conTATTI SOVRumani
Un libro per l’estate? Se aMate i gatti queSto fa per vOi

I gatti tra loro si salutano strofinandosi vicendevolmente il muso: ma come salutano noi umani?
Per i nostri mici la statura dell’essere umano costituisce un problema e allora sono costretti a utilizzare con noi altre tecniche di comunicazione, come lo strusciarsi contro le nostre gambe o contro la nostra mano tesa a far loro le coccole. Tendenzialmente sarebbero spinti a cercare la nostra testa, o il nostro naso ecco perché, non riuscendo ad arrivare dove vorrebbero ripiegano in un leggero salto sollevando le zampe anteriori.
Ma che contatto si stabilisce con il nostro micio quando comincia a strusciare il musetto sulle nostre gambe incurante delle nostre contorsioni per non rovinare a terra?
Inizia dalla testa per poi strofinare tutto il corpo finendo spesso con l’arrotolare la coda su una gamba, poi si gira e comincia con il fianco opposto. Quando il micio finisce questo rituale si allontana, si siede e comincia a leccarsi. L’abbiamo forse sporcato con i nostri abiti? Non ci siamo lavati le mani prima di toccarlo e se ne è accorto? Nulla di tutto ciò, malgrado il gatto sia per natura “schizzinoso”. Quando si avvicina e si struscia vuole scambiare “odori” con noi; infatti è sulle tempie, agli angoli della bocca e sulla base della coda che si trovano speciali ghiandole odorifere.
Il gatto strusciandoci ci “marca”, non in senso calcistico, ma con il suo odore. Eppoi, leccandosi ci “assaggia”, e lo fa passando la lingua sul pelo che è entrato in contatto con noi.
Quindi attenzione che la scelta dei profumi sia condivisa: “Chanel” potrebbe non essere di suo gradimento!
Sull’olfatto dei gatti: http://www.micimiao.it/olfatto.htm

E allora per quest’estate vi consiglio un libro, “Il gatto giorno per giorno”, di Roberto Allegri (Armenia Editore).
Scrive l’autore nell’introduzione: “L’amicizia dei miei gatti è fonte di insegnamento. Con loro è come se andassi all'Università ogni giorno perché con la pazienza di saggi professori, mi spiegano un po’ del loro mondo, mi svelano qualcuno dei loro segreti. Io li osservo, cerco di entrare nei loro comportamenti facendomi mille domande. E sono loro che prontamente mi danno la risposta. Lo fanno parlandomi, ma senza usare la voce perché sarebbe banale e scontato per un gatto. Utilizzano invece il linguaggio sottile del corpo e degli sguardi, un sistema di comunicare che col tempo si finisce per imparare. La cosa straordinaria è che, osservando i miei gatti, scopro anche cose nuove su di me. Perché noi ci riflettiamo sempre nei nostri animali. Diamo loro abitudini e spesso vizi che ci appartengono e così, guardandoli, è come stare davanti a uno specchio. Il mio amico, lo scrittore Mauro Corona, mi ha confidato che <<il gatto è una persona seria, non è finto e ci sbatte sempre in faccia i nostri difetti>>. Passando la vita coi miei gatti, ho quindi l’occasione di migliorare. Io li seguo nei campi in primavera, mi siedo accanto a loro nelle giornate di pioggia autunnali, me li ritrovo a dormire accanto nelle notti di neve e li accarezzo all’ombra degli olmi in estate. Scopro che la loro vita cambia con la musica delle stagioni, suscitando in me molta invidia per la confidenza che sanno dare alla Natura. Mi ricordano così che un tempo lontano, anche noi esseri umani eravamo parte di quella Natura che non ha mai smesso di chiamare, ma che in qualche modo noi abbiamo voluto dimenticare”.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node