DEFORMATI E SFORMATI
E per questo affascinanti, intriganti e vivi. Sono gli edifici e le opere d'arte di un parco molto speciale
Carissimi bazarwebbiani,
eccoci di nuovo per affrontare insieme l’autunno, momento tanto romantico per i colori, quanto duro (preludio al buio e al freddo dell’inverno).

Per questo nuovo numero trimestrale, voglio consigliarvi un parco, certamente a voi noto (almeno per sentito dire) ma, se non visitato, direi ottima occasione (quasi obbligatoria) per fare una esperienza transgender!

Perché?

Si chiama “Parco dei Mostri di Bomarzo”: sculture che si contaminano col bosco, dimensioni trasformate e trasformanti, deformazioni percettive (la casa pendente, se ci si entra dentro, dà la nausea per una strana interazione col funzionamento del nostro labirinto auricolare!), simboli eccentrici e metafore suggestionanti.

BOMARZO

Fu ideato dall'architetto Pirro Ligorio (completò San Pietro dopo la morte di Michelangelo e realizzò Villa d'Este a Tivoli) su commisione del Principe Pier Francesco Orsini detto Vicino "sol per sfogare il core", rotto per la morte della moglie Giulia Farnese. Il parco nacque nel 1552 come "Villa delle meraviglie" per essere un'opera unica al mondo ma restò in ombra, sconosciuto ai più.
Fino al 1954, quando venne acquistato dal Sig. Giovanni Bettini che, con amorevole cura lo ha rimesso su (si è fatto seppellire nel parco!).
La visita si articola in una serie di tappe tra la mitologia ed il fantasy, più di una trentina.

Per info telefonate allo 0761924029.

Ps.consiglio lunga osservazione di fronte alla posizione di Ercole e Caco…

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node