Roma - fino al 25 maggio - PUGNI DI ZOLFO al Teatro Vascello

PUGNI DI ZOLFO - Storia di un caruso
Scritto, diretto e interpretato da Maurizio Lombardi
Teatro Vascello - fino al 25 maggio

Vincenzo Barrisi un pugile nel suo spogliatoio, ha appena finito un incontro duro, troppo duro, contro un americano, forte, coriaceo e grande incassatore. Ha perso, ha perso male.
Nel silenzio fischietta una canzone, la ninna nanna di sua madre e ricorda, ritorna a quando era bambino, la sua terra la Sicilia, il suo paese un pugno di terra strappato al sole. Sua nonna, seduta sotto la veranda con lo sguardo lontano fisso verso le miniere di zolfo; la sua fuga da picciriddu, aiutato dalla mamma per salvarlo dalla discesa dell’inferno della zolfara, dove i carusi, bambini di sette otto anni, si spezzavano la schiena per portare in superficie lo zolfo, la nuova ricchezza della Sicilia. Una discesa in un budello di terra fatto di sangue e fatica, due bambini che sognano il mare, le acciughe, l’amore che non hanno mai vissuto.

Uno spettacolo che usa quale strumento narrativo il corpo e dove la parola diventa vera, sanguigna, viscerale. La scena, scarna, minimale, viene riempita dall’ attore che interpreta più personaggi grazie ad un attento studio corporeo che porterà lo spettatore in un viaggio all’interno della tragica vicenda delle zolfatare siciliane di fine ottocento. Proprio da quelle storie nasce l’esigenza di Maurizio Lombardi di raccontare e riportare alla memoria abusi e sfruttamenti di quei bambini( i “carusi”, come venivano chiamati in dialetto), meri strumenti di lavoro, offrendo la possibilità di riflessione e denuncia che tali episodi nel mondo sono ancora attualmente perpetrati. “Pugni di zolfo” è semplicemente una storia, una fiaba che porta dentro di se la rabbia di un infanzia negata.

pugni

Maurizio Lombardi:
Si è formato come attore sotto la guida di Ugo Chiti, Franco Di Francescantonio e Gabriella Bartolomei, e perfezionato presso l’Atelier di François Tiannos a Parigi. Ha studiato danza all’Accademia Arte Spettacolo Max ballet di Firenze e canto con Katia Magnani.
La sua attività spazia dal teatro classico a quello di ricerca, dalla realizzazione di cortometraggi al cinema. Ha lavorato in alcuni dei più importanti teatri italiani (Duse di Genova, Valle di Roma, Verdi di Pisa, Metastasio di Prato, Pergola di Firenze… )
Fra gli spettacoli e le collaborazioni da sottolineare la partecipazione a produzioni quali Amleto Moleskine, I ragazzi di via della scala, Quattro bombe in tasca, Nero Cardinale (protagonista Alessandro Benvenuti), diretti da Ugo Chiti. Ha collaborato con Tedavì98 al Mese mediceo negli spettacoli diretti da Alessandro Riccio. Ha partecipato a musicals quali Rocky Horror Picture show e Se il tempo fosse un gambero diretto da Stefano Casamenti.
Ha interpretato vari cortometraggi fra cui Un giorno come un altro di Leandro Giribaldi insieme a Lino Capolicchio, Fuoco su tela, Anima nera, Su di me di Alessandro Riccio, Sotto il sole di Lorenzo Scoles.
Nel cinema da segnalare la partecipazione al film E se domani di Giovanni La parola, Il silenzio dell’allodola di Davide Ballerini, The Hannibal di Ridley Scott, Un the con Mussolini di Franco Zeffirelli, Up at the villa di Philip Hass.

TEATRO VASCELLO – SALA 2
Via Giacinto Carini, 78 – Roma
info: 06 5881021 
www.teatrovascello.it

Orari: ore 21.30, domenica ore 17.30, lunedì riposo
Prezzi: posto unico € 10.00


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node