BaZar fa muSica
Bazar è una percuSSione... un pizzico che fa vibrare...

Bazar fa musica, certo.
Eppure, come bacchette, plettro e archetto, non è musica né ha un suono proprio: Bazar è una leva che, se messa in contatto con lo strumento musicale, libera suoni e sonorità, accompagnando, creando o narrando storie.

Come prodotto artigianale può essere perfetto e bellissimo ma è sempre inutile da solo, senza casse di risonanza che trasformino la cinesi meccanica in note armoniche.

Bazar è una percussione, lo strusciare di un crine su una o più sequenze di corde, un pizzico che fa vibrare: è un atto, una pratica attraverso una leva, su uno strumento.

La musica nasce e si articola (anche in evoluzioni complesse) dal contatto e dal movimento: lento o svelto, ritmato o melodico, riprodotto o improvvisato, monofonico o polifonico, se contenuto, crea riverbero, eco e rimbombo. Cioè, musica.

Percuotendo, pizzicando, strusciando chi si avvicina, Bazar fa musica: provocando partecipazione, creando appuntamenti, allargando lo spazio dove praticare contaminazioni e infezioni tra attività creative e ricreative, tra culture, etnie, tradizioni e popoli, tra generazioni e mestieri, tra saperi, tecniche e arti, tra generi, identità e gusti.

E se, come strumentista, Bazar ha l’enorme responsabilità di chi risponde dell'esatta intonazione, la sua musica succede indipendentemente, perché varia a seconda delle tensioni delle corde, dei crini o delle pelli. A seconda dei materiali o dei volumi dove si dimena la risonanza. A seconda dei diversi ritmi (del cuore, del respiro…) e delle diverse melodie (del sentimento, delle emozioni, delle sensazioni…). A seconda dei caratteri, delle personalità, dei carismi, dei tratti di chi si fa contattare.

Quindi, la musica di Bazar è ovunque ci sia risposta a uno stimolo, ovunque ci sia contatto e movimento: per questo è per tutte le persone vive, ovunque esse siano.

P.S.
Per avere un esempio perfetto di monofonia e polifonia, vi invito ad ascoltare la famosa Ciaccona della Partita per violino solo in re minore di Johann Sebastian Bach.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node