Architettura seXy
Cosa succede quando le forme arKitettoniKe si ispirano alle sinuosità del corpo umAno?

CostruZioni organiche

mario philippona design

La passione per il legno e l’attrazione per le forme del corpo femminile fanno di Mario Philippona uno scultore di architetture organiche. Con legname locale realizza mobili sexy, tavoli, sedie, armadi, oggettistica dal design sensuale che riproduce fedelmente le curve femminili curando molto i particolari. Apprendista carpentiere ad Amsterdam, ha lavorato poi a New York e a San Francisco dove ha studiato architettura per poi sviluppare la sua arte a Maasland, nei Paesi Bassi, sede del negozio-laboratorio Mario Philippona Design. Lo vediamo al lavoro e possiamo ammirare una ricca galleria di immagini su www.sexyfurniture.nl.

TURISMO fallico? BazaR coNsiglia

Forma fallica per la Swiss Re Tower, grattacielo soprannominato “Cetriolino” dai londinesi e firmato da Sir. Norman Foster. Ospita uffici e giardini d’inverno uno sull’altro. Salendo a spirale si raggiunge il top, una cupola vetrata, spaziosa e luminosa, da dove si prova il piacere di ammirare tutta Londra. Foto preliminari su www.reggie.net/album.php?albid=205.
Design fallico anche per la Torre Agbar di Barcellona ke nel 2006 ha vinto il premio International High-Rise per il miglior edificio multipiano non solo progettato, ma anche realizzato. Idea di Jean Nouvel, 144 metri d’altezza, 4400 finestre, un rivestimento in lamine di alluminio ondulato verniciato con colori diversi, lastre di cristallo in parte trasparenti e in parte opache. L’edificio, intelligente e biodinamico, cambia colore nell’arco della giornata e si illumina al buio in modalità multicolor. Si esibisce dal vivo giorno e notte o su www.torreagbar.com/home.asp.

torre agbar  Torre Agbar, Barcellona

Aumentando le dimensioni ci allunghiamo fino a 200 metri con il Turning Torso di Malmũ (Svezia), dinamica torsione che evoca la potenza muscolare. Progetto di Santiago Calatrava composto da 2.800 pannelli di alluminio incurvato e da 2.250 finestre. Posateci gli occhi su www.arcspace.com/architects/calatrava/torso2/torso2.html.
Più del doppio l’altezza del World Financial Center di Shanghai: 492 metri su 101 piani. Il progetto di Kohn Pederson Fox Architects www.kpf.com riserva uno spazio per un hotel di lusso con 300 stanze nella parte più alta della struttura www.shanghaihills.com/en.
Un’altra carica di 101 piani per i 508 metri dell’attuale grattacielo più alto del mondo, il Tajpei 101 di Taiwan, progettato da C. Y. Lee. Gli ultimi 7 piani sono riservati all’avveniristico centro commerciale Podium e sulla sommità è presente una sfera di 600 tonnellate sostenuta da 8 cavi e sospesa come un pendolo per ammortizzare le oscillazioni dovute a un’eventuale sisma. www.edilportale.com/edilnews/Npopup.asp?IDDOC=6026.
Esageriamo infine col futuro edificio più alto del mondo, il Burj Dubai negli Emirati Arabi. Il termine dei lavori è previsto per il 2008-2009 e il grattacielo si allungherà X svettare sempre più snello fino ai previsti 800 metri circa di altezza distribuiti lungo 160 piani che ospiteranno uffici, appartamenti, centri commerciali e hotel di lusso. Progetto di Skidmore, Owings & Merrill www.burjdubai.com/content/thetower.asp.

DESIGN ANATOMICAMENTE UMANO

cidade do sexo

Una Cidade do sexo a Copacabana, lungo l’Avenida Princesa Isabel. L’architetto brasiliano Igor de Vetyemy ha presentato al Comune di Rio de Janeiro la sua idea per un complesso architettonico con un design ispirato all’anatomia umana. La proposta ha suscitato polemiche per il già alto tasso di prostituzione della zona a luci rosse, ma nel progetto sono previsti, oltre a sexy shop, privé e spazi per spettacoli, anche un consultorio, alcuni ambulatori e un centro per l’educazione alla sessualità.
Immagini che stimolano la fantasia su www.cidadedosexo.arq.br.

architetTura e feliciTà: da leGGere!

architettura e felicità

Il design e l’architettura, attraverso inedite sperimentazioni e accostamenti di forme, materiali e stili, possono suscitare sensazioni nuove e regalare piacere e serenità. La qualità e la bellezza dell’ambiente in cui viviamo sono fondamentali per il benessere e su come l’architettura influenza la nostra esistenza si interroga e risponde il nuovo libro Architettura e felicità del saggista Alain de Botton www.alaindebotton.com/architecture.asp.
Edito nel 2006 in italiano da Guanda, 280 pagine, 16,50 €, e in inglese da Hamish Hamilton Ltd col titolo The Architecture of Happiness.


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node