canNibal natUre
Una natura cannibale che si scatena contro l'uomo bianco. Ti piace il genere? Ecco pane x i tuoi denti...
 

Cari amici rieccomi a voi con una nuova mirabolante segnalazione. Questa volta non si tratta di un poliziottesco, ma di un genere particolare, molto particolare. La maggioranza delle persone e dei critici lo cataloga come cinema di serie B, per me invece è ai confini del capolavoro.

Si tratta di un cofanetto prodotto dalla No Shame che racchiude ben 3 dvd del genere "cannibal". Metaforicamente è la natura che si vendica dell'uomo bianco (e del suo progresso distruttore) mangiandolo letteralmente. 2 film portano la firma di Umberto Lenzi (già autore di Roma a mano armata e un tot di poliziotteschi da paura, nonchè del supercult movie di Donatella Rettore "Cicciabomba") e uno di Sergio Martino La montagna del dio cannibale.

Comiciamo proprio da quest'ultimo. Un 'avvenente signora americana (Ursula Andress) è sulle tracce del marito antropologo scomparso in Nuova Guinea, lo cerca per amore o per quale altro motivo? Scopritelo voi stessi guardando la pellicola, diretta dal maestro con furore dionisiaco.

Altro autentico kolossal cannibal è Mangiati vivi, censurato in 24 paesi, con Paola Senatore, Janet Agren e Ivan Rassimov nel ruolo del folle predicatore (stile reverendo Jim Jones per in tenderci, quello del suicidio collettivo di massa del 1978 nella Guyana).

Infine l'evergreen Cannibal ferox, un classico, l'autentico grado zero della crudeltà al cinema. Conosciuto negli USA con il titolo di "Make them die slowly" ha ispirato l'omonimo album degli White Zombie.
Ciao a tutti, buon inizio anno (lavorativo) e alla prossima........................................!!


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node