PUNTI DI VISTA - IL MODO MIGLIORE PER INCONTRARSI E' PERDERSI
Governo Italiano - Ministro della Gioventù.
Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale Spettacolo dal vivo. Presidenza Regione Lazio.
Comune di Roma Assessorato Cultura.
Fondazione Roma.

Il Centro Teatro Ateneo – Centro di Ricerca sullo Spettacolo della Sapienza
Università di Roma
presenta la performance


PUNTI DI VISTA
IL MODO MIGLIORE PER INCONTRARSI E' PERDERSI
regia di Enrique Vargas

18 – 31 ottobre 2010
Laboratorio Teatrale Universitario Eduardo De Filippo
Via Antonino San Giuliano – angolo Piazzale Ministero Affari Esteri
Roma


“Il modo migliore per incontrarsi è perdersi” è un percorso teatrale sensoriale interattivo ideato da uno dei più grandi maestri della scena teatrale internazionale, ENRIQUE VARGAS, fondatore del Teatro de los Sentidos, con sede a Barcellona, che lo ha realizzato per 10 studenti non vedenti dell’Università “La Sapienza”.

Uno spettatore per volta verrà guidato da attori/conduttori non vedenti in un viaggio attraverso la poetica dell’oscurità, in un percorso verso il buio sempre più profondo, in cui suoni, odori, movimenti, percezioni tattili, susciteranno ricordi di una vita e genereranno nello spettatore una singolare forma di catarsi. Provare forme di percezione eliminando gradualmente, per 30 minuti, la vista, avvicinarsi ad altri linguaggi, da quello fisico al braille: Punti di vista: “Il modo migliore per incontrarsi è perdersi” vuole essere uno stimolo a una riflessione su un mondo “diverso”, che sfioriamo senza vederlo.

La performance “Il modo migliore per incontrarsi è perdersi” nasce nell’ambito del laboratorio biennale con gli studenti universitari non vedenti della Sapienza, di Ferruccio Marotti ed Enrique Vargas, con la collaborazione di Giusy Bitto, sviluppatosi in una serie di tappe di lavoro sia presso il Teatro Ateneo dell’Università di Roma che nella struttura del “Teatro de los sentidos”, a Barcellona.
 
Il progetto è pensato quindi per coinvolgere come protagonisti in attività artistiche e culturali gli studenti non vedenti, permettendoci così non solo di focalizzare l’attenzione sulla realtà dei nostri studenti diversamente abili, ma di renderli protagonisti, di permettere loro di accompagnarci nel loro mondo, ricco di una sensibilità forse più sofferta, sicuramente più profonda.
“L’iniziativa è in sintonia con la politica della nostra Università per l’integrazione dei non vedenti e degli ipovedenti. In questo senso l’arte e il teatro possono rappresentare uno strumento nuovo per esplorare i diversi approcci percettivi alla realtà: insomma per far comprendere a tutti che esistono molti modi di vedere”                       
LUIGI FRATI, RETTORE DELLA SAPIENZA

“Enrique Vargas ha presentato al Teatro Ateneo, alcuni lustri or sono, il suo primo spettacolo/laboratorio romano, “Oracoli”, che ebbe uno straordinario successo fra i nostri studenti e il pubblico degli invitati. Da allora ho sempre sognato di farlo tornare, possibilmente con un appuntamento ricorrente, nella nostra Università. Quando Giusy Bitto – a cui sono grato per l’impegno con cui ha superato le mille difficoltà per realizzare questo sogno - mi ha proposto di organizzare una manifestazione per i nostri studenti non vedenti, intitolata “Punti di vista”, ho pensato di invitare Vargas e il suo gruppo, per permettere non solo di focalizzare l’attenzione sulla realtà dei nostri studenti diversamente abili, ma di renderli protagonisti, di permettere loro di accompagnarci nel loro mondo, ricco di una sensibilità forse più sofferta, sicuramente più profonda. E confido che questo divenga un appuntamento annuale, che ricordi a tutti noi, anche ora che il Teatro Ateneo è chiuso per restauro, che il teatro aiuta l’uomo a vivere e a vedere più a fondo, innanzi tutto dentro di sé, ma anche il mondo che lo circonda".
FERRUCCIO MAROTTI , DIRETTORE DEL CENTRO TEATRO ATENEO

Il progetto “PUNTI DI VISTA” è realizzato con l’Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica

con il sostegno
del Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione
e della Fondazione Roma

con il contributo
del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero della Gioventù

con il patrocinio
della Presidenza del Consiglio - Ministero della Gioventù, della Presidenza della Regione Lazio, 

Il progetto Punti di vista vuole essere anche il saluto ai suoi allievi, ex-allievi e amici, dopo 47 anni di insegnamento universitario, del prof. Feruccio Marotti, che concluderà così la sua attività di docente di spettacolo. Inoltre per suggellare l’attività di documentazione svolta in tutti questi anni di attività il prof., in quanto direttore scientifico italiano del progetto europeo ECLAP – Biblioteca Europea della Performance Artistica, metterà a disposizione sul sito di Europeana – la Biblioteca Digitale Europea (European Digital Library) (http://www.europeana.org) l’intero archivio video del Centro Teatro Ateneo, che annovera, tra i suoi oltre duemila titoli, Il pricipe costante di Grotowski, Macbeth di Carmelo Bene e le registrazioni delle lezioni tenute al Centro universitario da Eduardo De Filippo, Dario Fo, Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Jerzy Grotowski, Peter Brook, Roberto Benigni, Toni Servillo.
La Biblioteca Europea della Performance Artistica (ECLAP) intende creare un considerevole - e finora mancante - archivio online di tutte le arti performative in Europa, e fornire soluzioni e strumenti per aiutare le arti dello spettacolo a entrare a far parte dell’Europa digitale costruendo una rete di importanti archivi di spettacolo, accessibili a tutti gli interessati.
 
LA PERFORMANCE AVRA' LUOGO AL

Laboratorio Teatrale Universitario Eduardo De Filippo
Via Antonino San Giuliano – angolo Piazzale Ministero Affari Esteri
(ampi parcheggi davanti all’ingresso)
Da lunedì 18 ottobre a domenica 31 ottobre ore 15.00 – 19.00
(no domenica 24 e sabato 30 ottobre)

ingresso gratuito
uno spettatore ogni 4 minuti – il percorso sensoriale dura 30 minuti;
prenotazione obbligatoria inviando un email a
ctaorganizzazione@uniroma1.it

www.uniroma1.it/cta


ENRIQUE VARGAS, regista e antropologo colombiano, già all’età di sei anni, comincia a costruire i suoi primi percorsi labirintici, all’interno dei quali crea delle situazioni ludico sensoriali, con le quali coinvolge i piccoli amici compagni di gioco. A questo innato talento creativo l’autore affianca una solida formazione professionale, che svolge sia presso l’Accademia di Arte Drammatica di Bogotà, che presso l’Università del Mitchigan, dove si laurea in Antropologia teatrale. Sono anni in cui compie anche le prime esperienze e collaborazioni lavorative, specialmente presso il prestigioso centro teatrale “La Mama” di New York, poi con il “Bread and Puppet” indaga, insieme con Peter Schuman, la poetica dell’oggetto.
Ottiene la cattedra di Drammaturgia dell’immagine sensoriale presso l’università nazionale di Bogotà.
E’ del 1993 la fondazione della Compagnia del Teatro de los Sentidos, all’interno della quale approfondisce il tema della poetica sensoriale, intesa come relazione espressiva tra corpo e memoria, tra plasticità dello spazio scenico ed esperienza sensorial-teatrale.
La sua ricerca ha dato vita alla trilogia “Sotto il segno del labirinto”.
Enrique Vargas è presente in Italia con i suoi laboratori presso il Centro Culturale il Funaro (Pistoia), che è sede italiana della Scuola dei Sensi.

Vargas è stato insignito di numerosi e prestigiosi riconoscimenti internazionali, tra i quali:
Il primo premio del XXIV Salone nazionale degli artisti di Bogotà (Colombia), Premio miglior opera per pubblico e critica presso il Festival Internazionale del Teatro delle Nazioni, di Santiago del Cile, Premio Tucàn d’Oro al VII Festival Latinoamericano del Teatro di Càdiz, Riconoscimento UNESCO al Festival Latinoamericano di Teatro di Bogotà, Premio nazionale di Drammaturgia di Bogotà.

Organizzazione
Giusy Bitto (Centro Teatro Ateneo) – tel 06 49914652

Ufficio stampa e comunicazione
Emanuela Rea (PAV) – tel. 06 44702823 / 06 49385619
organizzazione@pav-it.eu

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node