CUORE ALLEGRO E MANI ZOZZE
storie da vivere, giochi da fare, tavole da colorare, indovinelli da risolvere, fogli da scarabocchiare, colori da spruzzare e lingue da imparare
Bambini rallegratevi, arriva l'orso Bussi
Finalmente la storica testata per infanzia: Bussi Orso, nata in Germania nel 1967, torna in edicola dopo un'assenza di circa 10 anni! Il mensile si presenta in una veste grafica rinnovata e con un carico di storie, giochi, tavole da colorare, indovinelli matematici e alfabetici tutti nuovi. Chi è Bussi Orso? E’ il nome del famoso orsacchiotto creato nel 1966 dal disegnatore tedesco Rolf Kauka e diventato, un anno dopo, il protagonista dell'omonima rivista per bambini. Inizialmente pubblicato in Germania il mensile è diffuso in quasi tutto il nord Europa, in Spagna, negli Usa e in Brasile. In Italia è stata presente in edicola sino al 1998. “Ogni numero di Bussi Orso - spiegano i responsabili della rivista - è strutturato per stimolare la creatività, la manualità, la memoria e lo spirito di osservazione dei bambini in età prescolare, i lettori di Bussi Orso hanno infatti un'età compresa fra i 3 e i 6/7 anni, mediante contenuti studiati da un team di pedagoghi tedeschi”. I temi proposti inoltre sono sempre legati al periodo dell'anno: in questo numero il filo conduttore di ogni sezione della rivista è la festa di Halloween!...
In edicola!

Laboratorio sporchiamoci le mani
Milano: in via Masotto 3, zona viale Argonne (Milano est), in un coloratissimo edificio c’è la sede di Sporchiamoci le Mani! Ogni bambino che ama le arti creative e abita a Milano ovviamente può fiondarsi dritto dritto in uno dei vari laboratori proposti dall’associazione. I laboratori creativi sono la loro vera passione. “Ci piace idearli, preparare i materiali, realizzare i prototipi e ... alla fine, osservare gli sguardi meravigliati dei bambini, increduli di essere riusciti a realizzare, in poco tempo, un oggetto con cui giocare e da mostrare fieri alla propria mamma”.
I laboratori sono rivolti principalmente a scuole e biblioteche ma ben si prestano anche a essere inseriti all'interno di altri contesti come feste private ed eventi aziendali.
I diversi tipi di laboratori:
- laboratori su libri e storie
- laboratori di creatività manuale
- laboratori teatrali
- laboratori ludico didattici
- laboratori linguistici
www.sporchiamocilemani.it

Dove mandarlo a scuola? Un aiutino da Bazar
Sono vari i modi di intendere una giusta educazione per i propri figli. La classica domanda che si sente di frequente tra i neo-genitori è proprio quella della scelta di una giusta scuola: privata, pubblica, quella vicino casa, o affidarsi a scuole dal metodo classico e consolidato negli anni? Beh... per questo mese mettiamo a confronto 2 metodi certo conosciutissimi ma forse un po’ antiquati…
Metodo Steiner: la prima scuola fu fondata nel 1919 da Rudolf Steiner. Nel suo sistema pedagogico, Steiner individua, sostanzialmente, tre fasi, corrispondenti ciascuna a un settennio della vita del bambino, in cui di vitale importanza è il ruolo svolto nell'educazione dalla famiglia e dalla scuola che devono operare in modo congiunto e complementare. La prima da 0-7 anni qui il piccolo conquista tre principali facoltà, nella seconda 7-14 apprende la dimensione emotiva, nella terza 14-21 sviluppa un pensiero sempre più astratto quindi matura un giudizio autonomo. Per saperne di più: www.rudolfsteiner.it/scuola/index.htm
Metodo Montessori: La prima Casa del bambino fu fondata a San Lorenzo a Roma nel 1907 da Maria Montessori, già nota in Italia per essere stata una delle prime donne laureate in medicina, per le sue posizioni femministe e per le novità introdotte nei suoi scritti a proposito del bambino e della sua educazione. Aiutami a fare da solo è lo slogan con il quale il metodo montessoriano mette in luce il bisogno del bambino di far emergere quanto in lui già esiste in potenza e il dovere di ogni educatore consiste nel non inibire, ma anzi liberare, la voglia e il bisogno del piccolo di adempiere a quella che è la sua naturale tendenza.
Anche l’ambiente in cui viene educato il bambino è molto importante: accogliente e stimolante. Gli arredi devono essere pensati e studiati tenendo conto dell'età e della corporatura dei piccoli.
www.montessori.it/home/index.htm

Manifestazioni culturali a Torino
Vi proponiamo una serie di iniziative culturali prettamente rivolti a bambini per il mese di novembre
Lunedì 5 novembre:
- Hansel e Gretel: Una fiaba tedesca
Sensibilizzazione alle lingue straniere; un programma didattico per scuole e famiglie rivolto a bambini dai 4 agli 8 anni. In collaborazione con il Goethe Institut e il Centre Culturel Francais.
Dove: Biblioteca civica Lingotto "D. Bonhoeffer" - TORINO
Quando: da lunedì 5 novembre 2007 a lunedì 3 dicembre 2007 - Orario: 10.00-12.00
Contatti: tel. (+39) 0114435990 - Biblioteca "Bonhoeffer"
Prezzo: gratuito (rivolto alle scuole)
Pubblico: ragazzi
Rassegne: In biblioteca
Enti organizzatori: Biblioteche Civiche Torinesi   

Giovedì 15 novembre:
-  Storia di una pennuta
100 favole per giocare in biblioteca. Racconti animati per bambini a partire dai 4 anni, a cura di Ilenia Speranza.
Dove: Biblioteca civica Lingotto "D. Bonhoeffer" - TORINO
Quando: giovedì 15 novembre 2007 - Orario: 17.00
Contatti: tel. (+39) 0114435990 - Biblioteca "Bonhoeffer"
Prezzo: gratuito (si richiede l'iscrizione)
Pubblico: ragazzi
Rassegne: in biblioteca
Enti organizzatori: Biblioteche Civiche Torinesi  

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node