GILDO BECHERINI: Vele e tele

GILDO BECHERINI

Vele e tele

 

 a cura di

Romina Del Re Perera

 

Inaugurazione giovedì 14 ottobre dalle ore 18.00

 

14 ottobre – 9 novembre 2010

 

Galleria d’Arte Perera – Via Margutta 76 – 00187 ROMA

Tel. 06 36003847 – e-mail: galleriaperera@libero.it

www.galleriaperera.com

 

Orario: da martedì a sabato 10,30-20,00

lunedì 16,00-20,00 domenica 12,00-18,00

 

testo critico di Ferdinando Anselmetti

 

 

 

Ufficio stampa: Scarlett Matassi 347 0418110info@scarlettmatassi.com

 

Nell’ambito del ciclo di mostre proposto dalla storica Galleria d’Arte Perera per celebrare il centenario della sua attività, si inaugura - giovedì 14 ottobre - una personale dedicata a Gildo Becherini (San Quirico D’Orcia 1934), il più creativo e anticonvenzionale dei pittori di marina italiani. Le trentatre opere in esposizione- acrilici su tela e tecniche miste- confermano la sua fama di marinarista sui generis, capace di inserirsi in un antico genere pittorico offrendone una rielaborazione inedita, del tutto svincolata dal peso della tradizione e ricca di soluzioni tecnicamente e stilisticamente originali.”Il mio lavoro è poco rispettoso delle convenzioni della pittura di mare, una pittura tradizionalmente finalizzata a rappresentare con rigore documentaristico la realtà della vita di mare e della navigazione. Se osservati con attenzione, i dipinti di marina svelano una lenticolare attenzione al dettaglio, talvolta puoi decifrare persino le cuciture delle vele. La mia è invece una ricerca di sintesi, quello che mi interessa è usare la pittura come mezzo per restituire la sensazione del movimento, concentrandomi sul moto del vento e del mare. Certo, a un navigatore esperto le incongruenze non sfuggono, a partire dalla posizione delle mie barche, che raramente corrisponde alla direzione del vento. Ma sono errori voluti: l’imitazione della realtà non è la strada migliore per arrivare alla sua essenza” .

E che quegli errori siano voluti non vi sono dubbi, dal momento che la vita professionale di Gildo Becherini  si è svolta nel segno di una doppia carriera: quella artistica e quella di ufficiale della nostra Marina Militare. “ Un equilibrio ai limiti della precarietà. Sino a quando sono stato in Marina -ho terminato la carriera col grado di Contrammiraglio- ho dovuto usare una certa cautela nel mostrare la mia tendenza artistica, attitudine considerata non propriamente in linea col profilo del buon militare. Ora che mi dedico in modo esclusivo alla pittura mi scontro con un pregiudizio di segno opposto: la convinzione diffusa che in uno con un passato da militare alle spalle non si possa trovare alcun vero talento per l’arte.”

 

Nell’esposizione ospitata dalla Galleria Perera, Becherini tratta in modo esclusivo il tema della vela, o meglio, del triangolo-vela usato come escamotage geometrico per rappresentare la forza-vento. L’interesse dominante per la tematica del movimento comporta un’attenzione obbligata alle sperimentazioni futuriste, cui però l’artista si collega molto liberamente e con spontanea freschezza.

 

Benché il segno grafico sia preciso ed elegante, Becherini è soprattutto impegnato in una ricerca finalizzata a tradurre il colore-luce in dinamicità e tridimensionalità. La vitale corsa delle vele nel vento trae origine dall’energia di un liberissimo impianto cromatico frutto di incessanti sperimentazioni. L’artista inventa impasti di colore talvolta così corposi da dare origine a un pittorilievo, in altri casi liquidi e trasparenti. L’aggiunta di pagliuzze di lamina d’oro, ben lungi dal rispondere ad un intento decorativo, rende vibrante la superficie dipinta. Tutte le invenzioni tecniche sono finalizzate ad enfatizzare la sensazione di movimento e profondità, anche quando la pittura si arricchisce di sovrapposizioni materiche come certi inserti di leggerissima garza che conferiscono fisicità alle vele animate dal vento.

 

Tramutate in vibrazioni luminose, le vele-aquilone del pittore marinaio si vestono delle calde tonalità dei colori primari oppure di nuances delicate e leggere, solcano un mare intuito più che rappresentato o forse si librano nell’aria sospinte da forze antagoniste.

Sapienza cromatica e ingegnosa creatività: così alla Galleria Perera Gildo Becherini dipinge il vento.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


 
Rassegna Internazionale di Musica Organistica “Itinerari musicali alla scoperta dei suoni antichi”
Passaggi per il bosco OFF – estate 2011
Scatti on the road tra New York, Parigi e Mosca
"Note fantasiose”
Alessandra Pascali 4et - Un viaggio sonoro tra jazz tradizionale e musica popolare italiana
Yoga Kundalini su: “Il pensiero di Yogi Bhajan, il Maestro della nuova Era”
MUSICULTURA 2011 - XXII Edizione

 
RELAZIONI UOMO/DONNA CONOSCERSI PER AMARSI
Corso di ACROBATICA per eliminare la... PAURA
7° Concorso Musicale Nazionale Premio "Musica Italia"
BliTzLaB #2: Workshop di danza e movimento sinergetico
concorso Wildlife Photographer of the Year

 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node