Palcoscenici olTRE
Prendete 3 pensionate, il diavolo, un guazzabuglio di umori borghesi, uno scrittore nevrotico, cappuccetto rosso, i riti Soufi, una coreografia onirica, un cortile famoso e 2 grandi coreografi islamici. Shakerate bene... e otterrete il meglio del teatro e

LE PResidenteSSE
Commedia al vetriolo. Prendete 3 pensionate che hanno molto tempo a disposizione e pochi soldi da spendere nella nobile attività dello shopping, aggiungete una buona dose di fantasia, mescolate gli ingredienti in un salotto modesto e antiquato e otterrete una miscela esplosiva sempre sul punto di sfociare nel dramma. Elio de Capitani traduce liberamente in pièce teatrale il dramma comico scritto da Werner Schwab dall’omonimo titolo Le Presidentesse. Le tre vecchine galvanizzate da un quarto d’ora di celebrità, conversano amabilmente nel loro tranquillo salotto, di cosa farebbero o non farebbero se fossero presidentesse. Intrappolate in un vortice di immagini e parole sempre più feroci, finiranno per sbranarsi l’un l’altra annientando sogni, speranze e illusioni di un futuro più roseo.
LE PRESIDENTESSE
Il verbo oltre la carne
Di Werner Schwab
Regia di Elio De Capitani 
Produzione Teatridhitalia
Con Corinna Augustoni, Cristina Crippa, Anna Coppola
Teatro Leonardo da Vinci, via A.M. Ampere 1, Milano
Dal 14 ottobre al 13 novembre 2005, ore 20,45
Info e prenotazioni: 02 26681166
www.elfo.org 

MIlano OLtre
E' uno degli ultimi appuntamenti con i festival estivi di teatro e danza. Un fitto cartellone di appuntamenti con teatro e danza che vale la pena tenere d’occhio per le tante proposte di buona qualità e non ancora inflazionate dalla presenza sul mercato italiano. Conviene dare uno sguardo al sito e scegliere con la propria testa gli spettacoli che più vi stuzzicano, ma io ve ne consiglio caldamente almeno tre nel mese di ottobre: Angel nato da un’idea di Dindo Paina, Il colore del diavolo per la regia del bravissimo Felix de Rooy e Jimmy di Marie Brassard. Realizzazioni diverse, ma con in comune l’amore per i luoghi lontani, le partenze verso paesi e culture diverse, la necessità di cambiare pelle che l’uomo ha quando sceglie o è costretto a vivere un’altra vita.
MILANO OLTRE
XIX edizione
Dal 20 settembre al 16 ottobre 2005
Luoghi vari
Info e biglietteria:
www.teatriditalia.org 

IL BENesserE
Il Benessere è un libro scritto dal grande Franco Brusati nel 1959. Si parlava allora di boom economico e di grandi promesse. Sogni e speranze di una Italia in crescita fra le contraddizioni di una borghesia spenta e sempre uguale a se stessa. Il regista teatrale piemontese Mauro Avogadro pesca proprio in quel guazzabuglio di umori neri e atmosfere stagne per costruire una commedia brillante venata qua e là di tragico. Amori, indifferenza, disinteresse, cinismo e solitudine sono gli argomenti di cui si ragiona a teatro, conditi ora, nella rilettura di Avogadro, con un pizzico di sagacia e ironia da un autore che ama far ridere e far riflettere al tempo stesso.
IL BENESSERE
Di Franco Brusati
Con Elisabetta Pozzi, Graziano Piazza, Anita Bartolucci, Antonio Zanoletti, Martino D’Amico
Regia di Mauro avogadro
Musiche di Daniele D’Angelo
Teatro Carignano, Piazza Carignano, Torino
Dal 25 al 30 ottobre 2005, ore 20,45
Biglietti: da 24,00 (interi) a 19 Euro (ridotti)
Info e prenotazioni: 011 5169490 – 011 5637079
www.teatrostabiletorino.it 

grAzIE
Claudio Bisio, ovvero non si vive di solo Zelig. Il simpatico pelatone, in verità anche bravo, ritorna al teatro per dare voce alle idiosincrasie, alle domande, alle inquietudini dei personaggi che il suo autore di culto Daniel Pennac sembra cucirgli addosso. Le irriverenti, divertenti, a volte grottesche, parole che popolano l’universo letterario di Daniel Pennac prendono vita adesso affidate all’irresistibile verve di Claudio Bisio. Grazie é il primo testo scritto da Pennac appositamente per il teatro in cui l’autore francese riflette con brillante amarezza sul concetto di “gratitudine”. Protagonista è uno scrittore, vincitore di un importante premio letterario, ma ben presto tutto svolta nell’ironico ritratto di un uomo confuso, nevrotico e contorto che in realtà non sa chi ringraziare, non sa come ringraziare nonostante il roboante discorso che si era preparato.
GRAZIE
di Daniel Pennac
regia di Giorgio Gallione
scene e costumi di Giudo Fiorato
con Claudio Bisio
Teatro Strehler
Produzione Teatro dell’Archivolto
12-30 ottobre 2005, ore 21,00
biglietti: platea Intero, Euro 22,50; Ridotto card Gio/Anz, Euro 18,00
Balconata: Intero, Euro 19,50; Ridotto card Gio/Anz, Euro 15,00
info e prenotazioni: tel. 02/72.333.222
www.piccoloteatro.org

RossO Di CUORe
Che bel titolo per uno spettacolo teatrale! Debutta in autunno al teatro Leonardo di Milano, per cui aspettiamo a giudicare l’esito ma i presupposti paiono interessanti. Innanzi tutto la compagnia, “Quelli di Grock”, che lo ha realizzato è molto capace anche se poco conosciuta e lo spunto arriva da lontano, così lontano da tirare in ballo l’infanzia di tutti noi. Chi non si è sentito leggere o raccontare almeno una volta la storia della piccola Cappuccetto rosso sperduta nel bosco e divenuta preda del lupo cattivo? Brrr, che paura!!
ROSSO DI CUORE
Liberamente tratto da Cappuccetto Rosso dei fratelli Grimm
Regia di: Laboratorio Permanente Quelli di Grock
Teatro Leonardo da Vinci, via A.M. Ampere 1, Milano
Dal 6 ottobre al 10 ottobre 2005, ore 20,45
Info e prenotazioni: 02 26681166
www.teatrodellelfo.it 

SHARING
Nell’ambito della rassegna neonata Corpi in Danza 2005 che prende in analisi già dal titolo le tante possibilità di esprimersi e viaggiare del corpo, da luogo fisico a spazio della memoria, a sorgente di spiritualità, il coreografo italiano Giovanni Di Cicco, co-fondatore a Genova del gruppo Arbalete, presenta Sharing, termine inglese che significa condivisione e partecipazione. Di Cicco ha a lungo studiato i riti Soufi in rapporto alla danza e al trance. Un momento di scambio in cui, a partire dalle esperienze coreografiche e didattiche degli artisti, aprire un dibattito sulla qualità del corpo narrante nella coreografia contemporanea in relazione all'incontro/scontro tra culture di diversa appartenenza.
SHARING
In CORPI IN DANZA 2005, I edizione (dal 12 settembre al 1 ottobre 2005)
Corografie di Giovanni Di Cicco
Con Giovanni Di Cicco
Teatro G. Modena, Genova – sala Mercato
1 ottobre 2005, ore 15-17,00
Info, biglietti e incontri:
corpindanza@yahoo.com; Tel 3483522947 3387557589 3288823716 

SABURO TEsHIgawarA/KAras KAzahaNA

Nomi sempre difficili da pronunciare e ricordare, lo so, quelli giapponesi, ma così pieni di delicatezza e poesia da far dimenticare i difetti di pronuncia. Proviamo ad affrontare la questione diversamente. Kaza in giapponese significa vento, hana, fiore, ergo... kazahana è un’immagine metaforica suggerita dal coreografo giapponese Saburo Teshigawara per indicare la bellezza e la grazia in tutta la sua evanescente presenza. Di formazione classica Teshigawara non è solo danzatore e coreografo, ma anche artista plastico. Ci aspettiamo dunque sofisticate e seducenti scenografie capaci di coniugare libertà dei gesti, ambientazioni profondamente oniriche e tanta tanta bellezza.  
SABURO TESHIGAWARA/KARAS KAZAHANA
In Focus 9 (dal 6 settembre al 26 ottobre)
Prima esclusiva italiana
Coreografie, scene, luci, costumi di Saburo Teshigawara
LIMONE Fonderie Teatrali di Moncalieri, Torino
14 e 15 ottobre, ore 21,00
info e biglietteria: 011 8815259,
torinodanza@comune.torino.it; www.comune.torino.it 

IL CORtile
Sono passati vent’anni della creazione dello spettacolo Il cortile, e la compagnia di danza Sosta Palmmizi, di cui fa parte la bravissima Raffaella Giordano, torna sul luogo del delitto per dar vita a una giornata (26 ottobre 2005) di incontro, dibattito, discussione con il pubblico di ieri e oggi della danza contemporanea. Sono previsti seminari dal 23 al 30 ottobre, tavole rotonde d’approfondimento e un momento culminante con la proiezione del video integrale originale dello spettacolo Il cortile da cui ha avuto origine l’avventura d Sosta Palmizi. Una bella occasione x andare un po’ più a fondo nelle questioni che riguardano il mondo della danza, per cui se siete interessati non esitate a contattarli e a prendere parte al meeting.
Info e iscrizioni:
www.viefestivalmodena.com; www.sostapalmizi.it  

ZERo degREES
Grande libertà e solidarietà in questo incontro coreografico fra Marocco e Bangladesh, che è anche l’incontro fra due personalissimi modi di vedere la danza di cui sono autori Sidi Larbi Charkaoui e Akram Khan, coreografi di origine islamica che lavorano in Europa da molti anni. Entrambi affrontano in modo personale la loro doppia cultura e in tutti e due è presente il desiderio di fondere le regole della tradizione con quelle contemporanee della danza. I loro stili trovano punti di contatto insospettabili nella ricerca della velocità e della precisione che anche in questo spettacolo non vengono a mancare. Piccola curiosità: alla produzione di Zero Degrees ha collaborato lo scultore inglese Antony Gormley.
ZERO DEGREES
Akram Khan Company & Les Ballets C. de la B.
Prima italiana
Diretto, creato ed eseguito da Sidi Larbi e Akram Khan
Teatro Regio, Torino
25 e 26 ottobre 2005, ore 21,00
Info e prenotazioni: 011 8815259

 
Link www.danzaclassica.net

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node