The human show
LegGERO come un pugno in faccia. Crudo come la verità. Eversivo come la filosofia. Nevrotico come il confine tra follia e realtà. Sinuoso come l'inafferrabilità. Affascinante come il mistero. Che lo spettacolo abbia inizio

SCANNA
“I giovani sono il futuro di questa Nazione”. Non lo dice Bazar, sono parole del nostro Presidente della Repubblica Italiana, pertanto parole istituzionali. E allora parliamo e crediamo di più in loro. Davide Enia è per esempio un giovane e assai promettente regista che ha già in diverse occasioni dimostrato a pubblico e addetti ai lavori di avere un’idea chiara e precisa del teatro. Con una lingua dura e aspra – quella della sua Sicilia – con una visione buia dell’umanità, con una spettacolarità fatta tutta di carne e fisicità, Enia porta adesso in scena “Scanna”, spaccato di questa contemporaneità celebrata da uomini in canottiera, vecchi paraplegici, bambini troppo adulti, donne sottomesse e ribelli, fanciulle idealiste e stralunate, parenti serpenti, vigliaccherie di bassa lega etc. In un teatro senza tempo, oscuro e di impatto fortissimo, Scanna è leggero come un pugno in faccia. Da vedere, se credete che l’ottimismo sia la soluzione ai vostri problemi.
SCANNA (Premio Pier Vittorio Tondelli 2003)
Regia di Davide Enia
Con Valentina Apollone, Luigi di Gangi, Alessio di Modica, Katia Gargano, Ugo Giacomazzi,
Giorgio li Bassi, Paolo Mazzarelli, Carmen Panarello, Antonio Puccia
Teatro Gobetti, via Rossini 8, Torino
Dal 29 novembre al 4 dicembre 2005
Biglietti: da 19 a 13 Euro
Info e prenotazioni: 011 5176246
www.teatrostabiletorino.it

LA PECORA NERA
Chi non è stato considerato tale dal mondo almeno una volta? Chi non si è mai sentito così? Diverso fra i diversi, escluso fra i simili, pazzo fra i buffoni. “la pecora nera” di e con Ascanio Celestini è uno spettacolo che applica l’arte del narrare a una dimensione interdetta dell’uomo, a una civiltà prepotentemente tutoria, a un mondo di vuoti, di scosse, di reclusioni, di figli di un dio minore. Per progettare questo spettacolo, il bravissimo Celestini si è addentrato nel purgatorio degli ex ricoverati dei manicomi, delle persone affette da qualche turba relazionale. A onor del merito e della serietà professionale, diciamo pure che il regista s’è avvalso di una lunga ricerca sul campo su tutto ciò che accadeva prima ed è accaduto dopo la legge 180 del 1978.
LA PECORA NERA
Regia di Ascanio Celestini
Con Ascanio Celestini
Teatro Mercadante, Piazza del Municipio, Napoli
Dall’1 al 4 dicembre 2005
Info e biglietteria: 081 5524214;
www.teatrostabilenapoli.it

LA CENA DE LE CENERI
Scene da un teatro eversivo. Latella, autore di questa sovversiva messa in scena, è regista colto e ambizioso che certo non ha paura di confrontarsi con la filosofia e i suoi vari oggetti di studio. È qui il caso di un trattato sulla cosmogonia che il regista riconduce abilmente a un dibattito sulla carne, sul corpo e sui travagli dell’uomo. Per farlo usa l’antico e insolito italiano volgare, scelta anomala e rivoluzionaria per il teatro che riserva sorprese continue.  Non da ultima una disputa attoriale che è la molla di quel teatro eversivo che Latella tanto ama.
LA CENA DE LE CENERI
Regia di Antonio Latella
Con: Danilo Nigrelli, Marco foschi, Fabio Pasquini, Annibale Pavone
Teatro India, Lungo Tevere dei Papareschi 146, Roma
Fino all’11 dicembre 2005
Biglietti, info e prenotazioni: 06 55300894
www.teatrodiroma.net

4.48 PSYCHOSIS
4.48 Psychose di Sarah Kane è il testo noto per aver tristemente anticipato il suicidio dell’autrice inglese nel febbraio 1999. Lo porta in scena il regista Claude Régy con una insuperabile Isabelle Huppert protagonista assoluta che, grazie alla sua nevrotica sensibilità da voce al tormento di vivere di Sarah Kane in questo agghiacciante e bellissimo testo che è anche un testamento.
Régy ha costruito uno spettacolo di estremo nitore, capace di suggerire, con la forza della parola e il potere del gesto, la “rottura” della sottile linea di demarcazione tra follia e realtà, coscienza e vita dell’inconscio. Nel vuoto di uno spazio scenografato con pannelli di tulle, ora opachi, ora trasparenti a rendere percettibile la presenza/assenza di un interlocutore (Gérard Watkins) o a tradurre iscrizioni misteriose, Isabelle Huppert restituisce un universo di sofferenza dall’altissimo contenuto emotivo.
4.48 PSYCHOSIS
di Sarah Kane
regia Claude Régy
con Isabelle Huppert e Gérard Watkins
scene Daniel Jeanneteau
luci Dominique Bruguière
costumi Ann Williams
Coproduzione Les Ateliers Contemporains-Paris, CICT/Theatre des Bouffes du Nord-Paris
Spettacolo in francese con sovratitoli in italiano
Teatro Strehler, Milano
dal 9 all’ 11 dicembre 2005
biglietti: Platea: Intero, Euro 35,00; Ridotto card Gio/Anz, Euro 20,00; Balconata: Intero, Euro 27,00; Ridotto card Gio/Anz, Euro 17,00
info e prenotazioni: tel. 02/72.333.222 

LA SAGRA DELLA PRIMAVERA
Controluce Teatro d’ombre va alla ricerca del mito per trovare le forze e le ragioni di un fare danza teatro capace di evocare l’indicibile e l’inafferrabile. La Sagra della Primavera è il grande canto della terra, della sua morte e rigenerazione rivissuti attraverso il mito di proserpina. Giochi di ombre corporee, schermi e sagome, danza fluida e sinuosa si ritrovano in questo spettacolo di ricerca di cui la musica è assoluta protagonista.
LA SAGRA DELLA PRIMAVERA
Controluce Teatro d’ombre
In Progetto Rettilario
Prima nazionale
Musica di Igor Stravinsky e antichi canti armeni
Ideazione, messinscena e regia: Coralòina De Maria, Massimo Arbarello, Paola Bianchi, Alberto Jona, Jenaro Melendrez Chas
Movimenti coreografici: Paola Bianchi, Massimo Arbarello
Scenografia: Renato Ostorero
Teatro juvarra, via Juvarra 15, Torino
Dall’8 all’11 dicembre 2005
Biglietti: intero 10 Euro; ridotto 8 Euro
Info e prenotazioni: 011 540675
 

IL FANTASMA DELL'OPERA
Il musical è un genere di gran moda. Gli ingredienti sono noti a tutti: movimenti scenici e coreografici di grande effetto, storie per lo più strappalacrime, scene e costumi colorati e rilassanti, ovviamente tanta musica. Vogliamo dire però che a volte sono tremendamente noiosi nonostante il dispiegamento di forze in scena e fuori, malgrado gli investimenti. In questo caso però, vi consiglio di andare a vedere il musical di Enzo Sanny, un vero esperto in materia. Bella la storia, bravissimi i protagonisti, ottime le intuizioni coreografiche di Andrè De La Roche.
La storia è nota: nel corso di una rappresentazione, il primo soprano del Teatro dell’Opera di Parigi accusa uno strano malore, e viene sostituita dalla giovane Christine Daaé. La voce della ragazza è talmente paradisiaca che affascina la platea parigina. Da qualche mese Christine, nella segretezza del suo camerino, riceve lezione private da parte di un misterioso maestro di nome Erik, che si manifesta unicamente attraverso la voce. Più fantasma che uomo, quindi. “Il Fantasma dell’Opera" cresce la sua creatura migliorandola nel canto e aiutandola a "sfondare". Ma nel momento in cui, finalmente, Christine vede con i suoi occhi le reali sembianze di Erik, la storia si complica.… Da non perdere.
IL FANTASMA DELL'OPERA
di Enzo Sanny
dal romanzo di Gaston Leroux
regia e coreografia di André de la Roche
compagnia Grandi Musical
libretto e musiche di: H. Troy, P. Orlandetti, G. Fulcheri, S. Flauto, T. D’Anella
Teatro Olimpico, Piazza Gentile da Fabriano 17, Roma
Dal 29 novembre al 10 dicembre
Biglietti info e prenotazioni: 06 3265991;
www.teatrolimpico.it 

BIG IN BOMBAY
Una sala d ’attesa. Ognuno condivide questo tempo immobile con persone sconosciute, ma ognuno è costantemente tenuto d’occhio. Tutto ciò che qui sembra essere nuovo è già stato stabilito da qualche altra parte. Constanza Macras ama i dettagli, ma in Big in Bombay mischia, associa, crea combinazioni. L’orrore del quotidiano, la chimera del successo, la ricerca di sé con quel suo retrogusto di scacco. Un quadro in apparenza armonioso, “alla Bollywood ”, si stravolge in atto terroristico, in esplosione d’odio. Perché in una sala d’attesa si lascia facilmente libero corso ai propri pensieri. Perché in questa immobilità i pensieri negativi prendono il sopravvento.
CONSTANZA MACRAS / DORKY PARK
BIG IN BOMBAY
Prima Nazionale In Esclusiva
regia e coreografia Constanza Macras
musica Claus Erbskorn, Julian Klein,
drammaturgia Carmen Mehnert
danzatori Nabih Amaraoui,Knut Berger,Nir De-Volff, Jill Emerson, Claus Erbskorn, Jared Gradinger, Margrét Sara, Gujónsdóttir, Isabelle Redfern, Rahel Savoldelli, Jo Stone, Anne Tismer, Yeri Anarika Vargas Sanchez
musicisti Christian Buck, Kristina Lösche-Löwensen, AImut Lustig, Ulf Pankoke
costumi Gilvan Coêlho de Oliveira
video Constanza Macras, Kevin Slavin
PRODUZIONE CONSTANZA MACRAS/DORKY PARK, SCHAUBÜHNE AM LEHNINER PLATZ BERLIN, SPIELZEITEUROPA-BERLINER FESTSPIELE
IN COPRODUZIONE CON SOPHIENSAELE, SCHAUSPIELHAUS WIEN, TEATRO COMUNALE DI FERRARA
Teatro Comunale di Ferrara, C.so Martiri della libertà,5, Ferrara
2 e 3 dicembre, ore 21
Biglietti: consultare sito
Info e prenotazioni: Tel. 0532 202675. Fax 0532 206007.
www.teatrocomunaleferrara.it

CRUDA BELLEZZA
È dall’ingiustizia che si deve partire. CRUDA BELLEZZA racconta una delle molte storie in cui sono protagoniste le donne, non di rado straniere, che hanno patito soprusi. Al centro c’è Isabel, una giovane ragazza piena di coraggio, nata e vissuta in Angola fino all’età di 14 anni. Essendo il suo paese in guerra, l’ha lasciato per raggiungere, sola, la Svizzera.
In uno spazio minimale, abitato da un tavolo, una porta e una parete-muro, simbolo di impenetrabilità e di resistenza, si muovono gli interpreti. Sulla scena si susseguono parole, respiri, silenzi e la mappa delle emozioni dei danzatori-attori, che si aprono ad un teatrodanza in cui il corpo è riflessione e poesia, fonte di continue risorse in un permanente altalenarsi tra realtà e desiderio, tra sogno e vita. A fare da contrappunto alla presenza pregnante dei corpi, le immagini video del regista Mohammed Soudani.
CRUDA BELLEZZA
regia Tiziana Arnaboldi
coreografia Tiziana Arnaboldi con gli interpreti
interpreti Giuseppe Asaro, Michel Casanovas, Lucie Lataste, Isabel Lunkembisa, Valentina Moar, Tommi Zeuggin
collaborazione Roberta Wezel
fotografia Sergio Luban
Cinema Teatro, Chiasso- Ticino – Svizzera
2 dicembre 2005, ore 20,30
info, prenotazioni, biglietti: ++41 917518724
www.teatrodanza.ch

EXPLOSION
Stage internazionale di danza hip hop
Da qualche tempo l'hip hop, ormai fenomeno di costume nato attorno al 1970 con la break dance dei ghetti newyorchesi che influenza anche la moda, ha trovato una nuova capitale in Italia, e per la precisione proprio a Ravenna. Breaker e ballerini di hip hop in arrivo da Los Angeles e Parigi (ma ci sono anche grandi maestri italiani) si trovano per dare vita a una due giorni di stage internazionale organizzata dal Centro Studi "La Torre" che lavora in stretto contatto con l'International Dance Association. Nell’ambito di "Hip Hop Explosion", le due giornate di lezioni saranno guidate da 7 dei migliori docenti del settore che metteranno il loro talento e la loro esperienza al servizio degli allievi partecipanti allo stage.
Si esibiranno e guideranno le docenze Daniele Baldi, Paolo Aloise, Denis Di Pasqua e Olga Colella. Lo stage è rivolto non solo a professionisti del settore, ma a tutti gli appassionati che già abbiamo maturato una qualche esperienza Il costo d'iscrizione varia a seconda dei giorni frequentati o se si sceglie la formula "open" o i pacchetti di lezioni.
EXPLOSION
Stage internazionale di danza hip hop
Riccione, 3-4 dicembre 2005
1 GIORNO: euro 60 (entro il 30 settembre 2005), euro 80 (entro il 31 ottobre 2005), euro 100 (entro il 30 novembre 2005)
2 GIORNI: euro 95 (entro il 30 settembre 2005), euro 115 (entro il 31 ottobre 2005), euro 135 (entro il 30 novembre 2005)
Quota d’iscrizione allo stage: euro 5, comprensiva di assicurazione e iscrizione IDA/FIF (socio effettivo).
Per informazioni, rivolgersi alla segreteria organizzativa: Centro Studi "La Torre" - IDA, via Paolo Costa 2, 48100 Ravenna, tel. 0544/34124, fax 0544/34752, 
info@idadance.com, www.idadance.com


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node