Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E' UN JOLLY
Editoriale
La Sapienza Laboratori
La Sapienza Laboratori
MA I BAMBINI FANNO OH?
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
HONG KONG ON THE ROAD
Marino Midena
Marino Midena
IL FILM LO FACCIO IO
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Roberto Bianchi
Roberto Bianchi
CHI INFRANGE VINCE
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
MA KE SUCCEDE?
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
IMMAGINARIO O REALE?
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
ECCE MIRACULUM
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
DA MOLTO LONTANO...
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
UNA ROCKEUSE E QUALCHE FIGLIOL PRODIGO
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
GRAFFI & GRINTA
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
SORPRENDITI
Fabio Murru
Fabio Murru
CON UNA NOTA TI SEDURRO'
Johnson Righeira
Johnson Righeira
E ORA TOCCA A VOI!
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
LASCIATI CORRODERE
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
SE LA TUA OSSESSIONE E' LA MAGIA...
Salvatore Satta
Salvatore Satta
TINTIN E BUMBUM
Paola Turci
Paola Turci
LA FORZA ATTRATTIVA DELL’IMPOSSIBILE
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
C'E' SEMPRE QUALCOSA DI NUOVO DA DIRE
Anadi Mishra
Anadi Mishra
ANIMAZIONI IN NOTTURNA
Desiree Nardone
Desiree Nardone
HURRY UP TIC TOC BIG BEN
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
L’HAPPY HOUR SI FA PSICO
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
QUANDO DAL TRASH NACQUE IL DEMENZIALE
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
PICCOLE BOMBE CALORICHE
Chiara Organtini
Chiara Organtini
NOCCIOLE!
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo III: PESSIMA NOTTE
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
SUSSULTI E PENDII
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
PRIGIONI VELENI E SESSO
Simona Marchini
Simona Marchini
SCENARI URBANI
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
SI INIZIA IN SICUREZZA E SI FINISCE A TAVOLA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
ACQUISTI IN RETE O ACQUISTI... SENZA RETE?
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
TEST-IAMOCI UN PO'!
Juri Chechi
Juri Chechi
A VOLTE I MOSTRI SIAMO NOI
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
IDENTITA' AMBIGUE
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
RIVOLUZIONE A 4 RUOTE
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
MARZO PAZZO? ALLORA FAI UNA FOLLIA!
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
BIMBO SICURO RILASSATO E DIVERTITO
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
NON TEMERE IL SUO BRAMITO
Pratiche bestiali: emozioni animali
Mickey Mouse
Mickey Mouse
SE LO SPORT E' LENTO E COLTO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
SOTTERRANEI INFERNALI
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Pietro Romeo
Pietro Romeo
PRANZO A SACCO
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
SOLIDO E SANO
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
RACCOGLI L'ACQUA PIOVANA
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
VITE PIENE
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
FIORIN FIORELLO
Eva Robin's
Eva Robin's
DAL PARADISO ALL'INFERNO SENZA RITORNO
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
LA PENNA E' FEMMINA
Emma Bonino
Emma Bonino
CERVELLO TAGLIA 38?
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

- Per le donne
 Shootin' Stars
Shootin' Stars
MUJERES OF TOUTE L’EUROPE
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
L'AMERICA VISTA DALL'ITALIA
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Concetta Schiariti
Concetta Schiariti
AAA CERCASI...
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
BAGHDAD: TERRORISTI INCONSAPEVOLI
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
QUI NON TI PUOI ANNOIARE
Viaggi: muoversi per capire
Raffaella Milione
Raffaella Milione
STORIE DI ORDINARIA BLOGMANIA
Oroscopo: cultura stellare


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
BAGHDAD: TERRORISTI INCONSAPEVOLI
L'ennesimo orrendo attentato. Ma qui non è la dinamica a inorridire, bensì l'autore...
Il due febbraio ci sono stati a Baghdad due attentati gravissimi che hanno sconvolto la già martoriata capitale irachena. Non è la dinamica che inorridisce (purtroppo…); infatti due persone cariche di esplosivo che colpiscono luoghi affollati un mercato (in questo caso due mercati in cui si vendevano animali di Ghazil) e che provocano decine di vittime è una notizia con cui ormai siamo abituati a convivere da molto tempo. Ciò che stavolta lascia il segno è che le due attentatrici erano disabili mentali, con ogni probabilità una malata di sindrome di Down.

Iraq

La drammaticità dell’evento
In questo caso non parliamo di donne-kamikaze (cecene, palestinesi, irachene…) che, in seguito all’uccisione dei loro familiari sono, di fatto, “spogliate” della loro “identità” e “scelgono” la via dell’attacco suicida (con metodi talvolta accompagnati da indottrinamenti e imposizioni descritti molto bene dallo splendido libro di Sabine Adler, Dovevo morire da vedova nera) per compiere la loro vendetta, o semplicemente per trovare una propria ragione di esistere (?).
Stavolta no, stavolta parliamo di qualcosa di peggiore, quasi che all’orrore non vi fosse fine, che si scontra con i principi del Corano che dispensano le donne colpite da qualsiasi malattia dal “jihad”, la guerra “santa” contro gli infedeli. In questo caso le attentatrici, vere e proprie vittime di scelte altrui, erano inconsapevoli, “infagottate” in vestiti che nascondevano cinture esplosive, fatte esplodere a distanza.

Andare “oltre ogni limite”
Qualcuno in questi giorni ha scritto che ormai Al-Qaeda (la cui fazione irachena è da sempre favorevole all’uso di donne-kamikaze) sta “raschiando il fondo del barile”; oltre a questo, temo che gli “strateghi” del terrore stiano elaborando nuovi stratagemmi per sfuggire ai controlli, per rendere sempre più difficile l’attività di chi si impegna nella prevenzione degli attentati e, in un quadro in cui, nell’uso di tecniche di guerra, sembra superato ogni limite (bambini iraniani mandati a farsi saltare in aria per superare i campi minati durante il conflitto con l’Iraq degli anni ‘80, kamikaze adolescenti usati nel conflitto medio - orientale, il “nonno – kamikaze” usato nell’attentato alla sede ONU di Algeri, tanto per fare qualche esempio), ci si domanda quale ulteriore “fondo” debba essere raggiunto e quali ulteriori costi in termini di vite umane (solo per dare qualche cifra, dall’inizio della guerra sono morti oltre ottanta mila civili iracheni e quattro mila soldati americani) si debbano soffrire prima di mettere la parola “fine”.

Russell Howard, esperto americano di terrorismo, a proposito delle differenze tra il “nuovo” terrorismo, catastrofico e con sempre maggiore violenza, e quello di tipo “tradizionale” (caratterizzato invece da una forte matrice politica), ha dichiarato qualche tempo fa: “I terroristi in passato volevano sedere al tavolo delle trattative. Oggi invece non sono interessati allo scambio di ostaggi, e piuttosto che sedere a quel tavolo, vogliono distruggerlo e con esso chiunque vi sieda”.

Un approccio globale alle crisi del Medio Oriente
Dopo ogni attentato ci si chiede “che fare?”: aumentare le strutture di controllo per prevenire gli attentati? Visto che la presenza delle forze occidentali (soprattutto americane) costituisce il maggior elemento di discordia all’interno dell’Iraq, impegnarsi per il ritiro immediato o comunque entro tempi brevi? Favorire il processo di “riconciliazione” nazionale che dia finalmente un “progetto” politico comune e condiviso che sia in grado di coinvolgere (finalmente) il paese “post – Saddam”?
Queste sono solo alcune delle ipotesi di discussione, ma certo nessuna, ammesso poi che abbia una “reale” efficacia, riuscirà a raggiungere un qualche tipo di risultato se non cambia anche l’approccio sottostante a un certo modo di intendere le relazioni internazionali; questo, finalizzato ad interventi locali, al di fuori di un contesto più ampio non aiuta a risolvere i problemi del Medio Oriente, regione nella quale le numerose tensioni (in Iraq, nei territori palestinesi, in Libano, in Iran, in Siria…) richiedono un approccio equilibrato, strategico, armonico e di portata “globale” negli obiettivi e mirato, adatto ad ogni specifico paese, nell’intervento armato, secondo un principio-cardine delle tecniche di negoziazione, secondo cui per gestire una controversia particolarmente complessa e con forti “ramificazioni” occorre “pensare strategicamente e intervenire localmente”.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of March 2008
di Guido Dolara

CuLt - Marzo 2008


 

Tramutare: trasformazioni evolutive
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node