Verbania- 11 Novembre- Cheryl Renèe's Blues Band
In occasione della 19^edizione del festival Blues al Femminile



Verbania, Centro Sant'Anna 11 Novembre 2009
CHARYL RENèE'S BLUES BAND
     BLUES AL FEMMINILE
    19^  EDIZIONE
       dal 20 ottobre al 14 dicembre 2009
           


La rassegna Blues al Femminile è organizzata dal Centro Jazz Torino con il sostegno di REGIONE PIEMONTE, COMPAGNIA DI SAN PAOLO, nell’ambito del bando "Arti Sceniche in Compagnia" Edizione 2009 , PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA,  Assessorato alla Cultura COMUNE DI VERBANIA, Assessorato alla Cultura e Associazione Verbania Musica

CHERYL RENÉE’s BLUES BAND
CHERYL RENÉE, voce e pianoforte
DAN JACKSON, sax
"LITTLE" AL THOMAS, chitarra
LARRY MALOTT, basso
DAVID CHAMBERLAIN, batteria



La "Queen City of the West", Cincinnati, piccola metropoli portuale sul fiume Ohio, vanta un’importante tradizione musicale legata tanto alla formidabile e profondamente radicata componente tedesca della sua popolazione (alla quale si deve il numero eccezionale di orchestre sinfoniche e da camera della città) quanto alla ricca comunità afroamericana creatasi sin dall’Ottocento per la contiguità geografica con il Meridione e la distanza dal suo bigottismo razziale. Radici germaniche hanno la vedette swing-pop e diva cinematografica nativa di Cincinnati, Doris Day (il vero cognome è Kappelhoff), e in parte (in una miscela con quelle prevalenti irlandesi) anche Rosemary Clooney, la grande cantante jazz originaria della vicina Maysville, Kentucky, e formatasi ai microfoni delle stazioni radio della città dell’Ohio; mentre dai quartieri neri di Cincinnati sono emersi artisti come Mamie Smith, la prima cantante di "blues classico" a entrare in uno studio di incisione, gli Isley Brothers e Bootsy Collins, il formidabile bassista funky di James Brown, il quale – insieme ad altri maestri del R&B come Little Willie John, Lula Reed o Hank Ballard – definì il suo stile come attrazione della King Records, l’etichetta di Cincinnati che ha dominato a lungo la scena discografica del secondo dopoguerra. A questa importante e variegata tradizione Rhythm & Blues fa riferimento Cheryl Renée, estrosa e ruspante creatura di Cincinnati che dalla sua città è stata lontana per trent’anni di musica on the road, da Las Vegas al New England e poi –come attrazione per le forze armate americane - in Germania ed Estremo Oriente. Tornata in Ohio, ha definito un suo stile blues dai tratti umorali e sanguigni e dalla schietta comunicativa, esercitata in combinazione con brillanti partner come i chitarristi (e vocalisti) "Lightning" Tim Jacoby e Little Al Thomas. Pianista pulsante ed essenziale, cantante dalla tavolozza agra e ferrigna, con peculiari, sibilanti aperture in falsetto, e dalla dizione masticata e bizzosa, Cheryl si rivela – in album come I Believe You Know the Blues e Live! With Them Bones - interprete personalissima di temi classici del repertorio femminile afroamericano: humor e rauca aggressività si combinano nelle letture di "In My Girlish Days" di Memphis Minnie, di "I’m Gettin’ ‘long Alright" di Big Maybelle, di "The Same Thing" di Koko Taylor, di "Blow Top Blues" di Dinah Washington, l’arguto blues della follia che lei commenta – alla tastiera – citando con gusto il tema del televisivo Ai confini della realtà. 



Informazioni:
Associazione Culturale Centro Jazz Torino  Via Pomba 4, 10123 Torino tel.011/884477 fax 011/8126644
www.centrojazztorino.it/bluesalfemminile/
centrojazz@centrojazztorino.it
INGRESSO 5 EURO






     


 

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node