L'AMERICA VISTA DALL'ITALIA
Due belle occasioni per conoscere pezzi importanti dell'America senza muoversi dall'Italia
La prima è una mostra straordinaria, nel bellissimo museo di una città italiana poco visitata dal grande turismo: a Brescia, nel Museo di Santa Giulia. Si chiama “America! Storie di pittura dal Nuovo Mondo”, ed è molto più che una mostra di pittura: è una finestra aperta sull'immagine di se stessa che l'America comunica nell'Ottocento. La seconda è un bel libro, “Il secolo degli Stati uniti” di Arnaldo Testi ed è molto più che un libro di storia: è una guida alla scoperta del “carattere” degli Stati uniti dal 1876 alla guerra in Iraq.
Sia la mostra sia il libro pongono al centro non la storia della pittura americana o quella della politica statunitense, ma il problema dell'identità americana e delle sue molte facce.
Nella mostra America il tema del lunedì, febbraio 25, 2008 l’ identità americana è presentato da tre prospettive: quella del paesaggio, quella della pittura western e, infine, da quella dell'impressionismo americano.

mostra

L'idea della natura e dello spazio è una di quelle che dominano la pittura americana dell'Ottocento. E' soprattutto dall'occhio dei nuovi immigrati T. Cole, T. Birch, A. Bierstadt che gli orizzonti sconfinati, le immense vallate, le grandi montagne divengono parte dell'iconografia americana. I toni paesaggistici del 7cento e del Romanticismo europei si intrecciano col fascino della frontiera e con l'esplorazione dell'ignoto. Gli uomini hanno una presenza minuscola nelle enormi tele che rappresentano i paesaggi dell'Ovest. Ma la questione dell'Ovest non è solo quella della sua rappresentazione artistica: la pittura western – soprattutto nelle tele di F. Remington, H. Farny. C.M. Russell – afferma nel mondo pittorico americano l'epopea nazionale della conquista, la curiosità etnica per gli indiani e l'aneddotica militare in un'iconografia che in parte ricorda le illustrazioni storiche dell'Ottocento europeo. Un'Europa che è spesso presente lungo tutto il percorso della mostra, ma che diventa addirittura tangibile nelle ispirazioni impressionistiche di W. M. Chase, di F. C. Hassam e negli straordinari ritratti di J. S. Sargent.

Il curatore della mostra, Marco Goldin, è riuscito a comunicare il sapore ricco e complesso dell'America in una generosa raccolta di opere e di manufatti, dalle visioni delle Cascate del Niagara alla sella di Buffalo Bill, dalle barche minacciate dall'Oceano dipinte da W. Homer agli opulenti ritratti dei milionari ottocenteschi di New York e di Boston.

Arnaldo Tesi, autore de Il secolo degli Stati uniti, è uno dei nostri migliori storici americanisti. Due suoi libri recenti si leggono in un attimo: quello sulla storia della bandiera americana (Stelle e strisce. Storia di una bandiera, Torino, Bollati-Boringhieri, 2003) e quello sulla formazione degli Stati uniti (Bologna, il Mulino, 2003). Anche questo non smentisce le doti dell'autore al quale interessa non soltanto ricostruire gli eventi della storia americana, ma soprattutto comunicare la cultura, la sensibilità, i comportamenti che accompagnano l'idea dell'impero americano. Proprio perché negli Stati uniti si afferma e prospera il prototipo della società di massa e dei consumi che domina il XX secolo, la narrazione di Testi lascia spesso nello sfondo il dettaglio degli avvenimenti politici e militari per dare spazio alla storia della mentalità, della letteratura, dell'arte, del cinema. Ci spiega che Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald può raccontarci sulla ricchezza di New York prima del 1929 qualcosa che nessuna storia economica può dirci, che Casablanca, con Ingrid Bergman e Humphrey Bogart, fu sponsorizzato dai servizi segreti americani e che Bob Dylan e Joan Baez furono la colonna sonora dell'opposizione alla guerra del Vietnam. La vicenda politica e culturale degli Stati uniti è raccontata con vivacità e coerenza dalle celebrazioni del centenario dell'indipendenza (1876) agli esiti dell'attentato alle Torri gemelle (2001). L' Appendice e la Bibliografia, poi, ci offrono dati e informazioni di base sulla politica, la società, l'economia degli Stati Uniti d'America negli ultimi centotrenta anni della loro storia.
La mostra
“America! Storie di pittura dal Nuovo Mondo”
a Brescia dal 24 novembre 2007 al 4 maggio 2008, al Museo S.
Giulia che è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19 (dal
venerdì alla domenica fino alle 20)

Il libro

copertina andreucci

Arnaldo Testi, Il secolo degli Stati Uniti
Bologna, il Mulino, 2008, € 20.00

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node