Poggio a Caiano - fino al 20 luglio - MOSTRA BARTOLOMEO BIMBI: aperta anche il 2 giugno

MOSTRA BARTOLOMEO BIMBI: aperta anche il 2 giugno

E’ aperta anche il 2 giugno la mostra allestita alle Scuderie medicee e al Museo della Natura Morta nella Villa medicea ‘Stravaganti e bizzarri’. Ortaggi e frutti dipinti da Bartolomeo Bimbi per i Medici.
A poco meno di un mese dall’apertura sono già oltre 1.000 i visitatori registrati alla mostra “Stravaganti e bizzarri’. Ortaggi e frutti dipinti da Bartolomeo Bimbi per i Medici allestita (fino al 20 luglio 2008) alle Scuderie medicee e al Museo della Natura Morta nella Villa medicea  e a cura di Stefano Casciu e di Chiara Nepi, con la collaborazione di Ilaria Della Monica, Riccardo Spinelli e Anna Maria Pult Quaglia. Promossa e organizzata dal Comune di Poggio a Caiano, con la collaborazione della Soprintendenza speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze  (Museo della Natura Morta nella Villa medicea di Poggio a Caiano), dell’Università degli Studi di Firenze (Museo di Storia Naturale, Sezione Botanica) e con il contributo della Provincia di Prato, la mostra presenta per la prima volta in modo esauriente e organico l’importante nucleo dei dipinti raffiguranti grandi zucche, cavoli, meloni, cocomeri, grappoli d’uva, agrumi ed altri esemplari botanici tutti caratterizzati da dimensioni eccezionali o da forme peculiari, considerate degne di essere testimoniate in forma pittorica. Per tutta la durata della mostra è disponibile un servizio di visite guidate a cura della Cooperativa sociale Il Grappolo (per informazioni: Ufficio turistico Comune di Poggio a Caiano, tel. 055 8701280/8798779,
infoturismo@comune.poggio-a-caiano.po.it).
Ancora oggi quasi sconosciute al grande pubblico,  le opere esposte, (trenta, tutte recentemente restaurate) furono realizzate tra gli ultimi decenni del Seicento ed i primi del Settecento dal pittore fiorentino Bartolomeo Bimbi (1648-1730) su commissione di Cosimo III e di altri Medici, e destinate principalmente al Casino della Topaia, nei pressi della Villa della Petraia. I dipinti in mostra fanno oggi parte delle raccolte della Sezione di Botanica del Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, al quale vennero destinati dopo il 1775 dal granduca Pietro Leopoldo di Lorena.
A questo gruppo di dipinti, e all’arredo della Topaia, si collegano altre importanti opere del Bimbi, tra cui i celebri campionari di frutti e di agrumi, esposti nel nuovo Museo della Natura Morta nella Villa di Poggio a Caiano. In una sala del Museo infatti è visibile una selezione di opere e di documenti legati al tema degli agrumi, che si accompagnano alla visione delle grandi tele con Spalliere di agrumi, realizzate nel 1715 dal Bimbi per la Topaia, a manoscritti e alcuni esempi dall’importantissimo erbario del botanico granducale Pier Antonio Micheli (a servizio di Cosimo III e contemporaneo del Bimbi, e la cui attività scientifica è strettamente collegata a quella del pittore), conservati oggi presso l’Università fiorentina. Nell’allestimento, sia alle Scuderie sia al Museo, è presente inoltre una significativa selezione della importante collezione di modelli in cera policroma di frutti ed ortaggi, che risale al tardo Settecento e finora sconosciuta al pubblico e agli stessi studiosi ed appartenente anch’essa alla Sezione Botanica del Museo di Storia Naturale di Firenze.
La mostra è accompagnata da un catalogo di 160 pagine stampate a colori, (formato 24,5 x 30,3 cm) edito da Edifir-Edizioni Firenze ed è realizzata grazie al contributo di: Credito Cooperativo Area Pratese e Terna.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node