FLORIAN NEUFELDT - MORE OR THE SAME

FLORIAN NEUFELDT

 

MORE OR THE SAME

 


The Gallery Apart - Via di Monserrato, 40, Roma

 

Inaugurazione: 13 dicembre 2010 ore 18,30

 

26cc - Via Castruccio Castracane, 26-28a-30, Roma

 


Inaugurazione: 15 dicembre 2010 ore 18,30

 


Alla sua prima personale in Italia, Florian Neufeldt presenta a Roma lavori che rivelano modalità articolate di relazione con lo

spazio espositivo e contemporaneamente evidenziano l’aspetto principale del suo lavoro: la condizione dell’essere”bloccato”,

 

indifeso, affrontando dinamiche che non possono essere controllate. Presso The Gallery Apart, Neufeldt espone alcune

 

sculture, anche imponenti, che rappresentano i più recenti approdi del suo percorso artistico, mentre per 26cc ha realizzato

 

un’installazione visivo/sonora che cattura “le parole” del mondo e ne evidenzia l’assurda ambiguità.

 

Le sculture che Neufeldt presenta nello spazio di The Gallery Apart mostrano un’attenzione singolare verso ciò che costituisce

 

il nostro quotidiano. Mobili, sedie e suppellettili di vario genere vengono scomposti, ridotti a frammenti e poi riportati allo

 

stadio di materiale, ricomposti in nuove forme, legate da fasci di luce al neon o pezzi di guardrail. Evocato o reale, ne emerge il

 

movimento e il suo dato esponenziale, la velocità. Le forme rinnovate non perdono l'identità originaria degli oggetti da cui

 

derivano. Le sue sculture - alcune possono essere di carattere installativo – per la maggior parte delle volte sono composte da

 

materiali non astratti, come oggetti che sono stati usati precedentemente, e in qualche modo la loro funzione vive ancora

 

all’interno di essi. Anche quando una piccola parte è rimasta, è chiaro che cosa fosse l'oggetto originario. La scala tagliata

 

rimane sempre una scala anche se ora ci ricorda qualcos’altro. A Shot in the Dark (2010) è l’opera principale in esposizione

 

presso The Gallery Apart; è una scala che pende orizzontalmente dal soffitto, che è stata tagliata verticalmente nel mezzo. Le

 

due meta della scala sono state messe insieme fino a formare una linea con le due estremità superiori combacianti. Al di sotto

 

del punto di incidenza delle due parti tagliate della scala pende autonomamente dal soffitto un passamano circolare ricoperto

 

di nero. Alcune parti della scala da pittore sembrano cascare a pezzi verso il passamano nero. In conseguenza alla divisione la

 

scala diventa raddoppiata, l’estremità superiore non è più l’estremità superiore ma una giunzione di direzioni, un

 

sovraccarico, un passaggio senza le sue caratteristiche. Sembra un punto di non ritorno come se l’unica via per scendere fosse

 

cadere. Il passamano nero a suo modo sembra benigno buco (nero). Non porta da nessuna parte.

 

E di ambivalenza di significati tratta anche Nothing succeeds like success, and nothing survives like survival l’installazione che

 

Neufeldt presenta negli spazi di 26cc al Pigneto. Gli scheletri di alcune sedie da ufficio – manipolate in modo da alterare il

 

binomio aspetto/funzione - compongono un’originale e frammentata architettura aerea che ospita il suono. Gli altoparlanti

 

diffondono il suono di una voce di un uomo che recita ripetutamente una serie di parole che sembra avere lo stesso significato

 

o simile. Recita impiegando un solo respiro fino al punto di non poter continuare. Poi ricomincia. La serie di parole recitate

 

sono una raccolta di termini tedeschi relative alla sopravvivenza in un ambito sociale e competitivo, ad esempio: forza,

 

resistenza, potere. Queste parole sono state tradotte in inglese, e le diverse proposte per i termini originali – non importa se presi

 

da un contesto tecnico medico - formano un gruppo di termini che sono ripetuti. Questi mantra sembrano inefficaci- anche

 

ironici quando la voce dirada e il respiro finisce, poiché hanno la durata di un respiro. Neufeldt sceglie volutamente parole

 

ambigue che hanno sensi e significati diversi, talvolta addirittura opposti, se si confronta il linguaggio “comune” e quello

 

utilizzato, ad esempio, nella sfera dell’economia. In tal modo pone in evidenza le strategie attraverso cui il potere agisce,

 

utilizzando le regole (il linguaggio) in modo esclusivo.

 
 

 

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node