RIFIUTO MISCONOSCIUTO E RIFIUTO BENVOLUTO
C'è chi lo odia, chi lo nasconde, chi lo sottovaluta, chi lo teme. Ma anche chi lo recupera, chi lo valorizza, e chi lo trasforma in arte...
La (s)comparsa dei rifiuti
L’estate scorsa è stata, nuovamente, “animata” dalla spazzatura. E’ di poco tempo fa la notizia che il Governo Italiano avrebbe risolto l’emergenza rifiuti in Campania. Qualcuno, però, come Curzio Maltese sul Venerdì di Repubblica, ha da subito avanzato il ragionevole dubbio che la monnezza campana fosse stata nascosta “sotto il tappeto”. D’altro canto, come e dove far “sparire” tonnellate di rifiuti in così poco tempo?

RI-CICLO
Uno sguardo oltre i rifiuti
La Campania e Napoli, però, si stanno rimboccando le maniche per affrontare l’emergenza ambientale e ripensare il modello di sviluppo e gli stili di consumo.
Il risveglio del territorio campano viene guidato soprattutto da esponenti della società civile, da educatori ambientali (come Raffaele Del Giudice in “Biutiful Cauntri”) e da artisti.
Alla fine del giugno scorso a Casal di Principe (CE) si è tenuto “Le Terre di Don Peppe Diana”, festival sull’impegno civile e la protezione dell’ambiente, con dibattiti, concerti e spettacoli fra cui il nuovo lavoro di Ulderico Pesce “Asso di monnezza: il traffico illecito di rifiuti”.
www.dongiuseppediana.it/home.asp
www.uldericopesce.com/index.asp
Dopo Milano, arriva nel capoluogo campano “RI-Ciclo - Uno sguardo oltre i rifiuti”

alluminio

Dal 10 al 24 ottobre nell’Antisala del Consiglio Provinciale di Santa Maria la Nova saranno in mostra le foto di Ico Gasparri che ha fatto una mappatura del ciclo dei rifiuti di Napoli.

Ultimacena

Archeologo di formazione, Gasparri ci mostra la poesia e, addirittura, il romanticismo che possono nascondersi tra le crepe dell’immondizia.
L’artista cioè ci ricorda, con i suoi scatti, che quelle materie e quegli oggetti da cui ogni giorno ci mondiamo fanno parte di noi, ci appartengono ancora, ci riguardano.

plastica dettaglio
Fotografie di Ico Gasparri

La mostra prende l’avvio da un progetto di comunicazione artistica sulla questione ambientale del riciclo dei rifiuti urbani sviluppato da Gasparri stesso.
Dal 29/10 all’11/11, le opere saranno trasferite nella sede dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.
Info: 081-7642652 Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli
www.icogasparri.net

Ravenna2008 e Rifiutilab
E’ nato Rifiutilab, il primo portale italiano dedicato alla gestione dei rifiuti. Cioè un vero e proprio laboratorio, aperto ai contributi di associazioni e singoli, che sarà lanciato all’interno di “Ravenna2008”: dall’8 al 10 ottobre Ravenna ospita vari incontri di carattere educativo e informativo sulla relazione tra la gestione dell’acqua, dell’energia e dei rifiuti, la valorizzazione economica e lo sviluppo locale.

Chen Qiulin Lara Usic
Fotografie  di Chen Qiulin e Lara Usic

Sostengono la manifestazione altri due portali, Acqualab ed Energialab, dedicati alle politiche di gestione dell’acqua e dell’energia e, soprattutto, verrà inaugurata la mostra “Emergenze creative – rifiuti, acqua ed energia nell’arte contemporanea internazionale” nella sede del MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna: il tributo all’acqua nelle opere di Qiulin, Bhalla e Camerani; l’energia è protagonista delle installazioni di Scagnolari e Rubiku; i rifiuti “parlano” attraverso il video di Jijon.
Info:
www.ravenna2008.it
www.rifiutilab.it

Quando il cinema incontra il Paesaggio
A Catanzaro, dal 2 al 6 dicembre, si svolge il Secondo Festival Internazionale “Ambiente e Paesaggio”.
Tre le sezioni cui si può partecipare, “Un racconto da vedere”, “Aree protette della Calabria” e “Cinema, Ambiente e Paesaggio”, inviando i lavori entro il 30 ottobre 2008. La rassegna vuol essere un’occasione, attraverso film e documentari, di sensibilizzazione verso la salvaguardia dell’ambiente e di promozione del paesaggio italiano e calabrese in particolare.
Risalgono, infatti, solo a pochi mesi fa i timori che l’Italia non riuscisse ad adeguarsi alle direttive europee in materia di salvaguardia e tutela dell’ambiente e del paesaggio. A fine legislatura, il Ministro Rutelli, con la consulenza del Prof. Settis, è riuscito a mantenere l’impegno. Ora in Italia dovrebbe essere più facile e veloce intervenire contro ecomostri come quello di Punta Perotti a Bari.

Ma che cos’è il paesaggio?
Difficile definirlo e comprenderlo.
Può venirci in aiuto un libro appena pubblicato da Franco Angeli: Gli indicatori per il paesaggio di Adalberto Vallega, geografo e scienziato consulente dell’Onu e dell’Unesco. Il lavoro, che si presenta per gli addetti ai lavori, risulta uno strumento prezioso per capire la relazione tra il quadro normativo italiano e quello europeo nella definizione di paesaggio; ma soprattutto è utile per comprendere il ruolo degli indicatori di sviluppo sostenibile per orientarsi nella disciplina.
www.francoangeli.it
www.beniculturali.it 

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node