Bologna, Teatri di Vita- venerdì 13 novembre a lunedì 16 Novembre- Eva Robins in GIORNI FELICI di Samuel Beckett


Bologna-Teatri di Vita, da venerdì 13 a lunedì 16 novembre
Giorni di Vita
Eva Robins interpreta la beckettiana Winnie
tra parole incastrate e ricordi di una vita
 diretta da Andrea Adriatico
in scena con Gianluca Enria



Una Winnie interrata fino alla vita, imprigionata dalla sua stessa condizione esistenziale: Eva Robins torna a Teatri di Vita, in Giorni Felici di Samuel Beckett, diretta nuovamente da Andrea Adriatico. Affiancata sulla scena da Gianluca Enria non riesce a girarsi e a comunicare verso il marito Willie: tra piccoli discorsi quotidiani e dolci ricordi le parole cozzano con la condizione di prigionia e, nella versione di Adriatico, enfatizzano la relazione della coppia.
Lo spettacolo, terza tappa del ciclo Non io nei giorni felici. Samuel Beckett visto da Andrea Adriatico, dedicato al drammaturgo irlandese nel ventennale della sua morte sarà in scena a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna; www.teatridivita.it; info: 051.566330) dal 13 al 16 novembre alle ore 21,15, nell'ambito della stagione teatrale, realizzata in collaborazione con la Fondazione Carisbo e la Fondazione del Monte.

Giorni Felici rappresenta uno dei momenti più alti della drammaturgia beckettiana: scritto da Beckett nel 1961 è anche uno dei testi più famosi dell'autore, composto a ridosso del suo matrimonio con Suzanne Deschevaux-Dusmenil, dopo più di venti anni di convivenza. Ha anche un altro primato: si tratta infatti dellíunico testo beckettiano che vede in scena una coppia di sposi. Adriatico si confronta così nuovamente con Beckett proponendo una originale visione del testo: lei interrata fino alla vita e logorroica nel rievocare i giorni felici, lui distante e silenzioso.
Inserito allíinterno del ciclo interamente rivolto all'autore irlandese, Non io nei giorni felici.
Samuel Beckett diretto da Andrea Adriatico, il regista propone un' interpretazione del rapporto di coppia, facendo emergere sia quelli che sono gli aspetti più intimi e domestici, sia gli elementi che rimandano alla sessualità e all' erotismo. Cinquanta anni e una visione della vita non più così rosea: così Winnie si trova a fare i conti con un passato da cui non riesce a liberarsi, pronunciando parole che come gabbie incastrano e imprigionano.


Eva Robins da anni lavora con Adriatico: dopo La Voce Umana di Cocteau nel 1993, ha esplorato, sempre con lo stesso regista, vari autori, tra cui Il frigo di Copi. E' alla fine di questo percorso che la Robins giunge a Beckett, con la sua originale interpretazione di Winnie, che alterna abilmente ironia e drammaticità.





AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node