Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR BRACHICARDICO
Editoriale
Antonella Andriuolo
Antonella Andriuolo
FITNESS BUSINESS
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
IL FASCINO DELL'INSPIEGABILE
Marino Midena
Marino Midena
SCHERMI ATTIVI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Flavia Narducci
Flavia Narducci
PROSSIMO “VIDEO-FUTURO”
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
TUTTO IN UNA SCATOLA
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
OPEN MIND & FREE SPACE
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
E' QUI IL FESTIVAL?
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
L'ARTISTA SONO IO
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
SCOSSE SONORE
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
TUTTO DAL VIVO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
IN COMUNE LA MUSICA
Fabio Murru
Fabio Murru
COPERTINE AD ARTE
Johnson Righeira
Johnson Righeira
6 CORDE...
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LEGGETE LA PRIMA PAGINA TUTTA D'UN FIATO
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
UN ESORDIO DOPPIO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
CAPOLAVORI
Paola Turci
Paola Turci
CHI MUORE CI INSEGNA A VIVERE
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
RIMESCOLAMENTI E LEGGENDE
Anadi Mishra
Anadi Mishra
CHIARI DI LUNA FRIZZANTI
Lorenzo Tiezzi
Lorenzo Tiezzi
TROPICI A MILANO E LUSSO A EIVISSA
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
PINK SUMMER
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
REMO REMOTTI E L'ANDERGRAUND
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
IL CIBO DEI DIAVOLI
Chiara Organtini
Chiara Organtini
AGLIO!
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo VI: ZUPPA DI PESCE E BANANE
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
ROTTURE
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
MERAVIGLIATI
Eva Buiatti
Eva Buiatti
MA COS'E' CHE CUCINI STASERA?
Simona Marchini
Simona Marchini
CORPO E ARCHITETTURA
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CORSI MANUALI E... DA MANUALE!
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
CINA SEMPRE + VICINA
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
UNA VITA A COLORI
Juri Chechi
Juri Chechi
TERAPIA ESTIVA
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
COSE CURIOSE
Avere: oggetti oggetti oggetti
Marco del Bene
Marco del Bene
LA GRANDE SFIDA
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CITTA' CREATIVE
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
TUTTI AL MARE!
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
UNGULATI: FRAGILI E AUSTERI
Pratiche bestiali: emozioni animali
Alice Paesetto
Alice Paesetto
IDENTITA' DI GENERE E SPORT
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TEMPI DURI?
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Pietro Romeo
Pietro Romeo
SACRO WEB
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
FESTIVAL FESTIVAL...
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
SOGNI E CANZONETTE
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
L'ALFETTA GIRA TUTTE LE CITTÀ
Eva Robin's
Eva Robin's
MAGICA LANZAROTE
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DIRITTO AL VOTO E... ALLA CELLULITE!
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
SUONI D'EUROPA
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
CANDIDATI AFFACCENDATI
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Concetta Schiariti
Concetta Schiariti
FAR TORNARE SEMPLICI LE COSE SEMPLICI
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
LA CRISI IRACHENA DEL 2003
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
AMSTERDAM, LIBERI NEL BENESSERE
Viaggi: muoversi per capire
Raffaella Milione
Raffaella Milione
SPAZI DI LIBERTA'
Oroscopo: cultura stellare


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
LA CRISI IRACHENA DEL 2003
Possibili alternative?
Sono passati da poco cinque anni dall’inizio della guerra in Iraq, che ha causato la morte di quasi 90.000 civili iracheni e circa 4.500 militari della forza multinazionale (4.000 americani).
In questi anni poco è stato detto sui mesi che hanno preceduto l’attacco della “Coalition of willing” (su iniziativa di Stati Uniti e Gran Bretagna), il 19 marzo 2003, in cui all’interno del Consiglio di Sicurezza ONU è avvenuto un duro confronto tra i sostenitori della guerra (anche senza l’avallo ONU), come Stati Uniti e Gran Bretagna e quanti, invece, volevano concedere il tempo necessario agli ispettori incaricati di verificare il disarmo da parte irachena (soprattutto Francia e Germania).

immagine_Cons Sicurezza ONU

La risoluzione ONU 1441 e il lavoro degli ispettori
Approvata dal Consiglio di Sicurezza nel mese di novembre, contiene le premesse del confronto, in quanto la sua “ambiguitá creativa” ne determina diverse interpretazioni. Stati Uniti e Gran Bretagna infatti ritengono, in caso di ulteriori resistenze da parte irachena, di poter attaccare senza la necessitá di ulteriori pronunce da parte del Consiglio, mentre Francia, Russia e Cina escludono l’”automatismo” militare.
Nel dicembre 2002 ritornano in Iraq gli ispettori internazionali, guidati dal diplomatico svedese Blix, chiamato dal segretario ONU Annan, per la sua competenza, il suo carisma e per la fama di grande diplomatico. Tra chiusure ed improvvise aperture (secondo lo stile ormai consolidato di Saddam) il lavoro degli ispettori produce, nel giro di tre mesi, risultati e, soprattutto, molti considerano positiva la collaborazione irachena, promettente per la prosecuzione del lavoro.

Il confronto nei primi mesi del 2003

Tuttavia, cosí come l’interpretazione della 1441, anche il lavoro degli ispettori diventa oggetto del confronto diplomatico; infatti Washington e Londra considerano le resistenze di Saddam come un motivo sufficiente per un attacco a prescindere da altre risoluzioni ONU (anche se non viene trovata la c.d. “pistola fumante”, la prova inconfutabile delle violazioni da parte irachena), mentre Parigi, Mosca e Berlino considerano fondamentale che gli ispettori proseguano il loro lavoro (andando, se necessario, oltre il termine previsto dalla risoluzione).
In questi mesi cresce il confronto tra il Presidente americano Bush e quello francese Chirac, che si basa su motivazioni politiche e di prestigio, legate anche alle particolari personalitá dei due leader. Il confronto “altera” le percezioni reciproche tra Francia e Stati Uniti, causando la ripresa di antichi cliché tra le due sponde dell’Atlantico.

Le possibili alternative

La guerra ha determinato la fine del regime di Saddam, decine di migliaia di morti, una situazione ancora complicata tanto che, recentemente, il comandante della forza multinazionale, l’americano Petraeus ha affermato che il numero di soldati americani (circa 160.000 uomini) non verrá ridotto; senza considerare che le armi di distruzione di massa, motivo ufficiale dell’intervento, non sono state trovate.
Per questo è importante parlare di quelle che avrebbero potuto essere le possibili alternative: aumentare il numero degli ispettori, con accompagnamento da parte dei caschi-blu, applicare sanzioni intelligenti agli esponenti del regime, organizzare un tribunale speciale ONU che avrebbe giudicato le violazioni dei diritti umani compiuti da Saddam ed ampliare le “no-fly zones”.

Tali iniziative avrebbero avuto un costo decisamente inferiore rispetto all’intervento (in termini umani e di risorse materiali) e costituire un modo piú efficace per vincolare Saddam alle risoluzioni internazionali (in quanto condotte all’interno di un quadro multilaterale, ma anche perché l’eventuale rifiuto o inadempimenti successivi avrebbero comportato un intervento automatico da una forza ONU). Tuttavia, sarebbe riduttivo attribuire la responsabilitá della guerra esclusivamente alla volontá “unilateralista” di Washington di porre fine al regime sanguinario di Saddam Hussein a prescindere dall’esistenza delle armi di distruzione di massa per motivi di carattere strategico, politico ed economico (anche se ha certamente influito in maniera significativa), in quanto, da parte di chi non voleva la guerra se non in seguito al fallimento del lavoro degli ispettori e dopo una specifica pronuncia del Consiglio di Sicurezza ONU, non c’è stata la capacitá (la volontá?) di presentare alternative credibili, strutturate e mirate alla soluzione del conflitto.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of June 2008
di Guido Dolara


 

Tramutare: trasformazioni evolutive
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node