SCHERMI ATTIVI
Dinamici, attenti all'ambiente, sostenibili, impegnati, colti, raffinati...
Quando i Registi sono sotto esame
Diamo voce alle immagini e alla immaginazione
Maremetraggio, festival di cortometraggi di Trieste, giunto alla nona edizione e Tiscali lanciano una sfida alla creatività dei filmaker. Con il concorso "Raccontaci la nostra storia” tutti registi che si vogliono cimentare vengono “sfidati” a raccontare la storia proposta dal festival, Lo script, infatti, è stato deciso dagli organizzatori e per la prima edizione del concorso è stata scelta una storia incentrata sui i sentimenti e le relazioni interpersonali più classiche: amicizia, amore, tradimenti. I registi, come i pittori che da una stessa modella riescono a dare vita a opere sempre diverse, devono dimostrare che ci sono tecniche e punti di vista dissimili per riportare su pellicola lo stesso soggetto.

notizia 1 maremetraggio

I cortometraggi devono avere la durata massima di 10 minuti. Tutti i corti pervenuti saranno pubblicati sulla piattaforma web e sulla IPTV di Tiscali. Partecipare al bando è facile (il regolamento è su www.maremetraggio.com) ma il tempo stringe: il termine ultimo per la consegna dei cortometraggi fissato improrogabilmente per il 15 giugno 2008.

In fila per l’arte
Registi, attori, sceneggiatori tutti col numeretto. Accade a Bari da quando hanno attivato lo sportello orientativo che insegna come muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo. Se questo è il vostro sogno, lo sportello aperto in via sperimentale (fino a dicembre) al Teatro pubblico pugliese di Bari può essere la vostra ancora di salvezza. Tra i servizi offerti: informazione e accoglienza, supporto alla ricerca attiva del lavoro, consulenza orientativa, appuntamenti individuali e tutoraggio alla creazione d’impresa. Tutte le informazioni a riguardo sono sul sito www.vivodispettacolo.it. Ma l’esperimento di Bari non è il primo. A Torino, infatti, dal novembre 2006 è stato avviato lo “sportello spettacolo” con lo scopo di semplificare le procedure amministrative per lavorare nel settore.

Le arti visive si studiano a Pietrasanta
Per chi si vuole affermare nelle professioni d’arte e sta cercando una struttura in grado di catapultarlo nel cuore dell’Europa mettendolo a contatto con giovani artisti di altri Paesi il Centro di Alta formazione nel settore delle Arti visive e della Documentazione multimediale sull’Arte contemporanea che sta sorgendo a Pietrasanta (Lu) può essere la meta giusta.
Nato da un protocollo tra Accademia di Belle Arti di Carrara, Ministero dell’Università e della Ricerca e Comune di Petrasanta, il Centro si sviluppa all’interno di un bellissimo, antico Convento dei Frati Francescani ristrutturato e a partire dal prossimo anno accademico ospiterà un centro interdisciplinare di livello internazionale dotato di alloggi residenziali per studenti e servizio mensa.
Info: info@accademiacarrara.it - www.info@accademiacarrara.it.

Ciak, si volta pagina

notizia 3 gremesecinema2008

Non ci sarà la dimensione onirica di Federico Fellini né la simpatia e le risate di Alberto Sordi ma per il resto c’è tutto. Se non ci credete non vi resta che sfogliare le 270 pagine de “Il libro del cinema 2008” (Gremese Editore – 18 euro). Ricchissima di informazioni, la pubblicazione offre una mappa dell’industria del cinema: dalle scuole alle istituzioni , dai casting all’informazione cinematografica. Nella seconda parte sono stati raccolti approfondimenti e interviste realizzate con illustri "addetti ai lavori" (tra di esse quelle rilasciate dai registi Marco Bellocchio e Giuseppe Bertolucci). Utilissima anche la rassegna cronologica degli eventi degli ultimi due anni, un simpatico flash back ricco di foto e citazioni.

Lunga vita al cinema sostenibile

notizia 5 cinemabiente il direttore Capizzi ed il Ministro Pegoraro Scanio
Il direttore Capizzi e l' ex Ministro Pegoraro Scanio

Sta succedendo qualcosa ai filmaker di tutto il mondo. Negli ultimi anni la voglia di testimoniare il sociale da parte dei registi si è tinta di verde. La tematica ambientale nel cinema, infatti, sta trovando sempre più spazio riscontrando l’interesse del grande pubblico, l’impegno delle stars di Hollywood ed il favore della critica. E’ per questo che documentari (come biutiful cauntri) e lungometraggi ( E il vento fa il suo giro è entrato nella cinquina dei David di Donatello 2008) conquistano le sale. Per primi a parlare di cinema e ambiente in Italia sono stati sicuramente gli organizzatori del Festival Cineambiente di Torino. Giunta all’undicesima edizione la manifestazione (che quest’anno avrà luogo dal 16 al 21 ottobre 2008) può essere considerata come la vera pioniera del settore. Se avete opere cinematografiche e video che trattino i temi e i problemi legati all'ambiente naturale, umano e culturale e ai diritti umani, prodotti dopo il primo gennaio 2006, avete tempo fino al 30 giugno per iscrivervi (tutte le info sul sito www.cinemambiente.it ).

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node