www.hackmeeting.org/wiki/main

C.S.O.A. Terra Terra www.csoaterraterra.org/

C.S.O.A. Terra Terra via Appio Claudio (traversa di viale Adriano), Napoli.

 

Se sei hard-boiled, freak o reggae-addicted… save the date!

Amanti delle bianche spiagge sicule e di quello strano genere musicale, detto crossover, che unisce i più gutturali ruggiti metal alle melodiche voci pop-rock più tradizionali, se vi trovate dalle parti della fascinosa Palermo, non perdetevi la travolgente esibizione degli oriundi, seppur esotici nel nome, Filthy Sunday Circus. Ascoltati per caso in altri tempi e per altre vie mi hanno suggerito un enorme talento e una gran capacità di coinvolgere il pubblico danzante (è un eufemismo: in genere più che di danze si tratta di veri e propri corpo a corpo, ritmati sì, ma decisamente convulsi). Insieme a loro performeranno i più classici Zorn, onesti nu-trash-metallari genovesi, dal curriculum di tutto rispetto. Il tutto per una serata decisamente movimentata e adrenalinica. Quasi dimenticavo, la serata in questione è quella del 4 giugno, il playground (si fa per dire…) è quello del C.S. Ex Carcere di Palermo. Se poi magari, siete giusto un po’ più “freak” e meno “hard-boiled” (e i barbuti saltatori urlanti di cui sopra non sono proprio nelle vostre corde) e vi trovate ancora da quelle parti la settimana successiva, non perdetevi il bel reggae siculissimo, rilassato e rilassante, della campanilista Trinacria Crew (sabato 11, sempre all’ExCarcere). E poi, magari, uscite fuori a riveder le stelle, che dalle isole fanno sempre un altro effetto…

Filthy Sunday Circus www.filthysundaycircus.com/

Zorn www.zornband.com/

C.S. Ex Carcere www.ecn.org/excarcere

C.S. Ex Carcere via Mongitore, 77,  Palermo

 

Anti-olimpica agitazione

Ultimi step x i preparativi per le Olimpiadi Invernali che l’anno prossimo si terranno nella città di Torino. Niente di più bello, vien da pensare, ma a volte è meglio non credere alle favole, alla retorica, ai sorrisi smaglianti del “lo si fa per lo sport”, se quello che sta dietro è la tragica realtà che si accingono a spiegarci i ragazzi di El Paso Occupato. Il dietro le quinte della manifestazione sportiva è fatto di montagne date in pasto ai bulldozer, speculazione immobiliare e devastazione urbanistica, testuali parole. Durante la duegiorni prevista per l’1 e 2 giugno verranno costituite tavole rotonde, impiantati dibattiti e, soprattutto, proiettati una serie di cortometraggi (giunti da tutta Italia) per spiegare, dati alla mano, quanto e come la “Torino in doppiopetto stia per spartirsi la pioggia di soldi delle olimpiadi invernali”. Sottolineano i coordinatori della Torino NOlimpix 2006: “Nessuno ci ha chiesto come la pensiamo, ma noi vogliamo dirlo lo stesso”. Perché il post-olimpiadi, cioè lo scempio ambientale, le infrastrutture non-riciclabili, lo stravolgimento strutturale, rimane onerosa eredità per chi la città continua a viverla poi, e non  solo durante. L’immagine che personalmente mi viene in mente, al di là di quale campana abbia più o meno il tocco limpido, è quella del pic-nic: porto la mia bella incellophanata colazione a sacco tra le fresche frasche del boschetto dietro casa, mi cibo, faccio molliche, le formiche ringraziano, mangiano con me; ma poi lascio, a ricordo del mio passaggio, tutta la malsana plastica che faceva da contorno al mio bucolico pasto. Quanto ancora mi ringrazieranno le formiche? Che almeno ci si ponga il problema, no?

El Paso Occupato www.ecn.org/elpaso/

El Paso Occupato via Passo Buole, 47, Torino


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node