GIARDINI E SORRISI
per interagire, dialogare, comunicare, crescere...

Giardini di frontiera a Firenze
È nato nel carcere fiorentino il ''Giardino degli incontri”, progetto realizzato dell'architetto Giovanni Michelucci. Il giardino rappresenta una nuova configurazione dei rapporti all’interno di un luogo disciplinato e chiuso come il carcere. A disposizione dei detenuti un edificio per i colloqui con i familiari e, in particolare, i dialoghi tra genitori e figli oltre alla realizzazione di attività culturali, un'area verde e il teatro. Una maggiore attenzione è rivolta ai minori, da sempre la parte più esposta e fragile alla privazione della libertà personale. Il giardino rappresenta anche un varco della città nel carcere e uno spazio di nuovi rapporti tra la città e il carcere.
Info: www.michelucci.it

NON 1 di meno: a Reggio Emilia un concorso di cortoMETRAGGI sull'infanzia
L’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (Facoltà di Scienze della Formazione e Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia) e il Cineclub Reggio - FEDIC (promotore e organizzatore del Reggio Film Festival), che da quest’anno hanno avviato una collaborazione sul tema “Cinema e Infanzia”, promuovono il Premio “Non uno di meno”, concorso per la produzione di cortometraggi sull’infanzia. Il concorso è articolato in 2 sezioni: la sezione scuola, di interesse nazionale, è riservata alle scuole primarie e dell’infanzia italiane; la sezione università, di interesse locale, è riservata agli studenti delle due facoltà promotrici. I concorrenti alla sezione scuola devono inviare al comitato organizzatore cortometraggi che rappresentino la realtà educativa, professionale e sociale dell’istituto scolastico partecipante entro e non oltre il 26 ottobre 2007. I cortometraggi dovranno avere una durata non superiore ai 7 minuti e dovranno essere inviati in formato DVD-video. I concorrenti della Sezione università devono inviare cortometraggi, della stessa durata e formato della sezione scuola, coerenti con il tema “L’infanzia, l’educazione e i mass media”. Al primo classificato di ciascuna delle due sezioni va assegnato un premio di 1000 (mille) euro. La premiazione del concorso si tiene il 20 novembre 2007 a Reggio Emilia, nell’ambito dell’iniziativa “I diritti dell’infanzia” promossa dalla facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia.
Info: cinemaeinfanzia - nonunodimeno@unimore.it

Si regalano soRRisi: sosteniamo la ONLUS
Dare una mano ai bambini dei Paesi in via di sviluppo. È la missione di Progetto Sorriso nel Mondo, nato nel 1997, quando un gruppo di volontari italiani organizza un’attività chirurgica specialistica per la cura e il trattamento delle malformazioni facciali dei bambini. L’associazione opera principalmente in Bangladesh.
L’attività della ONLUS non si limita al mero contributo chirurgico, ma organizza una serie di azioni volte alla diffusione dei principi di base dell’educazione sanitaria, alla formazione di personale medico e paramedico locale, al riconoscimento e all’affermazione della dignità umana dei bambini e delle loro famiglie. Inoltre, organizza eventi quali mostre fotografiche e spettacoli teatrali e la redazione di pubblicazioni a divulgazione e sostegno del cuore pulsante dell’attività medica.
Da un anno l’organizzazione è attiva anche in Burundi, dove, grazie all’impegno di volontari qualificati, ha effettuato più di 1400 interventi e curato più di quattro mila pazienti.
Info: www.progettosorrisonelmondo.org - info@progettosorrisonelmondo.org

Una rete per le doNne
Percorsi di empowerment e azioni di sostegno
è una iniziativa realizzata con il contributo di Fondazione Cariplo nell’ambito delle azioni volte a “sostenere gli adulti in situazioni di fragilità e a rischio di esclusione sociale”.
Il progetto ha l’obiettivo di prevenire o allentare il processo discendente delle donne che rischiano di cadere vittime delle nuove povertà e sviluppare un intervento integrato di sostegno a donne adulte monoreddito con prole attraverso la strutturazione di interventi plurimi che diano risposta ai bisogni complessivi della persona e che siano in grado di accompagnarla nel percorso di riscatto e di autonomia.
Un ulteriore scopo consiste nel supportare il processo emancipativo in un’ottica di qualità del lavoro e della vita, attraverso la individuazione di reali opportunità di lavoro e relativo inserimento, oppure mediante l’accompagnamento all’avvio di attività di lavoro in forma autonoma.
Info: BIC La Fucina S.cons.r.l., via Venezia 23
20099 Sesto San Giovanni (MI)
tel. +39.02.24126605 - fax +39.02.24126606
lafucina@biclafucina.it


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node