Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR BRACHICARDICO
Editoriale
Antonella Andriuolo
Antonella Andriuolo
FITNESS BUSINESS
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
IL FASCINO DELL'INSPIEGABILE
Marino Midena
Marino Midena
SCHERMI ATTIVI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Flavia Narducci
Flavia Narducci
PROSSIMO “VIDEO-FUTURO”
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
TUTTO IN UNA SCATOLA
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
OPEN MIND & FREE SPACE
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
E' QUI IL FESTIVAL?
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
L'ARTISTA SONO IO
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
SCOSSE SONORE
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
TUTTO DAL VIVO
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
IN COMUNE LA MUSICA
Fabio Murru
Fabio Murru
COPERTINE AD ARTE
Johnson Righeira
Johnson Righeira
6 CORDE...
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LEGGETE LA PRIMA PAGINA TUTTA D'UN FIATO
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
UN ESORDIO DOPPIO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
CAPOLAVORI
Paola Turci
Paola Turci
CHI MUORE CI INSEGNA A VIVERE
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
RIMESCOLAMENTI E LEGGENDE
Anadi Mishra
Anadi Mishra
CHIARI DI LUNA FRIZZANTI
Lorenzo Tiezzi
Lorenzo Tiezzi
TROPICI A MILANO E LUSSO A EIVISSA
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
PINK SUMMER
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
REMO REMOTTI E L'ANDERGRAUND
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
IL CIBO DEI DIAVOLI
Chiara Organtini
Chiara Organtini
AGLIO!
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo VI: ZUPPA DI PESCE E BANANE
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
ROTTURE
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
MERAVIGLIATI
Eva Buiatti
Eva Buiatti
MA COS'E' CHE CUCINI STASERA?
Simona Marchini
Simona Marchini
CORPO E ARCHITETTURA
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CORSI MANUALI E... DA MANUALE!
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
CINA SEMPRE + VICINA
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
UNA VITA A COLORI
Juri Chechi
Juri Chechi
TERAPIA ESTIVA
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
COSE CURIOSE
Avere: oggetti oggetti oggetti
Marco del Bene
Marco del Bene
LA GRANDE SFIDA
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
CITTA' CREATIVE
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
TUTTI AL MARE!
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
UNGULATI: FRAGILI E AUSTERI
Pratiche bestiali: emozioni animali
Alice Paesetto
Alice Paesetto
IDENTITA' DI GENERE E SPORT
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TEMPI DURI?
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Pietro Romeo
Pietro Romeo
SACRO WEB
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
FESTIVAL FESTIVAL...
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
SOGNI E CANZONETTE
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
L'ALFETTA GIRA TUTTE LE CITTÀ
Eva Robin's
Eva Robin's
MAGICA LANZAROTE
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DIRITTO AL VOTO E... ALLA CELLULITE!
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
SUONI D'EUROPA
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
CANDIDATI AFFACCENDATI
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Concetta Schiariti
Concetta Schiariti
FAR TORNARE SEMPLICI LE COSE SEMPLICI
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
LA CRISI IRACHENA DEL 2003
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
AMSTERDAM, LIBERI NEL BENESSERE
Viaggi: muoversi per capire
Raffaella Milione
Raffaella Milione
SPAZI DI LIBERTA'
Oroscopo: cultura stellare


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
Capitolo VI: ZUPPA DI PESCE E BANANE
aprì gli occhi. La punizione era finita...
Quaranta anni prima, nella profonda provincia emiliana le stranezze di un bimbo grasso non potevano essere capite. Il bimbo grasso divenne un adolescente grasso riservato e sensibile, molto di entrambi. Dopo qualche anno era diventato quasi brillante, aveva raggiunto i centoquarantatre chili e un piccolo gruppo di compari lo aveva accettato per quello che era. Studente modello e capitano di bagordi, aveva ottenuto una laurea in psicologia all’università di Bologna. Nessuna storia d’amore. Considerava normalmente le ragazze troppo noiose. Le ragazze normalmente lo consideravano orrendo. Aveva, saltuariamente, visitato il letto di qualche prostituta, ma continuava a ingnorare la compagnia femminile. Qualche mese dopo la laurea una grossa, manco a dirlo, compagnia di assicurazioni lo aveva assunto e dopo un paio d’anno era entrato nell’ufficio verifiche furti e sinistri. Il suo lavoro consisteva nell’accertare se in certi casi sospetti l’assicurazione fosse truffata. In cinque anni era diventato il capo dell’ufficio. A trentaquattro anni aveva raggiunto l’apice della carriera e dovette scegliere se accomodarsi in una posizione manageriale. Si licenziò e aprì una agenzia di investigazioni. A quarant’anni aveva per clienti le più grandi assicurazioni del globo. Non si era montato la testa ma chiedeva onorari spaventosi e si poteva permettere di scegliere i casi più interessanti. Quel lavoro lo divertiva.
Non in quel letto. Non su quel tropico.
Non dopo aver perso il bersaglio per una zuppa di pesce e banane.
Aprì gli occhi.  La punizione era finita.

In quel momento possedeva soltanto la sua solitudine e due piedi mostruosamente enfiati.  Alberto se accorse soltanto quando tentò di infilarsi una scarpa. Non entrava. Egli, senza apparente preoccupazione entrò in bagno e cercò un posto per mettere le estremità a bagno. Dopo tentativi andati male, prese l’unica sedia che l’amministrazione dell’albergo aveva previsto per le stanze singole, la posizionò di fronte alla doccia, sollevò i piedi appoggiandoli al portasapone e aprì l’acqua fredda. Il flusso non era gelato ma fresco. Dopo pochi momenti il peso delle gambe staccò dal muro il portasapone. Alberto sconsolato chiamò la portineria. Chiese una bacinella e molto ghiaccio. Aggiunse la richiesta di un tumbler di whisky scozzese. Arrivò la bacinella, poco ghiaccio e un burbon virginiano. Firmò la nota e ingoiò l’alcolico senza fiatare. Porse al cameriere attonito il blocco e il bicchiere vuoto, senza mancia. Chiuse la porta e ricominciò a preparare il pediluvio. L’interno del bagno, visto dall’alto, era quasi completamente saturo del corpo dell’uomo seduto, con i piedi infilati in una vasca di plastica verde in cui volteggiavano pochi piccoli iceberg in fusione.
La terapia di raffreddamento non sembrava avere molto effetto sui piedi ma almeno Alberto ricominciò ad usare il pensiero razionale. La situazione era grave ma forse non compromessa. Quello che non riusciva ad inquadrare era il perché un anonimo ladro specializzato in furti di opere religiose, avesse deciso di attraversare dieci meridiani, pochi giorni dopo la sparizione da una chiesa in centro Italia di una reliquia. Erano due anni che alcune sue indagini lo aveveno portato verso Felix, che però si era sempre dimostrato scaltro e prudente. L’ultimo furto sembrava avesse la sua firma. Eppure, in barba ad ogni ragionevolezza, Felix aveva organizzato rapidamente quella che sembrava una fuga. Non che l’oggetto giustificasse un espatrio, un reliquario di medio valore con annessa dentiera del santo, o che la Curia di Chieti si fosse mostrata troppo preoccupata, ma quel passo falso aveva immediatamente messo in moto le pance di Alberto, che sperava di risolvere altri e più sostanziosi casi.
Perché la Giamaica? Perché proprio questo pezzo di metallo inciso? Perché una reliquia incerta?
L’alternativa era che Alberto si fosse sbagliato e Felix non avesse visitato il duomo di Chieti e la gita tropicale non aveva nulla a che fare con le sue attività. Pensò con distacco che gli uomini fanno le cose più strane spesso per colpa di una donna. Felix non sembrava un romantico. Alberto si spazientì. Non poteva sopportare di perdersi in un labirinto di vicoli ciechi. Non riusciva ad anticipare gli eventi, li subiva, come un qualunque investigatore da strapazzo. Si stava comportando come cercasse prove per un tradimento, soltanto che pesava centoquaranta chili e vestiva un camiciotto color fragola. Il mimetismo non era la sua arma vincente.
Adulterio-  Forse l’idea non era da scartare.
Forse il vecchio Felix aveva birbonato con la moglie con un committente, e, furto o no, aveva dovuto levare le tende.  Questo apriva interessanti possibilità di assistere a dei passi falsi dell’ineffabile elvetico. Se solo fosse riuscito a riagganciarlo! Le donne...Pensò Alberto ghignando con sollievo. Cominciò metodicamente a far mente locale ai vari casi irrisolti che potevano riferirsi a Felix. Nel bagno ostruito dalla sua massa fece scattare l’orologio per la prossima mossa del suo avversario, come un giocatore di scacchi in partita.

Felix, appoggiato alla carrozzeria della macchina, guarda il danno. Il fanale penzola sguaiato, il parafango è cesellato di pieghe. Dalla Land Rover scendono due mandingo pelati. Felix arretra. I due armadi d’ebano avanzano. Il primo osserva i danni sulla Suzuki. Un attimo dopo l’intero parafango è nelle sue mani. Lo getta tra le foglie. La piccola macchina mostra una vergognosa nudità. L’altro solleva di peso l’avantreno del fuoristrada giapponese e lo sposta lontano dalla Land Rover. Felix è in mezzo, impotente, come la vetturetta sbucciata e strabica. Alza le mani. I due sollevano lui. Cominciano a tirare da versi opposti. Felix sente le giunture allentarsi, la carne tenerlo insieme, la pelle tendersi quasi a strapparsi.
Pensa, è finita. Non prega, non ricorda, non chiede.
Pensa solo, è finita.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of June 2008
di Guido Dolara


 

Httivare: il mio romanzo
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node