The Gallery Apart presenta la mostra “CIAO” di Mariana Ferratto il prossimo 25 febbraio
The Gallery Apart presenta la mostra “CIAO” di Mariana Ferratto il prossimo 25 febbraio


SCHEDA INFORMATIVA:

MOSTRA: Mariana Ferratto, CIAO

LUOGO: The Gallery Apart  – Via di Monserrato, 40 – 00186 Roma

INAUGURAZIONE:  venerdì 25 febbraio 2011- ore 18,30

DURATA MOSTRA: 25 febbraio 2011 – 23 aprile 2011

ORARI MOSTRA: dal martedì al sabato 16,00 - 20,00 e su appuntamento


INFORMAZIONI: The Gallery Apart – tel/fax 0668809863 – info@thegalleryapart.it – www.thegalleryapart.it


Da marzo ad aprile 2011 The Gallery Apart ospiterà la mostra “Ciao”, la nuova personale di Mariana Ferratto.

Si tratta dell’ultimo progetto dell’artista, elaborato, sviluppato e realizzato a Parigi nel corso del periodo di residenza dell’artista presso la Cité Internationale des Arts, dove è stata ospite per otto mesi nell’atelier messole a disposizione da Incontri internazionali d’arte, l’Associazione fondata e diretta con grande passione da Graziella Lonardi Buontempo.

Il progetto si sviluppa in due direzioni, un lavoro video e una serie fotografica composta da foto di scena.

Il video propone una scena che si ripete milioni di volte in tutte le stazioni ferroviarie del mondo: una donna scende dal treno e si dirige verso un uomo che l’attende. Camminano uno in direzione dell’altra, sorridendo ed affrettandosi sempre più per abbreviare il tempo della promessa dell’incontro, finché si abbracciano felici. Una serie di inquadrature sui dettagli delle mani, delle braccia che stringono il corpo dell’altro, dei volti carichi di emozioni ci accompagnano nel breve tragitto lungo il quale le espressioni cominciano a modificarsi, i movimenti denunciano un disagio crescente, finché gioia e felicità si tramutano in serietà e tristezza. L’uomo e la donna cominciano dunque a separarsi, riprendendo ognuno la direzione da cui erano venuti. Risalita sul treno, poco dopo la donna ne scende di nuovo e la scena ricomincia daccapo.

Mariana Ferratto ha accuratamente selezionato la stazione in cui ambientare il video, scegliendo la stazione di Austerlitz che per le sue architetture si presta particolarmente a rendere l’atmosfera senza tempo che l’artista ha inteso sottolineare con il ricorso al bianco e nero. Il video infatti non racconta una storia, ma vuole descrivere una condizione spirituale, quella di chi, sradicato dalle sue origini, conduce una vita da esule, costretto a continui ed immediati distacchi ogni volta che, fisicamente o anche solo spiritualmente, riesce per pochi istanti a riallacciare i contatti con i suoi affetti, con la sua famiglia d’origine, con la sua patria abbandonata. Forte è, come peraltro in gran parte della produzione artistica della Ferratto, l’elemento autobiografico, essendo l’artista nata in Italia da genitori esuli argentini, obbligati a fuggire in Europa dalla feroce dittatura che il generale Videla impose al suo Paese tra il 1976 e il 1981. E lei stessa, con buona parte della sua famiglia rimasta in Argentina, ha conosciuto più volte il passaggio dalla felicità alla tristezza, l’amara sensazione che deriva dalla consapevolezza della durata infinitesimale di una ricongiunzione attesa per anni.

Il lavoro fotografico nasce dalla selezione delle molte foto di scena scattate durante le riprese del video. L’attenzione in questo caso è rivolta ai dettagli della stazione, al paesaggio urbano che si intravede in lontananza, alla varia umanità che del tutto casualmente si intromette sulla scena. L’esclusione degli attori e l’introduzione, parziale o totale del colore, sottolineano il carattere complementare ma autonomo delle fotografie rispetto al video. Con le fotografie, infatti, Mariana Ferratto ha voluto evidenziare il versante oggettivo, concreto di un’esperienza che si ripete innumerevoli volte in migliaia di luoghi diversi nel mondo. E’ il qui ed ora dell’esperienza spirituale descritta nel video, ne è l’ambientazione reale e per questo viva, secolarizzata nei colori della vita, nitidi o sfocati come sono i ricordi.


Valentina Pugliese

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node