LA QUIETE DEL POST-FESTIVAL
Dopo un inizio di stagione FOLgorante, un mese di magra per i cinefili prima dei popcorn natalizi. Tra decine di uscite poco raccomandabili, b-movies e improbabili nani che giocano a basket ecco una selezione-salvagente per i vostri week-end novembrini
Alcune mode passano, altre semplicemente si evolvono. L’infatuazione per Philip Dick resiste e la via orientale alla sua interpretazione sta avendo la meglio. La formula Paycheck  (John Woo, ovvero tanta azione, plot di ferro e fantascienza ridotta all’osso) viene rivivificata da Lee Tamahori in Next ( 23 Novembre), prodotto di puro intrattenimento che, se non eclatante, riesce a essere godibile per 90 minuti, una rarità per molti film d’azione contemporanei. Inaspettatamente convincente è anche 1408 (23 Novembre) dello svedese Mikael Håfström, thriller soprannaturale tratto da un romanzo di Stephen King. Le apparizioni e i muri spruzzati di sangue sono tollerabili quanto quelli della pessima versione televisiva di Shining, ma uno strepitoso John Cusack riesce a caricarsi sulle spalle (e sulla psiche tormentata) tutto il peso del film. Un Cuore Grande (16 Novembre) di Micheal Winterbottom, continua sulla linea impegnata intrapresa con Welcome to Sarajevo e Road to Guantanamo. Sebbene il regista inglese pecchi talvolta di semplicismo ideologico e inspiegabili rozzezze estetiche, gli va riconosciuta la perseveranza: è uno dei pochi indipendenti europei a cercare di coniugare impegno sociale e spettacolo.
Day Watch (9 Novembre), terzo capitolo della saga inaugurata da I Guardiani della Notte (il secondo, I Guardiani del Giorno, è inedito in Italia) ha ripetuto il successo del prototipo e ha sbancato i botteghini di Mosca. Timur Bekmambet e i Sergej Luk'janen, osannati in patria come rockstar, per quanto derivativi, sono già autori di un miracolo: la rinascita del fantastico russo.
Dopo Alfie, Jude Law ruba ancora una volta un vecchio personaggio a Micheal Caine, succede in Sleuth (9 Novembre), remake de Gli Insospettabili e diretto da Kenneth Branagh. Ma stavolta, per fortuna, nei panni dell’antagonista c’è lo stesso Caine. Il maestrino Branagh, lontano dalla materia che mastica meglio, Shakespeare, azzecca l’opera (teatrale) giusta e la sua rilettura del testo di Schaffer, psicologica e decisamente poco scenica, è abbastanza efficace.

Achtung, Nazisti!
Da qualche tempo, il nazismo ha ripreso a tormentare le anime dei registi tedeschi. La Caduta, film indeciso e ambiguo, non ha certo aiutato la causa. Ora, Stefan Ruzowitzky dirige Il Falsario (9 Novembre) che racconta le vicende del più abile falsificatore di banconote ebreo, chiuso in un campo di concentramento speciale per permettere al Reich di sfruttarne le capacità. Un film abbastanza inerte che si presenta come l’ennesima variazione su una tragedia che un tempo era indescrivibile e oggi rischia di diventare un “genere”. Molto meglio, Mein Führer - La veramente vera verità su Adolf Hitler (23 Novembre) di Dany Levy, la cui satira tesa non intruppa mai nel ridicolo o nel cattivo gusto e ha ancora qualcosa di velenoso da dire sulla figura del Fürher.

Festa per David Wark
I cofanetti dedicati ai grandi autori del muto sono una cosa più unica che rara. Con la sola, fin troppo ovvia, eccezione di Chaplin, solo il buio più totale. Ermitage, la casa di distribuzione che finora ha pubblicato il maggior numero di classici, mette in commercio edizioni a poco prezzo, scarne di extra e tecnicamente poco pregiate. Nonostante ciò (o forse proprio per questo), le raccolte scarseggiano, e il muto è, per la sua scarsa incidenza sul mercato, l’ultima ruota del carro. Fox ha deciso di rischiare e pubblicare tutto in una volta il suo catalogo di David W. Griffith. Oltre agli imprescindibili Intolerance e Cuori nel Mondo nel cofanetto sono inclusi: Abraham Lincoln, America, Zingaresca, Le Due Orfanelle e Agonia sui Ghiacci. Una vera e propria manna per chi vuole scoprire o ri-scoprire le opere di colui che più di ogni altro merita il titolo di inventore del cinema antico.
Cofanetto David W. Griffith, Dvd Fox, Euro 56,00, Disponibile dal 22 Novembre

(Con la collaborazione di Marco Pisoni)

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node