Cercate una trama? Allora non leggetelo…
Libro dell’inquietudine di Fernando Pessoa
A tutti i viventi invidio il fatto di non essere me".

Lo pensa Bernardo Soares, il doppio di Fernando Pessoa nel "Libro dell'inquietudine".
"Un alito di musica o di sogno, qualcosa che faccia quasi sentire, qualcosa che non faccia pensare". Bernardo guarda la propria vita da lontano, la studia, la sminuzza e non se ne innamora.

"Ogni giorno la materia mi maltratta. La mia sensibilità è una fiamma al vento".

Pessoa sente, e soffre.

Spellato vivo ma deciso a starne lontano, da questa sua esistenza. Pare uno che campi in uno stato di percezione alterata, tipo quando il sonno non arriva e senti i suoni ovattati, il rumor bianco.
L'autore potrebbe parlare in prima persona, ma è a Bernardo che fa scrivere il suo anomalo diario.
Che strano libro.
DoLoroso e acUto e triSte e poEtico. Di quella poesia che ci ripensi, e ti dici che è proprio così che sono le sensazioni dell'anima, quando decidono di prendere il sopravvento sulle cose. Se cercate una trama, questo è il libro sbagliato, perchè hanno trovato in un baule certi fogli slegati e incasinati che chissà come li ha scritti Pessoa, in che ordine e modo, e, volenterosamente, li hanno messi insieme.
Ma se vi va di godere di una qualità di pensiero alta e bella, se magari siete un po’ depressi e naturalmente avete messo su un cd di musica avvilita, e ovviamente guardando fuori ora quasi piove ma definitivamente ancora no, qui trovate qualcosa con del sublime autentico dentro.
Non so a voi, ma a me questo m'aiuta.

AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node