il riTorno della bUrla
un bizzarro Tam tAm underGround tra le principali metropoli europee...

Londra, Parigi e Berlino sono protagoniste di un tam tam sotterraneo che parte dalle bettole, dai locali di avanguardia e piano piano si eleva a tendenza che investe il mondo della moda e dello spettacolo: il ritorno del burlesque, la burla e il cabaret decadente come nella Berlino dei ruggenti anni venti, fatto di ironia e autoironia, provocazione, fetish, transgender e pura avanguardia.

Non è strano che tutto questo sia proprio ora, in questa epoca di fondamentalismi, di mondi sempre più certi della loro verità che ti chiede persino di morire, che sia per religione, per esportare democrazia o per proteggere un potere criminale, l’ironia diventa rivoluzionaria, una fuga edonistica che rovescia tutto sotto sopra, esorcizza demoni e crea uno spazio di estrema libertà che mette a nudo la povertà dell’intolleranza. Nel nuovo cabaret i riferimenti alla Germania di Weimar e ai conflitti degli anni trenta non sono casuali, ma studiati come per un set di MTV, mescolati a riferimenti post industriali e a citazioni rock.

Signore e signori si alza il sipario, arriva Dita von Teese, show girl del Burlesque e elegantissima spogliarellista fetish, diva in pizzo nero che è sbarcata dalla California e ha preso l’Europa intera dalle dita dei guanti di raso, uno per uno. Regina indiscussa della nuova onda di cabaret, i suoi spettacoli di strip fetish e signorile fanno il tutto esaurito, dagli show su yacht a Saint Tropez, ai compleanni di moda, fino alla sua già celebre apparizione al Crazy Horse di Parigi. I suoi numeri celebri includono il bagno nel bicchiere di martini gigante, la danza nel cofanetto di cipria versione Venere di Botticelli e un strip mai integrale perchè, dice von Teese, non sarebbe da signora. www.dita.net

Con toni ancora + forti e senza compromessi si fa strada da Amsterdam a Londra a Atene la showgirl Lucifire (www.lucifire.com), eroina bizzarra, ballerina, stripper, cantante spiritosa in raso nero, la performer scozzese ama fuoco e sangue e si trasforma in una orchestra di fuochi di artificio generati da una sega elettrica che colpisce il metallo sul palco, spargonendo rose rosse e sangue finto, o in una eroina marina muta in apnea in una vasca d’acqua, circondata da ballerini zombie e da riferimenti satanici.

Nella notte londinese, l’artista Jonny Woo (www.myspace.com/jonnywoouk) ha creato una piccola rivoluzione. Al di fuori degli stereotipi delle drag queen, si presenta sul palco con vestitini da ragazzina, trucco a pennellate, barba lunga, parrucche settecencentesche o cuffie per la doccia, o in abito come Liza Minnelli in Cabaret ma con la parrucca storta. Le sue domeniche pomeriggio di tombola nel trendissimo quartiere di Shoreditch sono ormai leggendarie, oppure la sua interpretazione di Sue Ellen in un remake tutto originale di Dallas.

DOVE?
Anche se gli spettacoli + trasgressivi li troverete annunciati all’improvviso il giorno prima, potete esplorare locali che offrono cabaret come nei vecchi film, tra drappi di raso rosa, con gli spettatori seduti attorno a tavoli sparsi per socializzare mangiando e soprattutto bevendo e ridendo, e non in file di sedili come nei teatri tradizionali.
Per il Can Can e lo strip tease andate a Parigi a trovare il Crazy Horse (www.lecrazyhorseparis.com) e il Carrousel de Paris (www.carrouseldeparis.fr), per canzoni e acrobazie a Berlino a trovare il La Vie en Rose (www.revuetheater.de) e il Friedrichstadtpalast (www.friedrichstadtpalast.de), per il bizzarro eccentrico a Londra al Bistrotheque (www.bistrotheque.com) e al Volupte (www.volupte-lounge.com). Questo Dicembre da non perdere il Reindeer (www.thereindeer.co.uk), ristorante pop-up, ovvero un ristorante che compare e scompare come una pubblicità su internet, che durerà solo tre settimane e verrà installato in una ex fabbrica londinese, dove verrà ricreata una foresta natalizia con tanto di abeti e baite e ogni sera cabaret e creazioni sul palco.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node