20 centimetri. Non è ovvio
A voi lo sembra, capisco, ma... lasciatemi spiegare

Lo so, lo so, che pare ovvio che vada al cinema a vedere un film su una transessuale, ma non è così!
E’ stato il mio amico del cuore che parla napoletano e fa le ceramiche a portarmici.
E ha fatto bene perché in questo momento di pigrizia esistenziale vedere il film "20 centimetri" in un cinema a Bologna è 
meglio di qualunque viaggio esotico!
Il film mi è piaciuto molto,è fuori dalle righe senza essere trasgressivo, eccentrico ma non kitch. In molti momenti mi sono emozionata. Soprattutto quando la protagonista transessuale ha paura e cade in narcolessie strategiche, addormentandosi per fuggire la situazione in cui si trova. Da lì partono dei deliri musicali in cui lei è protagonista di balletti strepitosi.
Mi sono eccitata anche. Quando lei è quasi costretta dal partner a penetrarlo.
:-P
Buona visione a tutti i tipi coraggiosi…!


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node