La Persia Qajar. Fotografi italiani nell'Iran dell'Ottocento

LA PERSIA QAJAR 1848-18640
Fotografi italiani nell'Iran dell'Ottocento
27 novembre 2010 - 13 marzo 2011
Fotomuseo Giuseppe Panini, via Giardini 160, Modena

La mostra "La Persia Qajar 1848-1864.  Fotografi italiani nell'Iran dell'Ottocento" inaugura  il 27 novembre 2010 al Fotomuseo Giuseppe Panini di Modena, che ne ha curato la realizzazione insieme all'Istituto Nazionale per la Grafica , in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena . La selezione di 70 opere fra quelle precedentemente esposte a Roma, presso  l'Istituto Nazionale per la Grafica - Calcografia dal 28 gennaio al 5 aprile scorso, vuole ripercorrere attraverso opere significative dei fotografi  Luigi Montabone  (1827 ca.- 1877) e  Luigi Pesce (1827-1864) la singolare vicenda dell'attività dei fotografi italiani nella Persia Qajar. Le immagini esposte provengono dalla Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia e dal Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari di Firenze.




Luigi Montabone, Megid-Doula
governatore di Kasvin, ante 29-10-1865


L'iniziativa nasce dall'interesse rivestito dall'attività di un singolare gruppo di fotografi italiani che operarono nella Persia Qajar. La loro opera è oggi ancora largamente trascurata. L'identificazione, il recupero e lo studio del loro lavoro, ha consentito di aggiungere alla conoscenza della storia della rappresentazione fotografica un episodio singolare e di particolare significato, sia per la cultura fotografica italiana, sia per la vicenda fotografica iraniana. La presenza italiana in Persia ha giocato infatti un ruolo centrale fin dal periodo delle origini della fotografia, tracciando alcune delle prime e piuttosto rare testimonianze fotografiche di questo Paese. La produzione dei fotografi italiani in Persia nel periodo compreso tra il 1848 e il 1864, oltre a costituire la più precoce documentazione a noi nota, che rappresenta aspetti rilevanti del mondo cagiaro, si caratterizza anche per offrire l'esemplificazione di un caso, significativo per la storiografia fotografica, delle relazioni che hanno caratterizzato, in particolari ambiti produttivi, la formazione di modelli rappresentativi nati dalla negoziazione tra culture differenti.

Le particolari circostanze che hanno consentito lo sviluppo di questa singolare esperienza sono da ricercarsi nelle vicissitudini politiche che hanno caratterizzato gli stati italiani preunitari, a cui sono da associare le vicende diplomatiche poste in essere tra il Regno di Sardegna prima e il Regno d'Italia poi, con la Persia. Il periodo considerato corrisponde agli anni in cui Luigi Pesce, uno dei pionieri della fotografia, fu attivo in Persia, dal suo arrivo sino alla data di morte. Questo periodo, eccezionalmente vivo per quanto riguarda le vicende fotografiche, fu particolarmente ricco di iniziative che investirono la Persia, sia in relazione agli avvenimenti interni, sia in particolare per quanto riguarda le iniziative diplomatiche italiane ed europee. Il ventennio considerato, durante il quale in Italia si svolsero le vicende comprese tra la Seconda e la Terza Guerra di Indipendenza, inclusa la Missione italiana in Persia del 1862, vede, sul versante iraniano, la formazione dell'Università di Tehran e l'attività fotografica dello stesso Shah Nasr al-Din, il cui interesse per la fotografia ha avuto un ruolo centrale negli eventi considerati e negli sviluppi successivi della fotografia in Persia.

Scheda tecnica:

Titolo :
"La Persia Qajar 1848-1864.  Fotografi italiani nell'Iran dell'Ottocento"

a cura di
Maria Francesca Bonetti (Curatore Collezioni fotografiche dell'ING), Alberto Prandi (Docente di Storia della Fotografia, Università degli Studi di Venezia-Ca' Foscari e Università degli Studi di Verona)

promosso da
Istituto Nazionale per la Grafica, Roma in collaborazione con Fotomuseo Panini, Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

sede espositiva
Fotomuseo Panini
Via Giardini 160
41124 Modena

periodo
27 novembre 2010- 13 marzo 2011

anteprima per la stampa
giovedì 25 novembre 2010 ore 11

inaugurazione
sabato 27 novembre 2010 ore 12

orari di apertura   
dal martedì al venerdì dalle 9,30 alle 12 e dalle 15 alle 17
sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19
chiuso: 25 dicembre, 1 gennaio

ingresso gratuito

catalogo
Peliti Associati, Roma

Informazioni:
Fotomuseo Panini
Via Giardini 160
41124 Modena
tel. +39 059 224418
info@fotomuseo.it
www.fotomuseo.it

Ufficio stampa
Cecilia Lazzeretti
tel. +39 059 239888 fax +39 059 238966
e-mail ufficiostampa@fondazione-crmo.it

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node