UNA VITA A COLORI
Non solo perchè bella e sana, ma anche perchè con i colori la curiamo e la miglioriamo...
Se anche lui vuole farsi bello…..
Capita sempre più spesso (per fortuna) di sentire uomini che chiedono trattamenti di bellezza, allora ecco una maschera all’argilla unisex utile per pulire, tonificare, rassodare e decongestionare la cute; l’argilla è stata usata sin dall’antichità (le donne egiziane la usavano costantemente per la pelle del viso e i capelli) per le sue proprietà assorbenti, stimolanti le terminazioni nervose, favorenti la circolazione venosa e linfatica e regolarizzanti l’attività delle ghiandole sebacee e sudoripare.

argillaverdeventilata

Diversi sono i tipi di argilla usati sia a fini estetici sia farmacologici: caolinite, argilla verde, argilla bianca; ognuna di questi tipi ha caratteristiche peculiari che la rendono adatta ad un uso o ad un tipo di pelle piuttosto che ad un altro, per es. l’argilla bianca è indicata per la cute secca e bisognosa di idratazione, alla maschera base in questo caso è consigliabile aggiungere qualche goccia di olio di germe di grano oppure olio di mandorle. L’argilla verde invece è indicata per le pelli acneiche tendenti alla foruncolosi grazie al suo potere assorbente. La maschera base si prepara aggiungendo acqua tiepida all’argilla (ca. 2-3 cucchiai) tanto da formare un impasto schiumoso e molle tale da poter essere steso con facilità sulla cute, una volta preparata stendere la pasta con uno spessore di almeno 1 cm su tutto il viso facendo attenzione alla zona perioculare che va lasciata libera; tenere in posizione la maschera per circa 10-20 minuti inumidendo ogni tanto se tende ad asciugarsi, rimuovere poi il tutto con una spugna bagnata e sciacquare abbondantemente con acqua tiepida. Per maschere all’argilla personalizzate si può aggiungere: olio essenziale di limone, olio essenziale di lavanda, olio di germe di grano, olio di mandorle, olio essenziale di rosa gallica, secondo le esigenze cutanee. Approfondimenti su .traterraecielo.it e .lapelle.it

Italiani popolo di ri-cercatori
E… aggiungo, trovatori! E' infatti tutta italiana una delle ultime novità annunciate durante il 2° congresso nazionale per lo studio e la ricerca sulle ulcere, piaghe, ferite e la riparazione tessutale da Nicolo’ Scuderi direttore del dipartimento di chirurgia plastica dell’università La Sapienza di Roma; si tratta di un cerotto liquido a base di cianocrilati applicabile sia su ferite recenti, anche subito dopo l’asportazione di punti di sutura, sia su cicatrici ipertrofiche, arrossate e indurite.
L’applicazione di questo cerotto favorisce la creazione di un microambiente tale da garantire tutte le condizioni per una buona cicatrizzazione mantenendo la zona elastica ed evitando sfregamenti della cute interessata, inoltre crea una barriera impermeabile a batteri, polvere, acqua, agenti chimici e quanto altro possa creare infezioni o ulteriori danni ad una cute già rovinata.
(HANSAPLAST, Cerotto Spray per 40 applicazioni)

Cromopuntura
Nuova scienza nata nei primi anni ’70 per merito di Peter Mandel; tecnica non invasiva, dove non si punge la pelle ma si posiziona un fascio di luce colorata sui punti recettori del corpo, gli stessi dell'agopuntura o dello shiatsu e presenti lungo i meridiani energetici principali individuati dalla medicina tradizionale cinese. I recettori sono stimolati mediante le vibrazioni emesse dalla luce colorata, ogni fascio ha diversa frequenza a seconda del raggio dello spettro cromatico utilizzato nel trattamento, questa è quindi solo apparentemente semplice mentre richiede conoscenze approfondite dato che lavora su piani di energia molto profondi.
Per approfondire: Il colore che guarisce. Cromopuntura: nuova medicina della luce di Allanach Jack ed. Tecniche Nuove.

Un’erbetta stagionale: taraxacum officinale

Infiorescenza di Tarassaco

Dente di leone o soffione nelle accezioni popolari, è una pianta erbacea che cresce spontanea dalle zone pianeggianti sino ai 2000 m, fiorisce da maggio a giugno, se ne utilizzano le radici raccolte in autunno. Si usa sotto forma di macerato idroalcolico (30-40 gtt 2-3 volte/di), come taglio tisana (5gr ogni 100 ml d’acqua), come estratto secco in capsule (2-3 cps/di secondo la concentrazione del p.a. espresso in ac. caffeico). Le proprietà: stimolante del metabolismo epatorenale, azione drenante; è indicato nelle epatiti, litiasi biliare e disturbi della cistifellea, coadiuvante nell’obesità e nell’ipercolesterolemia, nella cellulite.

L’angolo della risata
“3 antiprofilattici”, “cosini pe cosare orecchi”, “garze asettiche, acqua visiologica”, Visco vaporub”,”Voltair 100 supposte”.
Estratti da E’ un medicinale: usare con Manuela di Militello-Pallini.

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node