Bazar è un sapone: ripuliamoci
perkè gonFIARci e deFORMArci?
 Forse, invece di addobbarci, potremmo ripulirci (come gli angeli dai vestiti o i serpenti dalle squame usurate).

Infatti: Xché gonfiarci, deformarci, travestirci, nascondendoci?

Cosa celano siliconi, anabolizzanti e creatine?

Da cosa protegge uno status?

Da cosa isola una seconda pelle?

Perché distrarre, distrarci da ciò che esiste, per come esiste?

Scartare un regalo,

spogliare l’amato,

scoprire un segreto,

scolare la pasta,

sviluppare una foto,

restaurare un palazzo…

…separare la sostanza dallo scarto, svelare, portare alla luce, appassiona scienziati e poeti, inquirenti e artisti, amanti, archeologi, psicoanalisti, e tutti coloro che, come i cercatori d’oro, perseguono la traccia di una consistenza certa, al momento invisibile ma probabilmente di nuovo attualizzabile.

Un po’ come il sapone (in acqua calda ciò che non serve si scioglie e si distacca), con una o + passate (meglio se gentili e accurate), Bazar tenta di dare dignità al vero, evidenza all’esistenza, importanza e nudità all’essenziale che, da solo, può parlare a tutti e tutti universalmente riunire: testimoni leali di uno stesso divenire.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node